HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
14.10.2018 10:12 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 41152 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale? E' colpa di Ventura. Salta lo streaming di Dazn? Nemmeno a dirlo.
Sia chiaro: se non siamo andati in Russia le colpe principali sono sue. Dopo la batosta in Spagna è entrato in un loop micidiale che l'ha portato a sbagliare tutto sino alla sfida di San Siro. Però, non dimentichiamolo, nei due precedenti Mondiali non era poi andata molto meglio, segno che i problemi sono più radicati e profondi. Aveva tutte le ragioni del mondo Winston Churchill quando diceva che gli italiani vanno alla guerra come fosse una partita di calcio e vanno a una partita di calcio come fosse una guerra. Perché quella intrapresa contro l'ex ct è stata una vera e propria guerra, senza sosta né possibilità di redenzione.
Una mitragliata di insulti che negli ultimi giorni ha trovato nuova linfa nella decisione del ChievoVerona di affidare la panchina proprio all'ex commissario tecnico. Una scelta che, nemmeno a dirlo, ha trovato pochissimi consensi. Ma che analizzata con un pizzico di lucidità è probabilmente la migliore possibile, per entrambe le parti. E' la migliore per il Chievo perché, in questo momento, era praticamente impossibile trovare un allenatore di questa caratura voglioso di tuffarsi in una impresa così disperata. Perché Ventura, che da selezionatore ha fatto un disastro, è pur sempre allenatore che in Nazionale c'è arrivato, l'ultimo ad aver qualificato in Europa un Torino che non è quello di adesso, né quello degli ultimi anni. Un lusso per il Chievo di questi tempi, insomma. Ma è la migliore scelta anche per Ventura, che dopo lo 0-0 di San Siro ha visto la sua carriera compromettersi definitivamente. Solo una impresa straordinaria come quella di salvare un Chievo a -1 dopo 8 giornate può riabilitarlo. Tornerebbe a essere considerato un allenatore, non solo colui che non ha portato l'Italia al Mondiale.
Non solo Chievo-Ventura, però. La seconda sosta della stagione è servita anche per un altro ribaltone, molto meno logico, come quello operato dal Genoa. Non sorprendente, visto che il presidente è Enrico Preziosi. Ma difficilmente spiegabile senza dubbio, anche perché Ballardini ha dovuto lasciare una squadra potenzialmente quarta in classifica. E, inoltre, ha decuplicato il valore di Piatek in meno di dieci partite. Torna in sella Ivan Juric, per la terza volta. E al croato va solo un grosso in bocca al lupo perché, con questi chiari di luna, non sarà scontato per lui superare la prossima sosta visto che nei prossimi cinque match il Genoa affronterà Juventus, Udinese, Milan, Inter e Napoli.
Ma questa pausa è servita anche per mettere a segno i primi acquisti di gennaio. Il Milan ha preso Lucas Paquetà, stellina classe '97 del Flamengo. Nessuno ha dubbi sul suo talento, uno dei migliori del Sud America, più di qualcuno su una sua collocazione tattica nel 4-3-3. Il Genoa riporterà a casa Miguel Veloso, portoghese svincolato che senza altre offerte ripartirà dal 'suo' club. E poi l'Arsenal, che ha già messo a segno un acquisto poco reclamizzato ma sicuramente interessante: Miguel Almiron, centrocampista classe '94 nonché uno dei migliori giocatori dell'ultima Major League Soccer.

Capitolo Nazionale. Ha ragione Bonucci quando dice che siamo messi peggio di undici mesi fa. Contro la Svezia a San Siro abbiamo toccato il fondo, mentre da allora abbiamo iniziato a scavare col risultato che nel 2018 abbiamo conquistato una sola vittoria contro la modestissima Arabia Saudita. E che stasera, contro la Polonia, ci giochiamo la permanenza alla Lega A della Nations League. Siamo dinanzi a uno dei punti più bassi della storia di una delle Nazionali più illustri della storia del calcio e pensare di tornare in pochi anni ai livelli di Germania 2006 è, al momento, pura utopia.
Però, mercoledì sera a Genova contro l'Ucraina s'è cominciata a intravedere la luce in fondo al tunnel. S'è vista una formazione che può rappresentare la base di partenza su cui poggiarsi. La qualità di Jorginho di Verratti è imprescindibile per una squadra che di qualità ne ha poca, così come la determinazione e la leadership di Barella. Donnarumma è il miglior portiere classe '99 in giro per il mondo e non ci si può voltare dall'altro lato. Fondamentale, inoltre, che un gruppo così giovane sia guidato dall'esperienza di Bonucci e Chiellini.
E poi c'è l'attacco, c'è quel tridente senza centravanti di ruolo che solo giocando insieme può crescere e migliorare. "Insigne in questo momento è il miglior calciatore italiano, poi stravedo per Bernardeschi e al terzo posto ci metto Federico Chiesa", ha detto Maurizio Sarri ieri al Corriere dello Sport. E' l'attacco migliore possibile e se lo dice lui, che nella scorsa stagione con un attacco simile ha portato il Napoli a un passo dalla Juventus, c'è da fidarsi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510