VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!!

15.11.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 24872 volte
La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!!

La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti e/o arrabbiati. Bene, io vado contro corrente: ma la Nazionale interessa davvero a qualcuno? Ai presidenti dei top club italiani il bene dell’Italia è una priorità? Non credo. I club devono pensare a vincere in Italia e in Europa, non a “creare” giocatori da “prestare” alla Nazionale. Vi informo che le franchigie NBA, massima lega di basket nel mondo, possono decidere di obbligare i propri tesserati a non rispondere alla convocazione della nazionale a stelle e strisce… Davvero è possibile rifondare la nostra Nazionale senza “l’aiuto” dei club e, soprattutto, c’è una minima possibilità che questo “aiuto” arrivi naturalmente? Ed ecco la mia proposta: se davvero vogliamo costruire, per il futuro, una Nazionale importante e di alto livello, serve un radicale cambio di rotta. Un regolamento nuovo, inflessibile, chiaro: cinque giocatori italiani in campo (non in rosa) sempre e comunque, per qualsiasi club italiano di Serie A. Una “linea di intenti”, visto che, ovviamente, non si può impedire la libera circolazione di giocatori stranieri ma ci si può “accordare” per una linea comune, condivisa internamente. Una rivoluzione totale per “favorire” la crescita dei tanti giovani che sgomitano per trovare spazio nelle squadre di club. Ma questa “strada” è percorribile? Come reagirebbero i top club davanti ad un “regolamento” simile? Lo accetterebbero senza problemi? Quanto salirebbe il prezzo dei giocatori italiani con una rivoluzione di tale portata? E quanto si indebolirebbe il calcio italiano? Per questo credo che la premessa sia da sottolineare più e più volte: ci interessa davvero la Nazionale? Se la risposta è un “sì” convinto, allora bisogna intervenire bruscamente. Più spazio agli italiani, per il bene dell’Azzurro… Purtroppo credo che, dopo le tante parole e le indignazioni di questi giorni, si tornerà a parlare di volata Scudetto e di impegni di Champions League ed Europa League. Dimenticheremo la scoppola subita dalla Svezia, daremo la colpa a tutto e tutti ma non faremo nulla per evitare che ricapiti. Certo, qualche testa cadrà (e spero anche in tempi rapidi e che non si riduca tutto al solo “addio” di Ventura) ma le fondamenta resteranno le stesse di sempre. I top club compreranno sempre più giocatori stranieri e gli italiani in campo saranno sempre pochi, pochissimi. Poi, da buoni italiani, troveremo il nostro nuovo eroe da idolatrare, chiedendogli di trasformare le lacrime in gioia. Purtroppo il mondo del calcio è cambiato e, per vincere, servono progetti seri. Gli eroi, da soli, non servono più… Anche i supereroi Marvel, per trionfare, hanno dovuto mettersi insieme, creando gli Avengers.
Chiudo con una riflessione personale. Sono malato di pallone da quando ero un bambino. L’Italia mi ha regalato momenti indimenticabili. Ho gioito come un folle e pianto senza sosta per ore. Tuttavia, questa è la prima volta che resto senza parole. In cuor mio sapevo che, prima o poi sarebbe successo. Erano anni che mi aspettavo un crollo simile… Dopo il Mondiale del 2006, vinto con orgoglio, potevamo e dovevamo azzerare tutto e cominciare a costruire il nostro futuro. Non l’abbiamo fatto e, purtroppo, credo che non lo faremo neppure ora che abbiamo assistito alla pagina più triste della nostra storia calcistica…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.