VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Le ultime due amichevoli sono state la conferma che Sarri merita credibilità e pazienza. Però deve sbloccare l'attacco. Mertens vuole il Napoli, nonostante le sirene stonate dell'Inter...

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
16.08.2015 08:11 di Raffaele Auriemma   articolo letto 56949 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il precampionato del Napoli è finito e da domani si entrerà nella settimana che porterà direttamente all'inizio della stagione. Per chi è diffidente sul rendimento di una squadra che ancora potrebbe cambiare volto fino al 31 agosto e per chi, invece, ha visto uno squarcio di luce soprattutto attraverso le ultime due amichevoli. Nel giro di una sola settimana, tra Oporto e Latina, gli azzurri non hanno subito gol e hanno mostrato una tenuta difensiva ben diversa rispetto al recente passato, oltre a sfoggiare quel Reina che tanto era mancato l'anno scorso. E' costata fatica e ripetizioni frequenti, quelle che Sarri ha dovuto mettere in pratica dal primo giorno a Dimaro, con l'ausilio del drone che ronzava sulle teste dei difensori per mettere a nudo quanto di errato era stato commesso negli ultimi due anni. E bene ha fatto Sarri, giacché di gol gli attaccanti del Napoli continueranno a segnarne tanti, a soffermarsi innanzitutto sul rifacimento di tutto l'impianto tattico della terza linea. Ed è per questo che il rude, severo, meticoloso, ma apprezzabile tecnico tosco-napoletano merita di ricevere la credibilità che i tifosi del Napoli gli stanno tributando. Tutti. Anche quelli che distratti dal nome roboante, non avevano capito che dietro quei trofei sbandierati dopo ogni sconfitta delle ultime due stagioni, c'era poc'altro. Loro, al pari dei fan che continuano a reclamare acquisti di una caratura superiore e che puntano il dito sulla rivoluzione tecnica che sta mettendo in pratica il presidente De Laurentiis. Sarri è uno stakanovista non di primo pelo eppure con le idee talmente chiare, da aver già dato al Napoli una struttura ed un equilibrio tale, che stupisce possano essere stati assimilati dal gruppo in così breve tempo. Oggi come ieri, la squadra tende sempre ad avere il pallone tra i piedi e tenere alta la linea dei difensori, senza però rischiare troppo come accadeva in precedenza. Non sarà semplice trovare la quadratura in pochi giorni, quelli che mancano all'inizio del campionato che vedrà il Napoli all'esordio in casa del Sassuolo che ha battuto l'Inter ed è stato superato dal Milan solo ai calci di rigore durante l'ultimo Torneo Tim. La formazione emiliana è ben allenata e già con una condizione smagliante, però è anche vero che le due milanesi hanno mostrato i soliti difetti nelle crepe di un mercato dissanguante. Il Napoli deve solo credere nelle sue possibilità e raddrizzare in fretta i movimenti offensivi, anche perché contro il Latina è stato sbloccato il risultato soltanto ad inizio secondo tempo, quando le due squadre avevano speso tanto ed è emersa la qualità tecnica dei campioni. Perché il Napoli balbetta nel suo reparto migliore? Di questo ne è a conoscenza Sarri che avrà sfruttato gli allenamenti e le sei amichevoli precampionato per farsi un'idea chiara su ciò che sarà meglio per sbloccare i bomber. Gli esperimenti sono finiti, ora bisogna riassumere le idee e decidere come sistemare tatticamente la squadra e se sarà ancora il caso di utilizzare certi calciatori diversamente dalle loro attitudini. A cominciare da Callejon: la posizione da punta centrale non gli si addice. E chissà perché, giacche al Real con Mourinho spesso spesso giocava da falso nueve. Magari la sua testa continua ad essere lontana da Napoli e non possiamo nemmeno fargliene un torto. Insigne trequartista? Fornisce lampi illuminanti del suo talento in un ruolo che gli si addice soprattutto quando guarda la porta avversaria, un po' meno quando c'è da accorciare le linee e chiudere gli spazi per le ripartenze avversarie: basterà rivedere come si comporta Saponara per capire perché Sarri insiste ad averlo e perché Insigne è molto più attaccante di lui. Sta di fatto che nel Napoli attuale sarebbe un sacrilegio tenere fuori l'uomo più in forma, quel Mertens che sta dimostrando con i fatti non solo di meritare il posto da titolare, anche da punta centrale, ma soprattutto di volere ancora il Napoli, nonostante certe sirene stonate provenienti dal capoluogo lombardo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.