VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Mazzarri tutelati. Benitez, capito come funziona in Italia? I colpi dell'ultima settimana. Tmw Awards: "Marotta Re del Mercato"

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Dal 2007 Dirige Tuttomercatoweb. Per 8 anni ha diretto la Redazione Calcio di Sportitalia. Ha condotto il Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012. Twitter: @MCriscitiello
27.01.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 58237 volte
© foto di Federico De Luca

Ogni sessione di mercato viene ricordata per i colpi, fatti o mancati. Gennaio 2014 sarà ricordata per Guarin e Vucinic, la Juve che se la prende con l'Inter e l'Inter che rievoca la farsa Isla della scorsa estate. Non ci aspettiamo grandi cose, in questi ultimi giorni di mercato invernale. Diciamolo apertamente: grazie ad Inter e Juve ci siamo un pò divertiti, altrimenti la noia sarebbe stata mortale. Sapete che negli ultimi giorni l'Inter ha provato ad acquistare un attaccante e Mazzarri non ha avuto neanche quello? Walter era arrivato a Milano, felice e contento. Felice per essere approdato finalmente in un top club con una bacheca piena , dopo la lunga gavetta, e contento di poter ottenere sul mercato quello che De Laurentiis gli aveva negato a Napoli. Invece il treno è passato nel giorno sbagliato all'ora sbagliata. Thohir non investe, anzi prima o poi ci dovranno spiegare questa cessione del club come sia avvenuta. Thohir prende le decisioni ma prima deve chiedere il permesso a Moratti. Se vado in una casa in affitto, per me il proprietario non esiste più; la lampadina la cambio senza chiedere autorizzazioni a chi c'era prima di me. Mazzarri dovrebbe tutelarsi, altrimenti tra tre giorni sentiremo i sapientoni sentenziare: "Avete visto? La colpa non era di Stramaccioni..." L'Inter non ha una guida societaria, Branca è il vero male di questa società e l'unico capace a fare mercato si chiama Piero Ausilio ma contagiato dall'erba cattiva non riesce a far fiorire nulla da solo. Adesso insistono per Morata a giugno ma a giugno potrebbe essere troppo tardi. I nerazzurri ancora fuori dall'Europa? Sarebbe un dramma. Immaginate il prossimo anno San Siro chiuso di martedì, mercoledì e giovedì... Facciamo una cosa, andiamoci a giocare a calciotto con gli amici. Gli "amici" di Galliani contro gli "amici" di Moratti, almeno paghiamo la luce a San Siro, prima che Roberto Vecchioni si offenda. Stanno distruggendo Milano ma nessuno se ne accorge.
Parliamo anche di Napoli perchè, purtroppo, i nostri dubbi di inizio stagione stanno trovando conferme. Benitez sta steccando la stagione azzurra. Fuori dalla Champions, con onore ma sempre fuori, completamente segato dalla corsa scudetto, rischia seriamente di perdere anche il preliminare di Champions League. La Fiorentina, senza Rossi, Borja Valero e Gomez comunque se la giocherà fino alla fine. Il Napoli ha dimostratto tutte le sue debolezze al San Paolo. Quando diciamo che gli scudetti si vincono contro le piccole, lo sosteniamo perchè il passato ha insegnato qualcosa a tutti. Il Napoli ha perso punti a Fuorigrotta con Sassuolo, Parma, Udinese e Chievo. I punti che avrebbero consentito al Napoli di giocarsi lo scudetto con la Juventus, anche se il confronto diretto ha rispedito al mittente le velleità partenopee. Benitez non ha ancora capito come funziona in Italia. Bisogna allenarsi, la preparazione atletica è fondamentale anche contro le piccole squadre e se non curi il dettaglio non sei in Inghilterra che qualcuno ti perdona. Ci sono grandi allenatori, come Benitez, che in Europa hanno vinto tanto ma poi arrivano in un Paese, come il nostro, e fanno cilecca. Perché? Semplice, non capisce il buon Rafa che è lui a doversi adeguare al calcio italiano e non viceversa. Ci aspettiamo pochi colpi, in questi ultimi giorno di calciomercato. Si muoveranno soprattutto le piccole e, alla fine, vedrete che qualcosa dovranno inventarsi per far felice Guarin, che sognava il Chelsea e Thohir sognava i 14 milioni di euro. Potremmo raccontarvi tanti retroscena ma evitiamo perchè non vogliamo fare la collezione di nemici, preferiamo ancora quella delle figurine Panini. Giovedì 30 gennaio Tuttomercatoweb scenderà di nuovo in campo, per la premiazione del Miglior Direttore del 2013. In passato abbiamo consegnato il premio a Corvino (Fiorentina), Marino (Atalanta), Lo Monaco (Catania) e Pradè (Fiorentina). Non votano i giornalisti, altrimenti i Direttori se ne infischierebbero. Votano le migliaia di lettori del nostro portale. Un'enormità. Tutti i Direttori, Sportivi e generali, ci tengono a questo riconoscimento; anche perchè è il primo e l'unico dedicato alla categoria, su un sito specializzato di calciomercato. Ha trionfato Giuseppe Marotta. Il DG della Juventus, giovedì ritirerà il premio a Milano. Ha vinto perchè sta dimostrando di essere il più bravo e perchè, visti i consensi ricevuti, non è stato votato solo dai tifosi della Juventus. Per Marotta è stata la rivincita più bella. A Torino non lo volevano, lo insultavano (anche noi il primo anno). Poi ha cambiato marcia e non ha sbagliato un colpo. Eroici gli affari Pirlo e Pogba a zero. Da mestro di mercato l'acquisto di Vidal e da Oscar lo scippo di Tevez al vecchio amico Galliani. Gli avevano bollato Llorente; ha avuto ancora ragione. Che fate? Non gli date un premio? Beppe, giovedì ti aspettiamo...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.