HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato...

13.12.2018 07:11 di Luca Marchetti   articolo letto 14154 volte
© foto di Federico De Luca

Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti.
Mercoledì Juve e Roma si imbattono in due euro figuracce, seppure con la qualificazione al sicuro e la Juventus, addirittura, nonostante la sconfitta passa il turno comunque come prima (visto che c’è sempre chi fa di peggio).
Possiamo dirlo apertamente: è una questione di mentalità, di approccio, di motivazioni. O di tutte e tre le cose insieme. Sono le caratteristiche che non puoi comprare al mercato, che devi avere, devi avere la pazienza di costruire, vengono con l’esperienza.
L’unica giustificabile è la Juve per tutta una serie di motivi. Innanzi tutto quello pratico: la sconfitta è indolore (per fortuna dei bianconeri) e poi perché è la prima in trasferta di tutto il 2018 (23 vittorie e 3 pareggi) e in Champions bisogna risalire ancora più dietro: 12 settembre 2017, Barcellona Juventus 3-0. Insomma un passaggio a vuoto si può anche perdonare, soprattutto visto che non è costato nulla in termini di classifica (visto che quest’anno arrivare primi conta...).
Le altre sinceramente devono leccarsi le ferite e cercare di ri-trovare la proria identità. La Roma non doveva vincere, anche se lo avesse fatto non sarebbe cambiato nulla per il proprio destino. Ma perdere, così no. Visto che ci si aspettava una reazione d’orgoglio, visto che serviva dare delle risoposte a Di Francesco rispetto al lavorod i quest’anno. E invece è arrivata ancora una sconfitta che se da una parte nel cammino di Champions non sposta assolutamente nulla, dal punto di vista del morale la situazione cambia eccome. All’orizzone la sfida con l’ex Prandelli e una squadra che vuole riscattarsi e poi la Juventus prima di Natale. Insomma bisogna rimettersi in pista subito: ecco perché la sconfitta contro io Viktoria Plzen fa male. Consegna una squadra con un’emorragia che non è stato possibile frenare e la situazione sta diventando (soprattutto a livello ambientale) molto delicata.
Senza contare che il futuro (almeno a livello di numeri e statistiche) non sorride ai giallorossi. A Sky abbiamo calcolato le probabilità dei sorteggi tenendo conto dei paletti (no squadre stesso paese e no squadre stesso girone): bene la Juventus come squadra più “probabile” (sebbene non con una probabilità altissima: 18,51%) ha l’Atletico Madrid (che insieme al Liverpool è la più forte che i bianconeri possono pescare), mentre alla Roma nel 23,76% dei casi spetta il Manchester City (in questo caso percentuale non così irrilevante). Non sarebbe cambiato nulla con una vittoria stasera, solo la testa sRebbe stata diversa e forse la convinzione. Detto che da qui a febbraio può cambiare molto, se non tutto.
Sarebbe cambiato qualcosa se le altre due italiane fossero passate. E lo avrebbero potuto fare. Il Napoli aveva a disposizione due risultati su tre. Ne avrebbe avuti anche di più se non avesse preso il gol della Stella Rosa, o se ne avesse segnato uno all’andata, o se Di Maria al 93esimo non avesse trovato il tiro del 2-2. È arrivata a giocarsela all’ultima giornata (e questo è un merito) ma poi non ha retto l’urto del Liverpool che è stato devastante. Certamente vanno fatti i complimenti ai ragazzi di Klopp, ma il Napoli deve rimproverarsi altrettanto certamente qualcosa. Ancelotti aveva detto “saremmo dei coglioni a non passare il turno”. Ora non serve essere così duri, ma una riflessione va fatta sulla capacità di crescita a livello internazionale dei partenopei.
A maggior ragione la riflessione la deve fare l’Inter. Non basta Marotta. A san Siro si è vissuto quasi uno psicodramma. L’Inter aveva davvero il suo destino in mano (nonostante dipendesse dal Barcellona) ma con due partite gestite nel peggior modo possibile ha buttato al vento una qualificazione che sembrava davvero alla portata. Qui non è questione soltanto di uomini o di scelte dell’allenatore. È proprio l’approccio, la gestione della vigilia e della gara, la frenesia e la frustrazione durante la partita. Il lavoro di Spalletti da questo punto di vista non è affatto completato. Anzi: quando sembrava che l’Inter ne fosse fuori ci è ripiombata con tutte le scarpe. Complici sicuramente gli ultimi risultati (Roma, Tottenham e Juve, appunto). Il distacco dalla prima della classe, l’eliminazione dalla Champions impongono riflessioni. Profonde riflessioni. Ma attenzione che gli errori non sono mai soltanto da una parte sola.
È per questo che il mercato conta relativamente, in questo frangente. È chiaroche un giocatore in più o in meno può fare la differenza. Ma le 4 di Champions devono pensare ai loro equilibri, alle loro strategie.
E Juve a parte, tutto ancora sembra in discussione...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510