HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Milan punta su Pioli: la scelta vi convince?
  Si, è l'allenatore giusto
  No, era meglio confermare Giampaolo
  No, serviva un altro allenatore

La Giovane Italia
Editoriale

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato...

13.12.2018 07:11 di Luca Marchetti   articolo letto 14525 volte
© foto di Federico De Luca

Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti.
Mercoledì Juve e Roma si imbattono in due euro figuracce, seppure con la qualificazione al sicuro e la Juventus, addirittura, nonostante la sconfitta passa il turno comunque come prima (visto che c’è sempre chi fa di peggio).
Possiamo dirlo apertamente: è una questione di mentalità, di approccio, di motivazioni. O di tutte e tre le cose insieme. Sono le caratteristiche che non puoi comprare al mercato, che devi avere, devi avere la pazienza di costruire, vengono con l’esperienza.
L’unica giustificabile è la Juve per tutta una serie di motivi. Innanzi tutto quello pratico: la sconfitta è indolore (per fortuna dei bianconeri) e poi perché è la prima in trasferta di tutto il 2018 (23 vittorie e 3 pareggi) e in Champions bisogna risalire ancora più dietro: 12 settembre 2017, Barcellona Juventus 3-0. Insomma un passaggio a vuoto si può anche perdonare, soprattutto visto che non è costato nulla in termini di classifica (visto che quest’anno arrivare primi conta...).
Le altre sinceramente devono leccarsi le ferite e cercare di ri-trovare la proria identità. La Roma non doveva vincere, anche se lo avesse fatto non sarebbe cambiato nulla per il proprio destino. Ma perdere, così no. Visto che ci si aspettava una reazione d’orgoglio, visto che serviva dare delle risoposte a Di Francesco rispetto al lavorod i quest’anno. E invece è arrivata ancora una sconfitta che se da una parte nel cammino di Champions non sposta assolutamente nulla, dal punto di vista del morale la situazione cambia eccome. All’orizzone la sfida con l’ex Prandelli e una squadra che vuole riscattarsi e poi la Juventus prima di Natale. Insomma bisogna rimettersi in pista subito: ecco perché la sconfitta contro io Viktoria Plzen fa male. Consegna una squadra con un’emorragia che non è stato possibile frenare e la situazione sta diventando (soprattutto a livello ambientale) molto delicata.
Senza contare che il futuro (almeno a livello di numeri e statistiche) non sorride ai giallorossi. A Sky abbiamo calcolato le probabilità dei sorteggi tenendo conto dei paletti (no squadre stesso paese e no squadre stesso girone): bene la Juventus come squadra più “probabile” (sebbene non con una probabilità altissima: 18,51%) ha l’Atletico Madrid (che insieme al Liverpool è la più forte che i bianconeri possono pescare), mentre alla Roma nel 23,76% dei casi spetta il Manchester City (in questo caso percentuale non così irrilevante). Non sarebbe cambiato nulla con una vittoria stasera, solo la testa sRebbe stata diversa e forse la convinzione. Detto che da qui a febbraio può cambiare molto, se non tutto.
Sarebbe cambiato qualcosa se le altre due italiane fossero passate. E lo avrebbero potuto fare. Il Napoli aveva a disposizione due risultati su tre. Ne avrebbe avuti anche di più se non avesse preso il gol della Stella Rosa, o se ne avesse segnato uno all’andata, o se Di Maria al 93esimo non avesse trovato il tiro del 2-2. È arrivata a giocarsela all’ultima giornata (e questo è un merito) ma poi non ha retto l’urto del Liverpool che è stato devastante. Certamente vanno fatti i complimenti ai ragazzi di Klopp, ma il Napoli deve rimproverarsi altrettanto certamente qualcosa. Ancelotti aveva detto “saremmo dei coglioni a non passare il turno”. Ora non serve essere così duri, ma una riflessione va fatta sulla capacità di crescita a livello internazionale dei partenopei.
A maggior ragione la riflessione la deve fare l’Inter. Non basta Marotta. A san Siro si è vissuto quasi uno psicodramma. L’Inter aveva davvero il suo destino in mano (nonostante dipendesse dal Barcellona) ma con due partite gestite nel peggior modo possibile ha buttato al vento una qualificazione che sembrava davvero alla portata. Qui non è questione soltanto di uomini o di scelte dell’allenatore. È proprio l’approccio, la gestione della vigilia e della gara, la frenesia e la frustrazione durante la partita. Il lavoro di Spalletti da questo punto di vista non è affatto completato. Anzi: quando sembrava che l’Inter ne fosse fuori ci è ripiombata con tutte le scarpe. Complici sicuramente gli ultimi risultati (Roma, Tottenham e Juve, appunto). Il distacco dalla prima della classe, l’eliminazione dalla Champions impongono riflessioni. Profonde riflessioni. Ma attenzione che gli errori non sono mai soltanto da una parte sola.
È per questo che il mercato conta relativamente, in questo frangente. È chiaroche un giocatore in più o in meno può fare la differenza. Ma le 4 di Champions devono pensare ai loro equilibri, alle loro strategie.
E Juve a parte, tutto ancora sembra in discussione...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Genoa-Milan, un sabato di passione. Ultima chiamata per Giampaolo ma l’eventuale sostituto resta un rebus. Ai rossoneri serve un leader alla Ribery. Inter, contro la Juventus  ancora fiducia a Lautaro, Ramsey la chiave tattica di Sarri 05.10 - C’è una partita che vale una stagione o quasi. Dopo 6 giornate di campionato Genoa-Milan è uno spartiacque per Andreazzoli e Giampaolo. Ed è incredibile soprattutto la situazione del Milan Il rendimento dei rossoneri è inspiegabile, 2 vittorie e 4 sconfitte, le ultime 3 consecutive,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, sfida totale alla Juve. Torna Lukaku con Politano, Ronaldo con Higuain e Ramsey. Sarri-Conte dall’Arezzo allo scudetto. Milan, confusione totale: Elliott deve vendere nonostante le smentite. Insigne, ecco cosa è successo con Ancelotti 04.10 - Sarri e Conte, due allenatori che dodici anni fa non riuscirono a salvare l’Arezzo dalla retrocessione in serie C, domenica si ritrovano a ragionare di scudetto. E’ un’altra bella storia o favola, fate voi, confezionata dal Dio del Pallone. Quell’anno si divisero il lavoro su una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510