VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mancini verso la Nazionale. Juve tranquilla, Allegri non è il profilo per il Real. No di Cavani. Higuain via da Napoli. Ma Sarri resta?

04.03.2016 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38604 volte
© foto di Federico De Luca

Ci voleva la coppa Italia per vedere la vera Inter, quella che Mancini aveva in mente. Una squadra con un gioco essenziale, ma piena di carattere, rabbia agonistica e fisicità, dove tutti si sacrificano e lottano per novanta minuti. Troppo tardi? Forse.

Di sicuro all'interno della società le perplessità su questa stagione e sulle scelte di Mancini sono tante, ma anche l'allenatore sta seriamente pensando a un futuro diverso.

Da quando si è aperta con certezza la possibilità di andare in nazionale al posto di Conte, il Mancio riflette eccome. Lo ha confidato a diversi amici, ma lo ha pure detto pubblicamente, alla maglia azzurra è molto legato, non ha una storia in Nazionale da giocatore, gli piacerebbe averla da allenatore.

Cosa ne pensano in Federcalcio? Il nome di Mancini è girato, di sicuro è un allenatore vincente e conosciuto a livello internazionale, non è un maniaco del gioco organizzato e quindi avrebbe maggiori possibilità di far bene e far accettare le sue idee al gruppo. Le controindicazioni sono il budget a disposizione e la non altissima simpatia a livello popolare che ispira il tecnico nerazzurro. Conte ha strappato un ingaggio di quasi cinque milioni per l'intervento dello sponsor, ma un'operazione del genere con Mancini non è possibile. I contratti federali non superano il milione e mezzo, euro più euro meno. Poco per Mancini?

Chi lo conosce dice che sarebbe disposto a guadagnare meno per un incarico del genere. La pista è apertissima e la discussione avviata.

Che farà l'Inter? Mancini è stato consigliato da Moratti a Thohir, ma l'indonesiano si è un po' ricreduto. Non saremmo meravigliati se a fine stagione, soprattutto se l'Inter dovesse restare fuori dalla Champions, tornasse in ballo Frank De Boer, vecchio pallino, con il Mancio in Nazionale.

Ci sembrano invece avere poco fondamento le notizie che rimbalzano dalla Spagna su una attenzione del Real per Allegri. E' vero che forse tutte le divergenze con la Juve non sono state appianate e Allegri è uno permaloso. E' altrettanto vero che Branchini lo sta proponendo alla grande, ma il profilo dell'allenatore del Real è diverso da quello di Allegri. I madridisti si vogliono divertire, amano squadre che impongono il gioco, spregiudicate e l'eccessivo equilibrio del calcio di Allegri con  molte ripartenze e difesa bassa, di sicuro non piace. Perez invece vorrebbe un tipo alla Valverde del Bilbao che ha rinnovato di recente, ma potrebbe liberarsi.

Detto questo, restano le perplessità di Allegri sul contratto proposto dalla Juve fino al 2019 (due anni in più) con opzione per il 2020. Se ne doveva discutere a giorni, tutto è stato rimandato al dopo Bayern. Allegri vuole garanzie sulla campagna acquisti per evitare le contrapposizioni dell'estate scorsa. Non è più intenzionato ad accettare rose di non suo gradimento perché tanto poi il conto lo presentano a lui. L'idea di continuare c'è, basta capirsi. Sfumato il Chelsea e senza altre grandi panchine all'orizzonte, restare alla Juve in fondo conviene anche ad Allegri soprattutto se l'ingaggio (a salire) dovesse davvero arrivare a cinque milioni netti.

Per restare alla Juve, il solito obiettivo Cavani sta ancora una volta sfumando e il motivo è sempre più o meno il solito: l'ingaggio. Marotta ha sempre detto che la Juve non può pagare cifre da sei milioni in su, il Chelsea ed altri possono. Le conclusioni sono banali.

Restando agli allenatori, il toto panchina è vivo perché molte società vogliono definire il tecnico prima di fare mercato. Volete un esempio? Sarri. Resterà al Napoli? Questa è una bella domanda che è stata fatta anche a De Laurentiis. La risposta, come spesso accade, è stata imbarazzante. Il contratto del tecnico toscano era annuale, a 700 mila euro, con rinnovo per altri quattro. Sempre annuale. Secondo De Laurentiis la decisione è unilaterale, solo lui può decidere se tenere Sarri, se aumentargli o meno l'ingaggio e il tecnico deve solo accettare senza pretendere. Questa l'interpretazione presidenziale del contratto. La nostra impressione è che se De Laurentiis non si metterà a trattare il rinnovo su basi economicamente serie, difficilmente Sarri resterà a Napoli visto che continuano a corteggiarlo squadre italiane (il Milan), ma anche straniere. Non si può liberare? Questo lo dice il presidente, ma ne dice tante, il procuratore di Sarri la pensa in maniera opposta.

Anche la battuta sul peso di Higuain, altra gaffe di ADL, non è piaciuta affatto. Il fratello ha bollato certe parole come cazzate e siamo d'accordo. Il problema è che Higuain è permaloso e la voglia di restare a Napoli sta scendendo. L'argentino ha fatto un patto con Sarri, proverà a vincere qualcosa a Napoli, ama la città e i napoletani, vuol battere il record di Angelillo (34 gol stagionali), ma il dopo è tutto da scrivere. Ma anche De Laurentiis non fermerà Higuain, la strategia è chiara: con i 94 milioni della clausola, rifonderà il Napoli come fece nel dopo Cavani.

E se arrivasse lo scudetto? Higuain se ne andrebbe a maggior ragione, sicuro di aver fatto il massimo.

Sempre allenatori, in attesa del mercato giocatori. Su Sousa abbiamo già detto, ma è bene ripetere visto che nel frattempo, dopo il Chelsea e la Juventus, lo hanno cercato anche lo Zenit e il Barcellona. Dopo il chiarimento avuto due settimane fa con i dirigenti viola, Sousa resterà a Firenze per provare a conquistare la Champions e vincere qualcosa l'anno prossimo. Il gioco spettacolare dei viola, però, non ha fermato Juve e Barca. In attesa della firma di Allegri, i bianconeri si sono comunque lasciati una porta aperta con Sousa (piace moltissimo e l'amicizia con Andrea Agnelli pesa) per il 2017. Alla stessa data scade il contratto di Luis Enrique con il Barca e con Sousa si farà presto un discorso futuribile. Questo tanto per far capire anche agli stolti tifosi beceri cosa vuol dire giocare all'Europea come fa la Fiorentina.

Ancora panchine. Tra la Lazio e Pioli è finita o quasi. Lotito vorrebbe Mazzarri che è pronto per rimettersi in pista, il discorso è aperto. Ventura lascerà il Toro e pure lui è uno dei candidati per i biancocelesti, ma i dubbi restano per tutti. Lavorare con Lotito non è semplicissimo per nessuno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.