HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato...

13.12.2018 07:11 di Luca Marchetti   articolo letto 14147 volte
© foto di Federico De Luca

Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti.
Mercoledì Juve e Roma si imbattono in due euro figuracce, seppure con la qualificazione al sicuro e la Juventus, addirittura, nonostante la sconfitta passa il turno comunque come prima (visto che c’è sempre chi fa di peggio).
Possiamo dirlo apertamente: è una questione di mentalità, di approccio, di motivazioni. O di tutte e tre le cose insieme. Sono le caratteristiche che non puoi comprare al mercato, che devi avere, devi avere la pazienza di costruire, vengono con l’esperienza.
L’unica giustificabile è la Juve per tutta una serie di motivi. Innanzi tutto quello pratico: la sconfitta è indolore (per fortuna dei bianconeri) e poi perché è la prima in trasferta di tutto il 2018 (23 vittorie e 3 pareggi) e in Champions bisogna risalire ancora più dietro: 12 settembre 2017, Barcellona Juventus 3-0. Insomma un passaggio a vuoto si può anche perdonare, soprattutto visto che non è costato nulla in termini di classifica (visto che quest’anno arrivare primi conta...).
Le altre sinceramente devono leccarsi le ferite e cercare di ri-trovare la proria identità. La Roma non doveva vincere, anche se lo avesse fatto non sarebbe cambiato nulla per il proprio destino. Ma perdere, così no. Visto che ci si aspettava una reazione d’orgoglio, visto che serviva dare delle risoposte a Di Francesco rispetto al lavorod i quest’anno. E invece è arrivata ancora una sconfitta che se da una parte nel cammino di Champions non sposta assolutamente nulla, dal punto di vista del morale la situazione cambia eccome. All’orizzone la sfida con l’ex Prandelli e una squadra che vuole riscattarsi e poi la Juventus prima di Natale. Insomma bisogna rimettersi in pista subito: ecco perché la sconfitta contro io Viktoria Plzen fa male. Consegna una squadra con un’emorragia che non è stato possibile frenare e la situazione sta diventando (soprattutto a livello ambientale) molto delicata.
Senza contare che il futuro (almeno a livello di numeri e statistiche) non sorride ai giallorossi. A Sky abbiamo calcolato le probabilità dei sorteggi tenendo conto dei paletti (no squadre stesso paese e no squadre stesso girone): bene la Juventus come squadra più “probabile” (sebbene non con una probabilità altissima: 18,51%) ha l’Atletico Madrid (che insieme al Liverpool è la più forte che i bianconeri possono pescare), mentre alla Roma nel 23,76% dei casi spetta il Manchester City (in questo caso percentuale non così irrilevante). Non sarebbe cambiato nulla con una vittoria stasera, solo la testa sRebbe stata diversa e forse la convinzione. Detto che da qui a febbraio può cambiare molto, se non tutto.
Sarebbe cambiato qualcosa se le altre due italiane fossero passate. E lo avrebbero potuto fare. Il Napoli aveva a disposizione due risultati su tre. Ne avrebbe avuti anche di più se non avesse preso il gol della Stella Rosa, o se ne avesse segnato uno all’andata, o se Di Maria al 93esimo non avesse trovato il tiro del 2-2. È arrivata a giocarsela all’ultima giornata (e questo è un merito) ma poi non ha retto l’urto del Liverpool che è stato devastante. Certamente vanno fatti i complimenti ai ragazzi di Klopp, ma il Napoli deve rimproverarsi altrettanto certamente qualcosa. Ancelotti aveva detto “saremmo dei coglioni a non passare il turno”. Ora non serve essere così duri, ma una riflessione va fatta sulla capacità di crescita a livello internazionale dei partenopei.
A maggior ragione la riflessione la deve fare l’Inter. Non basta Marotta. A san Siro si è vissuto quasi uno psicodramma. L’Inter aveva davvero il suo destino in mano (nonostante dipendesse dal Barcellona) ma con due partite gestite nel peggior modo possibile ha buttato al vento una qualificazione che sembrava davvero alla portata. Qui non è questione soltanto di uomini o di scelte dell’allenatore. È proprio l’approccio, la gestione della vigilia e della gara, la frenesia e la frustrazione durante la partita. Il lavoro di Spalletti da questo punto di vista non è affatto completato. Anzi: quando sembrava che l’Inter ne fosse fuori ci è ripiombata con tutte le scarpe. Complici sicuramente gli ultimi risultati (Roma, Tottenham e Juve, appunto). Il distacco dalla prima della classe, l’eliminazione dalla Champions impongono riflessioni. Profonde riflessioni. Ma attenzione che gli errori non sono mai soltanto da una parte sola.
È per questo che il mercato conta relativamente, in questo frangente. È chiaroche un giocatore in più o in meno può fare la differenza. Ma le 4 di Champions devono pensare ai loro equilibri, alle loro strategie.
E Juve a parte, tutto ancora sembra in discussione...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->