VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Lotito tra i bar di Caracas e Marotta può dargli lezioni. Tanti Florenzi, sarebbe bello. Super Pippo e il clima. Mandorlini non fa catenaccio

Alfredo Pedullà è nato a Messina il 15 aprile 1964. Lavora a Sportitalia, giornalista per passione e convinzione. Il più bel premio ricevuto è l'affetto della gente
29.09.2014 00:00 di Alfredo Pedullà  Twitter:    articolo letto 35987 volte
© foto di Federico De Luca

Alla voce Lotito leggo e memorizzo: deferito, inibito, accusato di aggiotaggio poi andato in prescrizione. Una sera di qualche anno fa mi tenne quaranta minuti, dopo una trasmissione, per spiegarmi la sua teoria sulla "morale, comportamenti, lealtà". Poi leggo quelle cose e penso: certo, ci vuole coraggio... Mi tenne quaranta minuti, sputando veleno sulla categoria dei giornalisti, disinformati e prevenuti, la stessa che spesso utilizza per mandare i suoi messaggi. Dice il saggio: quella nei riguardi di Marotta è stata una caduta di stile... Una caduta? Perché, ha stile Lotito? Quale, dove, come, quando? Uno per cadere deve avere lo stile, altrimenti affoga nella volgarità. Quella sera per quaranta minuti Lotito mi fece lezioni di lealtà, mentre fuori dalla tv (dove era arrivato con il solito ritardo: dicono che certi procuratori aspettino anche sei o sette ore, lui non conosce la puntualità, anche se la parola giusta sarebbe diversa) un'auto con i lampeggianti lo stava aspettando. La scorta, per cosa e perché io non l'ho mai capito, siamo in Italia. Viva l'Italia. Quattro mesi fa mi hanno sospeso la patente: omissione di soccorso per un incidente mai visto. Siamo in Italia. Viva l'Italia. Ora, io penso che se mi sospendono la patente per un incidente mai visto, giusto che Lotito abbia la scorta senza un perché e un per come. Giusto che la scorta aspetti quaranta minuti fuori con i lampeggianti, tanto la paghiamo noi. Giusto che il calcio italiano sia finito in questo vicolo. Non cieco, semplicemente vicolo Lotito: mi dicono che qualcuno ha il terrore quando parla lui. E se lui parlasse sempre in latino, piuttosto che in italiano fatto di intercalari ("guardi", "guardi", "guardi": a ogni domanda risponde così), ci risparmierebbe certe cadute. Che al confronto, come ho detto venerdì in tv, i frequentatori dei peggiori bar di Caracas sono rispettabilissimi gentiluomini. A proposito: i frequentatori di Caracas potrebbero non accettare il confronto e chiedere i danni.
Parlando di Marotta, l'ironia di Lotito è stata un misto tra il vomitevole e lo scontato. Scontato perché oggi siamo rappresentati da Lotito, quasi tutti figli di, l'uomo dei deferimenti, delle inibizioni e dell'aggiotaggio andato in prescrizione. Così Lotito sull'amministratore delegato della Juve: "Il problema con Marotta è che con un occhio gioca a biliardo e con l'altro mette i punti", ecco la sintesi del vomitevole riferimento allo strabismo del dirigente bianconero. Premesso che da Marotta il signor Lotito potrebbe prendere lezione di calcio (e di stile) prima e dopo i pasti, con approfondimenti magari durante la merenda, la domanda è: al prossimo giro cosa si inventerà l'uomo capace - unico al mondo o quasi nella storia dei presidenti - di far venire il voltastomaco a un'intera tifoseria, quella laziale? Capace di essere contestato a Salerno? Capace di suggerire direttori sportivi, uno in modo particolare gli fa da scendiletto tutti i giorni, anche in questo caso prima e dopo i pasti. Fossi in Marotta, la prenderei a ridere: lo spessore è quello, basterebbe pescare nei peggiori bar di Caracas per trovare di meglio. Ma io non sono sorpreso, Lotito ha complici anche nella mia categoria.
Ve ne racconto una di qualche mese fa: un inviato di Sportitalia, Luca Cilli, sta provando a fare con diligenza quello che dovrebbero fare tutti i giornalisti del mondo. Ovvero, qualche domanda a Lotito nel bel mezzo della nomina di Conte a commissario tecnico. Lui, il signor deferito più inibito più aggiotaggio prescritto, lo guarda dall'alto in basso e poi gli fa: "Spegni 'sta radio". Evidentemente non gradisce quel pressing mediatico. Alle spalle un gruppetto di giornalisti intento a ossequiare e non contraddire sor Claudio, il signor deferito più inibito più aggiotaggio prescritto.... Qualcuno lo conosco bene, classico figlio della scarsa meritocrazia che ogni tanto c'è all'interno di una redazione media. Tutti a spalleggiare Lotito che prende in giro un giovane giornalista, piuttosto che assumere una posizione "con le palle" a difesa di un collega non espertissimo che viene deriso mentre sta cercando di lavorare e si è imbattuto nell'uomo capace di essere detestato dal novantanove per cento della tifoseria laziale. Dite novanticinque e non novantanove? Sempre record è.
Certo, bisognerebbe parlare anche di calcio. Per fortuna, direi, visto che i temi non mancano. Se la Juve ha il Cannibale, Tevez li sbrana tutti, la Roma risponde con quel "matto" di Alessandro Florenzi. Matto nel senso buono, ci mancherebbe. La duttilità al potere, quei gol (in tutte le soluzioni, al massimo dell'imprevedibilità) li segnava anche a Crotone. Ma siccome era serie B nessuno li pesava come avrebbe dovuto. Siccome quel "matto" di Florenzi ha avuto la forza di ripetere lo stesso repertorio in serie A, chiaramente con i coefficienti di difficoltà molto più alti, bisogna soltanto esaltare questo made in Italy, fine gioielleria piuttosto che altissima bigiotteria. E avremmo bisogno di tanti Florenzi, sarebbe bello. Il resto è di una noia quasi mortale: Inzaghi dice che il Milan ha risentito del caldo, dai Pippo hai tutto il tempo che vuoi, ma non arrampicarti, il clima c'entra poco, non ha senso; Mazzarri non ci spiega per quale motivo l'Inter in difesa perda ettolitri di acqua; non si capisce perché la Fiorentina non dia più spazio a Bernardeschi, col senno del primo e non dopo l'assist a Babacar. Il Napoli? Ha ancora mille problemi, ma almeno ha vinto, servirà per non affogare nei veleni per almeno una settimana. E se Zeman si toglie qualche sassolino dopo l'impresa di San Siro ("Avevano già dato il Cagliari per retrocesso"), Ekdal spiegherà ai nipotini - tra vent'anni - che tre gol all'Inter li poteva stampare solo con quel signore boemo in panchina. O no?

Ps: sabato sera, dopo Roma-Verona, hanno dato del catenacciaro a Mandorlini. Sinceramente mi è sembrata una mezza cattiveria, se non una cattiveria completa. Se il Verona ha una caratteristica è quella di giocare sempre, almeno di provarci. Come ha fatto nel primo tempo dell'Olimpico, malgrado tantissime assenze (come quelle di Garcia, del resto). Nella ripresa la Roma ha forzato, ha pressato, sarebbe stato difficile per chiunque. Mandorlini non merita quell'etichetta, chi gliel'ha affibbiata dovrebbe documentarsi sul Verona e sul modo propositivo di fare calcio. I catenacci bisognerebbe metterli ai piedi di chi, non sono pochi, ha fatto mille attentati alla normalità del nostro calcio. Invece, chissà perché, lorsignori viaggiano sempre a piede libero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.