HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore

15.12.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33462 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”.

Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore che almeno a parole smentisce l’operato del suo procuratore Mino Raiola.

E allora? Il giallo si infittisce.

Ma anche Raiola, sempre nella serata di ieri forse senza conoscere la presa di posizione di Donnarumma, è uscito allo scoperto accusando il direttore sportivo del Milan Mirabelli di aver montato questo caos soltanto perché “avrebbe qualcosa di personale contro di lui”.

Lo stesso Mirabelli, non più tardi di mercoledì, senza negare l’esistenza della lettera sulla violenza psicologica patita da Donnarumma, scritta dall’avvocato Rigo, collaboratore di Raiola, aveva però ribadito che tanto “Il portiere non è in vendita”.

Come si vede una vicenda incredibile, da tutti contro tutti. Imbarazzante per molti aspetti e ancora di più inaccettabile se pensiamo che il protagonista di tutta questa storia è un ragazzino di appena 18 anni. Con la sua giovinezza, con la sua fragilità, con il suo diritto di vivere una vita e una carriera serena. Il diritto di giocare a calcio per divertirsi.

Tutto questo per un cartellino che può valere più di cento milioni di euro, per provvigioni astronomiche e contratti a molti zeri. Business, insomma.

Come se Donnarumma non guadagnasse abbastanza (sei milioni), come se un contratto firmato soltanto pochi mesi fa fosse soltanto carta straccia.

Una vicenda inquietante che rende bene il calcio di oggi, uno spaccato di immoralità diffuso dove i valori contano meno di zero e l’unica cosa che importa sono i profitti.

Non sappiamo fino in fondo chi abbia ragione, da che parte stia la verità-vera, quello che ci sembra ormai chiaro è soltanto una cosa: questa è una vicenda paradossale. Gestita malissimo da tutti i protagonisti, anche dal Milan.

Era già chiaro l’anno scorso che la rottura fra le parti sarebbe stata insanabile. Il contratto firmato è stata solo una sorta di messa in scena ad uso e consumo del momento, un qualcosa di facciata.

Quando certi rapporti si logorano, prima e poi si rompono, provare a rimetterli assieme è stata la peggiore delle soluzioni possibili.

Sapendo dei cattivi rapporti con il procuratore Raiola e della volontà del ragazzo Donnarumma di monetizzare il più possibile, il Milan avrebbe dovuto andare oltre l’orgoglio e chiedere già l’anno scorso una cosa molto semplice a Raiola: vendi Donnarumma a chi ti pare, guadagna tu quello che vuoi, fai guadagnare il ragazzo, ma portaci una cifra congrua per il cartellino.

Come ha fatto la Juventus con Pogba. Opporsi a un procuratore con tanto pelo sullo stomaco come Raiola e ai giocatori, oggi è una battaglia persa. Certe situazioni vanno assecondante e pilotate se non si vuole uscire sconfitti a priori. E non ha senso neppure fare muro contro muro in virtù di contratti firmati, sono battaglie di retroguardia. L’ingenuità del Milan è apparsa in tutta la sua evidenza. Il pensiero di aver battuto Raiola costringendo Donnarumma a firmare il prolungamento del contratto l’estate scorsa, si è rivelato un boomerang devastante. Non si fanno patti con il diavolo.

Il Milan avrebbe vinto soltanto in un caso, se Donnarumma avesse lasciato Raiola per affidare la procura a un altro agente più vicino ai rossoneri. Nel momento in cui il portiere è rimasto fedele a Raiola è iniziato il secondo tempo di una partita complicatissima per il Milan.

Ora è chiaro che Donnarumma non può più restare a Milano. Ed è altrettanto chiaro che in presenza di una situazione così caotica, è più difficile strappare una cifra astronomica dal cartellino. Le società che lo vogliono sanno benissimo quello che sta succedendo e il prezzo va rivisto al ribasso.

Se poi, come qualcuno ha ipotizzato, anche al Milan (sotto sotto) piace l’idea di mettere Donnarumma sul mercato per incassare in un momento economicamente complicatissimo, montare questo caos mi sembra folle. La pretesa di vendere Donnarumma, riempire le casse e uscire fra gli applausi, se l’hanno pensata, è un’altra ingenuità al cubo.

In tutto questo, e scusate se mi permetto, vedo una assenza ingiustificata e ingiustificabile, che è quella della famiglia Donnarumma. Non credo che a questo punto della vicenda un milione in più o in meno di ingaggio, giocare o non giocare nel Milan, possa cambiare il futuro di persone che ormai hanno svoltato verso una ricchezza assicurata per un paio di generazioni. Ma del ragazzo Donnarumma vogliamo parlare?

La figura del procuratore nel calcio è efficace quando si occupa della valorizzazione sportiva, di quella economica, ma anche della felicità e dell’equilibrio dell’assistito. Il buon procuratore deve pensare al giocatore, ma anche alla persona.

E’ sicura la famiglia Donnarumma che l’operato di Raiola abbia fatto bene al Gigio giocatore e al Gigio persona? Io ho i miei dubbi, ma forse sono soltanto miei.

Comunque, da padre, ritengo inaccettabile che qualcuno possa delegare a terzi, soprattutto se fanno in primis i loro interessi, il futuro di un figlio. Campione o non campione. Su questo inviterei a una profonda riflessione.

Se i Donnarumma hanno affidato a Raiola tutta la procura, se sono prigionieri o estimatori, gli chiedano di portarlo immediatamente via dal Milan. Per il suo bene.

In caso contrario non resta che rompere con Raiola e provare a ripartire con il Milan su basi nuove.

Ma, comunque, questa vicenda non si recupera più, per i tifosi del Milan sarà dura che Donnarumma possa rifarsi una verginità.

Almeno questo forse c’è chi l’ha capito e parlo del Milan che stando alle voci insistenti provenienti dalla Spagna, avrebbe già in tasca un accordo con il portiere del Napoli Pepe Reina che ha rifiutato il rinnovo proposto da De Laurentiis e si libererà a fine stagione a parametro zero. E poco importa se Reina potrebbe essere il babbo di Donnarumma, l’importante è che non abbia Raiola come procuratore.

Infine una notizia e un avviso ai naviganti, a proposito di procuratori. Nella legge di stabilità che dovrebbe essere approvata a giorni, sono state inserite nuove norme che dovrebbero ripristinare l’albo dei procuratori, porre fine alla deregulation e ridare un senso anche legale a un mestiere che oggi sa molto di squalo e invece dovrebbe tornare ad essere un servizio e un supporto per i calciatori ma anche per le società.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter in sala di attesa. Roma, per Monchi iniziano i primi test. Se il Milan non le chiude diventa tutto difficile. Da visionario a luminare: Faggiano ha vinto con Gervinho. E De Zerbi non sarà più solo bello… 24.09 - In Italia conta solo una cosa: vincere! E fin qui siamo tutti d’accordo. Le prestazioni non vengono mai analizzate e, sinceramente, capiamo che l’unica medicina sono i tre punti. L’Inter non è guarita, ci mancherebbe, però in 4 giorni ha vinto due partite a tempo scaduto e alla Pinetina...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy