VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Lotito tra i bar di Caracas e Marotta può dargli lezioni. Tanti Florenzi, sarebbe bello. Super Pippo e il clima. Mandorlini non fa catenaccio

Alfredo Pedullà è nato a Messina il 15 aprile 1964. Lavora a Sportitalia, giornalista per passione e convinzione. Il più bel premio ricevuto è l'affetto della gente
29.09.2014 00.00 di Alfredo Pedullà  Twitter:    articolo letto 35981 volte
© foto di Federico De Luca

Alla voce Lotito leggo e memorizzo: deferito, inibito, accusato di aggiotaggio poi andato in prescrizione. Una sera di qualche anno fa mi tenne quaranta minuti, dopo una trasmissione, per spiegarmi la sua teoria sulla "morale, comportamenti, lealtà". Poi leggo quelle cose e penso: certo, ci vuole coraggio... Mi tenne quaranta minuti, sputando veleno sulla categoria dei giornalisti, disinformati e prevenuti, la stessa che spesso utilizza per mandare i suoi messaggi. Dice il saggio: quella nei riguardi di Marotta è stata una caduta di stile... Una caduta? Perché, ha stile Lotito? Quale, dove, come, quando? Uno per cadere deve avere lo stile, altrimenti affoga nella volgarità. Quella sera per quaranta minuti Lotito mi fece lezioni di lealtà, mentre fuori dalla tv (dove era arrivato con il solito ritardo: dicono che certi procuratori aspettino anche sei o sette ore, lui non conosce la puntualità, anche se la parola giusta sarebbe diversa) un'auto con i lampeggianti lo stava aspettando. La scorta, per cosa e perché io non l'ho mai capito, siamo in Italia. Viva l'Italia. Quattro mesi fa mi hanno sospeso la patente: omissione di soccorso per un incidente mai visto. Siamo in Italia. Viva l'Italia. Ora, io penso che se mi sospendono la patente per un incidente mai visto, giusto che Lotito abbia la scorta senza un perché e un per come. Giusto che la scorta aspetti quaranta minuti fuori con i lampeggianti, tanto la paghiamo noi. Giusto che il calcio italiano sia finito in questo vicolo. Non cieco, semplicemente vicolo Lotito: mi dicono che qualcuno ha il terrore quando parla lui. E se lui parlasse sempre in latino, piuttosto che in italiano fatto di intercalari ("guardi", "guardi", "guardi": a ogni domanda risponde così), ci risparmierebbe certe cadute. Che al confronto, come ho detto venerdì in tv, i frequentatori dei peggiori bar di Caracas sono rispettabilissimi gentiluomini. A proposito: i frequentatori di Caracas potrebbero non accettare il confronto e chiedere i danni.
Parlando di Marotta, l'ironia di Lotito è stata un misto tra il vomitevole e lo scontato. Scontato perché oggi siamo rappresentati da Lotito, quasi tutti figli di, l'uomo dei deferimenti, delle inibizioni e dell'aggiotaggio andato in prescrizione. Così Lotito sull'amministratore delegato della Juve: "Il problema con Marotta è che con un occhio gioca a biliardo e con l'altro mette i punti", ecco la sintesi del vomitevole riferimento allo strabismo del dirigente bianconero. Premesso che da Marotta il signor Lotito potrebbe prendere lezione di calcio (e di stile) prima e dopo i pasti, con approfondimenti magari durante la merenda, la domanda è: al prossimo giro cosa si inventerà l'uomo capace - unico al mondo o quasi nella storia dei presidenti - di far venire il voltastomaco a un'intera tifoseria, quella laziale? Capace di essere contestato a Salerno? Capace di suggerire direttori sportivi, uno in modo particolare gli fa da scendiletto tutti i giorni, anche in questo caso prima e dopo i pasti. Fossi in Marotta, la prenderei a ridere: lo spessore è quello, basterebbe pescare nei peggiori bar di Caracas per trovare di meglio. Ma io non sono sorpreso, Lotito ha complici anche nella mia categoria.
Ve ne racconto una di qualche mese fa: un inviato di Sportitalia, Luca Cilli, sta provando a fare con diligenza quello che dovrebbero fare tutti i giornalisti del mondo. Ovvero, qualche domanda a Lotito nel bel mezzo della nomina di Conte a commissario tecnico. Lui, il signor deferito più inibito più aggiotaggio prescritto, lo guarda dall'alto in basso e poi gli fa: "Spegni 'sta radio". Evidentemente non gradisce quel pressing mediatico. Alle spalle un gruppetto di giornalisti intento a ossequiare e non contraddire sor Claudio, il signor deferito più inibito più aggiotaggio prescritto.... Qualcuno lo conosco bene, classico figlio della scarsa meritocrazia che ogni tanto c'è all'interno di una redazione media. Tutti a spalleggiare Lotito che prende in giro un giovane giornalista, piuttosto che assumere una posizione "con le palle" a difesa di un collega non espertissimo che viene deriso mentre sta cercando di lavorare e si è imbattuto nell'uomo capace di essere detestato dal novantanove per cento della tifoseria laziale. Dite novanticinque e non novantanove? Sempre record è.
Certo, bisognerebbe parlare anche di calcio. Per fortuna, direi, visto che i temi non mancano. Se la Juve ha il Cannibale, Tevez li sbrana tutti, la Roma risponde con quel "matto" di Alessandro Florenzi. Matto nel senso buono, ci mancherebbe. La duttilità al potere, quei gol (in tutte le soluzioni, al massimo dell'imprevedibilità) li segnava anche a Crotone. Ma siccome era serie B nessuno li pesava come avrebbe dovuto. Siccome quel "matto" di Florenzi ha avuto la forza di ripetere lo stesso repertorio in serie A, chiaramente con i coefficienti di difficoltà molto più alti, bisogna soltanto esaltare questo made in Italy, fine gioielleria piuttosto che altissima bigiotteria. E avremmo bisogno di tanti Florenzi, sarebbe bello. Il resto è di una noia quasi mortale: Inzaghi dice che il Milan ha risentito del caldo, dai Pippo hai tutto il tempo che vuoi, ma non arrampicarti, il clima c'entra poco, non ha senso; Mazzarri non ci spiega per quale motivo l'Inter in difesa perda ettolitri di acqua; non si capisce perché la Fiorentina non dia più spazio a Bernardeschi, col senno del primo e non dopo l'assist a Babacar. Il Napoli? Ha ancora mille problemi, ma almeno ha vinto, servirà per non affogare nei veleni per almeno una settimana. E se Zeman si toglie qualche sassolino dopo l'impresa di San Siro ("Avevano già dato il Cagliari per retrocesso"), Ekdal spiegherà ai nipotini - tra vent'anni - che tre gol all'Inter li poteva stampare solo con quel signore boemo in panchina. O no?

Ps: sabato sera, dopo Roma-Verona, hanno dato del catenacciaro a Mandorlini. Sinceramente mi è sembrata una mezza cattiveria, se non una cattiveria completa. Se il Verona ha una caratteristica è quella di giocare sempre, almeno di provarci. Come ha fatto nel primo tempo dell'Olimpico, malgrado tantissime assenze (come quelle di Garcia, del resto). Nella ripresa la Roma ha forzato, ha pressato, sarebbe stato difficile per chiunque. Mandorlini non merita quell'etichetta, chi gliel'ha affibbiata dovrebbe documentarsi sul Verona e sul modo propositivo di fare calcio. I catenacci bisognerebbe metterli ai piedi di chi, non sono pochi, ha fatto mille attentati alla normalità del nostro calcio. Invece, chissà perché, lorsignori viaggiano sempre a piede libero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.