VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

La partita del millennio, Messi e Neymar contro il Jorge Mendes FC. L'Inter non prende mai gol. Santa Lucia con un sacco di regali. Juventus non ancora da Scudetto (sarebbe servito Conte). Napoli alla prova di maturità

13.12.2015 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 36610 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Gestifute. Il nome è anche simpatico. Si abbina perfettamente per una squadra di calcio che fa la spola fra la massima serie del calcio portoghese e la B. Oppure per un club brasiliano. Esotico, semplice da ricordare. Eppure è la squadra più forte del mondo, o quasi. L'idea di confrontare il potere di Jorge Mendes, il procuratore migliore del mondo, e il Barcellona è uscita durante una chiacchierata informale con Stefano Borghi, giornalista per FoxSports, che ha commentato il Clasico stravinto dai blaugrana. Da una parte c'è una squadra che, pur avendo mille difetti, gioca e si diverte con il calcio. Dall'altra i problemi di Benzema, le voci dietro Cristiano Ronaldo, il teatrino de Gea in estate: l'impressione è che il Real Madrid abbia molte difficoltà interne, dovute anche al calo di potere, netto e deciso, di Florentino Perez. Probabilmente a breve ci saranno elezioni e una spaccatura ampia: perché, appunto, nel Real Madrid il fattore Gestifute è quasi in maggioranza. Cristiano Ronaldo e James Rodriguez, per dirne due, prima c'erano anche Fabio Coentrao e Angel Di Maria. O Pepe, ancora dei Galacticos, infine José Mourinho. L'undici migliore di Jorge Mendes potrebbe battersi con il Barça: in porta Ederson, portiere del Benfica. Difesa con Pepe, Mangala e Thiago Silva. Bernardo Silva a destra, Coentrao a sinistra, William Carvalho in mezzo. Joao Moutinho e James Rodriguez in cabina di regia, davanti Cristiano Ronaldo e Falcao. Oppure Diego Costa. E in panchina Garay, André Gomes, Carlos Vela, Danilo, Danny. Miguel Veloso, Ruben Neves. Insomma, Jorge Mendes punta a diventare un punto di riferimento (reale) per il club più conosciuto del mondo. Il Real Madrid non vuole permetterglielo.

Oggi è Santa Lucia e per chi, come me, viene da Bergamo (ma più in generale dal nord), non può che essere un giorno speciale. Perché più che Babbo Natale era la cieca più conosciuta (sin da quando si è bambini) a portare i regali, e il giorno dopo a scuola c'era pure la possibilità di giocare con quello che ti aveva portato. Una tradizione ben rispettata da questa giornata di campionato, perché dopo l'Inter - impossibile è stucchevole fermarsi a ciò che non andrebbe in casa Mancini, Handanovic non prende mai gol e il campionato italiano viene vinto dalla miglior difesa) ci sono due scontri al vertice molto interessanti. Juventus-Fiorentina, gara molto sentita a Firenze, è da sempre un derby atipico, sin dai presunti torti (arbitrali) di trenta anni fa: da lì si è sviluppata una sorta di voglia di rivincita che i viola non riescono mai a perdere, tanto più che il 4-2 di Giuseppe Rossi è ancora ricordato come una partita da liberazione. Potrebbe esserlo anche stavolta, sebbene non ci sia Batistuta in campo (l'ultimo che a Santa Lucia aveva demolito i bianconeri) ma l'ottimo Kalinic, vero e proprio attore protagonista di questo inizio anno. Troppo facile il conto del possibile Scudetto, meno semplice dire che la Juventus è ancora fuori dalla lotta. Perché, al di là di tutto, serve vincere tutte le sfide per rientrare davvero del tutto: servirebbe più Conte che Allegri, in questo momento, ma la forza dei piemontesi è stata quella di accantonare Morata, con una mossa impopolare, per giocare con Mandzukic e Dybala. Dall'altra parte Roma e Napoli sono più in là con i discorsi: ma se i giallorossi vedono tutto nero, i partenopei possono dirsi soddisfatti, al di là della sconfitta con il Bologna. Due squadre agli antipodi che però sono a un passo l'una dall'altra. Anche per gioie e dolori d'Europa. Il Napoli, vincendo, potrebbe dimostrare di essere all'altezza della situazione (e della lotta Scudetto): di fatto, però, nessuno dei match odierni determinano alcunché, con ventidue partite ancora da giocare. Ma chi si allontana dovrà poi fare un filotto: il Napoli è in grado, per le avversarie non è così matematico.

Infine un plauso a Roberto Donadoni, incredibile protagonista con il suo Bologna. Ha perso solamente una gara, contro il Torino, nelle ultime sei. Vincendone altre quattro e pareggiando proprio con la Roma. Dopo l'anno con il Parma non può essere che una bellissima notizia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.