VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
27.03.2017 12:18 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 31455 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i falsi moralisti sono i tifosi possiamo dire che va bene così, perché il tifoso non ragiona ma segue la fede. Se l'intercettazione riguarda la Juventus, tutti gli altri spalancano gli occhi e si indignano di fronte a questo scandalo. Se l'intercettazione o lo scandalo riguarda Milan, Inter o Napoli allora tutte le altre tifoserie, con juventini in primis, puntano il dito contro. La storiella ormai la conosciamo bene ma, se i falsi moralisti sono giornalisti, dirigenti e addetti ai lavori allora non ci siamo. Vogliamo pulire il calcio per davvero? Bene, facciamolo, ma non deve essere una pulizia ad orologeria. Non facciamo i finti fessi che cadiamo dalle nuvole se leggiamo che nelle curve ci sono infiltrazioni della malavita e che le società per tenere buono l'ambiente provano ad accontentarlo. Quello che non va bene è che ci meravigliamo di cose che tutti sanno e quello che non possiamo permettere è che si punti il dito contro una società o una persona quando sappiamo bene che funziona così ovunque. Dalla serie A alla serie C. Ora nell'occhio del ciclone finisce Andrea Agnelli. Sicuramente Agnelli ha commesso una ingenuità perché i rapporti con l'esterno un Presidente non li può avere figuriamoci se di cognome fai Agnelli e se i primi nemici li hai dietro l'angolo. Che Agnelli abbia sbagliato sembra abbastanza chiaro, anche se le intercettazioni, come mille altre prove, possono essere manipolate, tagliate o estratte da un discorso più ampio. Quindi prima di giudicare dovremmo avere prove e fatti concreti. Detto ciò, il vero grande errore del Presidente Agnelli è stato quello di aver creato un filo diretto con il mondo esterno alla Juventus. Agnelli deve essere irraggiungibile, il telefono del Presidente deve essere sacro e, prima di arrivare al vertice, un gruppo di tifosi o di malavitosi deve superare 1.267 ostacoli. Qualcosa non è andato per il verso giusto e anche il nome di Antonio Conte rimbomba con una certa prepotenza in questa indagine. Chiuso il discorso Juventus, dovremmo salutare i falsi moralisti e indagare su tutte le società di calcio italiane. La domanda è semplice: vogliamo davvero combattere il fenomeno delle curve o indagare su Agnelli per metterlo in difficoltà pubblica in vista dei prossimi rimpasti societari? Parliamoci chiaramente e analizzeremo le questioni con il proprio nome. Complimenti alla Procura Federale che indaga ma i complimenti saranno maggiori se entrerà in tutte le questioni scabrose del calcio italiano: rapporti tra malavita e club per la gestione di biglietti e non solo nelle curve, coreografie pagate dalle società, trasferte appoggiate dai club, società che pagano a nero, partite truccate e commissioni di agenti gonfiate come un palloncino all'ingresso del circo. Sì alle indagini, quelle vere, no ai titoloni per spaventare una società.
Ci torniamo ad occupare di Milan dopo le recenti notizie che giungono dalla Cina e dal Lussemburgo. Sembra che il vero cinese del nuovo Milan sia nato a Pinerolo, non abbia gli occhi a mandorla e sia un manager più che un magnate. Si chiama Marco Fassone, l'uomo che più si è sbattuto per chiudere questo affare. Ha capito che - se non si fosse chiuso - ne sarebbe andata della sua credibilità e della sua professione. Si è dato da fare e alla fine ha raggiunto quell'obiettivo che in pochi credevano potesse raggiungere. Ovviamente aspettiamo la data del 14 aprile ma sembra che la strada tracciata sia, finalmente, quella giusta. Dopo il 14 aprile c'è il 15 aprile, dopo il 15 aprile sarà Pasqua, dopo Pasqua ci sarà Pasquetta e dal martedì successivo i guai saranno tutti di Massimo Mirabelli. Il Direttore Sportivo calabrese ha interrotto trattative e scouting in questo ultimo mese da infarto. Mi metto nei panni di Mirabelli e nella sua testa. Uno che ha l'occasione della vita, può essere il nuovo Direttore del Milan, si è dimesso dall'Inter e rischia di restare con un pugno di mosche. Ha giocato d'azzardo ma, se tutto andrà in porto, avrà fatto bene ad aver dato fiducia a Fassone. In questa storia c'è ancora qualche nodo che non torna al pettine. La tranquillità e la serenità di Adriano Galliani non sono comprensibili. Se togli il Milan a Galliani è come togliere la play station a mio nipote. Mirabelli dovrà mettere in campo tutta la sua conoscenza di calcio mondiale e non solo per creare un grande Milan, ma con questi presupposti non vorremmo essere nei panni del Direttore. Costruire un grande Milan con queste credenziali sarà difficile, pensare di fare una campagna milionaria con i soldi della colletta è compito arduo e sinceramente non sappiamo come si possa pensare in grande se dietro non hai solidità e soprattutto liquidità. L'unica speranza è che il Milan faccia come l'Inter. Prima un broker finanziario e poi il vero proprietario con il grano. Mirabelli è bravo, conosce l'Italia dalla A alla D e conosce bene campionati europei e sudamericani. Costruirà un Milan vincente e intelligente ma sicuramente sarà fondamentale il budget che avrà a disposizione. Bravo sì ma i miracoli li fanno altri che poi assurgono alle sfere celesti. Siccome non mi risulta che Mirabelli possieda doni ultraterreni, occorrerà tanto lavoro e qualche soldo per rifondare una squadra che ha pochi pezzi pregiati nel suo organico. Certamente Montella è uno di questi.
In serie B il Frosinone ha fatto uno scatto verso la serie A fondamentale, il Trapani da gennaio sembra un'altra squadra e in fin dei conti lo è, il Benevento rispecchia pregi e difetti del suo allenatore che gioca solo per sei mesi all'anno, mentre l'Avellino sprofonda pericolosamente a Terni e rimedia l'ennesima goleada. Con l'incubo penalizzazione la situazione si fa difficile. L'Ascoli non è né carne né pesce ed è l'esempio che vi facciamo da anni: un allenatore in B può solo peggiorare le cose ma non migliorarle. Aglietti è un disastro. In passato ha ammazzato Novara (retrocesso) ed Entella (retrocesso più play off buttato), Ascoli sembra il classico "vorrei ma non posso" come il suo tecnico che vive ogni anno di improvvisazione e senza idee. Un calcio brutto e una gestione di uno spogliatoio ai limiti del professionismo. Aglietti d'altronde sta bruciando la sua carriera inghiottito dalla sua presunzione che spesso sfocia in arroganza e maleducazione. Il vero guaio è per il Verona e siamo delusi dal Direttore Fusco che - con un budget da serie A e una potenziale squadra da serie A - rischia di non andare su. Anche se dovesse farlo, sarebbe il minimo indispensabile in una serie B mai così mediocre. Il più grande errore di Fusco? Prendere Pecchia in panchina. Il secondo più grande errore di Fusco? Non mandarlo via per non ammettere di aver sbagliato. Di questo passo rischia di finire male con un organico che non ha eguali in questa categoria.
In Lega Pro la vera regina dei tre gironi è al Sud. Complimenti al Foggia che in un girone difficile sta ottenendo un risultato storico. Non è facile restare bruciati dalla finale play off con il Pisa e ripartire con forza e fermezza per riprendersi la serie B. La vittoria sul Lecce e quella di ieri a Catania sono due pietre tombali sui sogni di gloria dei salentini. Nella vita spesso non c'è la controprova, nel calcio invece sì. A distanza di quasi un anno Foggia ha dato una risposta. Il vero segreto di quel Foggia non era De Zerbi ma è il Direttore Di Bari. La coppia funzionava, poi quando è scoppiata la proprietà ha fatto la scelta più giusta. Via De Zerbi che sembrava l'autore del miracolo e avanti con il Direttore. Inizialmente sembrava follia perché gli onori erano tutti per De Zerbi, invece il campo ha detto che De Zerbi ha ancora una certa esperienza da maturare mentre Di Bari è pronto per il grande salto. Palermo è stata la scelta più sbagliata per De Zerbi, allenatore giovane con grandi idee ma che ancora necessita di una certa esperienza da maturare sul campo, mentre il Direttore Di Bari non ha mai perso il controllo del suo Foggia. Complimenti anche a Stroppa che ha saputo resistere quando le cose non andavano benissimo e ha riconquistato una vetta che oggi è preziosa come l'oro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.