VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mercato boom: Gabigol-Inter, i retroscena in attesa di Icardi. Napoli, strategia pronta: ecco quale! Raiola ha in pugno la Juve e avanza pretese... Pisa, hai dilapidato un patrimonio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.08.2016 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 95262 volte
© foto di Federico De Luca

Che sia il mercato più bello degli ultimi dieci anni siamo tutti d'accordo? Benissimo, allora lasciamo che continui. Alla luce di quello che ci attende (campionato monotono all'insegna dei trionfi della Juve), godiamoci l'ultimo mese di botti. Nell'anno in cui la Juventus ha deciso di fare un mercato scoppiettante stile Real Madrid, ne guadagna tutto il sistema italiano. Più che commenti, oggi vi diamo notizie e raccontiamo retroscena. Partendo da quello di venerdì notte, riportato in esclusiva su Sportitalia e Tuttomercatoweb sabato mattina alle 8.35. L'Inter piomba su Gabigol! Ma come non c'era la Juve? C'era e c'è, ma Marotta in questo momento ha altre priorità: in attacco ha fatto già fuoco e fiamme, adesso deve sistemare il centrocampo. Per Gabigol la Juventus resta alla finestra e l'interesse è il solito ma, dopo aver preso atto dell'inserimento dell'Inter, ha fatto sapere che non parteciperà ad aste. Giusto. Ausilio, invece, per Gabigol si è mosso con forza venerdì notte, perché la preoccupazione di non trattenere Icardi è forte. Chiariamoci: l'Inter troverebbe i soldi per prendere Gabigol, già bloccato al Santos per una settimana, solo in caso di cessione di Icardi al Napoli. Altro elemento della strategia nerazzurra. Se Mancini perde Icardi, può portare a casa il brasiliano del Santos con Gabbiadini che rientrerebbe nell'operazione Icardi: soldi + Gabbiadini. Infatti, dopo settimane di silenzio, venerdì pomeriggio Ausilio ha scritto un sms a Silvio Pagliari, agente di Gabbiadini. Tutto torna. Prendete informazioni e se qualcuno dei protagonisti vi smentisce questa indiscrezione ditegli di chiamarmi senza problemi. Il numero è sempre lo stesso da 15 anni e inizia per 347/9-----4. Altra cosa: Gabbiadini è un grandissimo calciatore, ma Sarri ha il demerito di non averlo capito e di non avergli trovato una posizione. Prima c'era Higuain, ma - se a Manolo gli date le chiavi dell'attacco del Napoli - vi fa 20 gol. A Napoli lo vogliono Giuntoli e De Laurentiis ma non Sarri, mentre all'Inter lo vuole Mancini ma non Ausilio e compagnia bella. Il Napoli insiste per Icardi e farà di tutto per prenderlo, però non potrà superare il limite della decenza. Allora Giuntoli si porta avanti e prova a sondare anche per Kalinic, Fiorentina permettendo. Potrebbe essere la settimana degli annunci a Napoli, dopo il ritiro di Dimaro più nervoso di sempre. Rog è ad un passo e siamo alle battute conclusive della trattativa, con l'Udinese c'è da un mese l'accordo per Zielinski e il calciatore si è quasi convinto a dire sì al Napoli. Nella testa di Giuntoli adesso c'è anche il difensore, nome sempre lo stesso: Nikola Maksimovic del Torino. L'operazione sarebbe la seguente: gli azzurri vorrebbero prendere il difensore da Cairo, cedere Valdifiori al miglior offerente (perché non il Toro) e chiudere con Kums. I giochi sarebbero presto fatti. Capitolo Diawara: il Napoli ancora non ha chiuso perché piace a Giuntoli ma non fa impazzire Sarri.
Andiamo sulla Juve: Marotta, come dicevamo qualche riga sopra, non molla Gabigol ma le priorità sono altre, vale a dire la cessione di Pogba e un centrocampista. C'è un solo problema per Pogba e si chiama Mino Raiola, il quale si è messo in testa di sbloccare la trattativa Paul se la Juve gli prende Matuidi. Ma è normale secondo voi che Mino da Montecarlo debba imporre alla Juve un giocatore da prendere? Secondo me no. Ma il potere e i tanti soldi danno alla testa. Qualcuno (la Fifa o l'agenzia delle entrate) perché non gli ricorda come si sta al mondo? Non bastano i milioni di euro che si intascherà dalla Juventus (club italiano) per chiudere l'operazione? Quante tasse pagherà Mino allo stato italiano per le operazioni chiuse con i club italiani? Sono domande e delle risposte sarebbe bello riceverle. Casomai anche attraverso un tweet di pappagalli. A centrocampo la Juve ha due nomi: Wistel o Kovacic. Settimana delicata per Marotta e Paratici.
In serie B è stata la domenica del terremoto a Pisa e si è raddrizzata persino la torre. Gattuso ha riunito la squadra e ha rassegnato le dimissioni. Poi ha parlato in esclusiva a Sportitalia e Tmw dicendo parole dure contro la società, ribadendo il dispiacere per i calciatori e per la città. Ora è fuga generale e vedrete a breve quanti calciatori chiederanno di essere ceduti. Anche gente arrivata due settimane fa. Gattuso ha commesso un grave errore. Gliel'ho detto in forma privata e lo ribadisco pubblicamente. Dopo Foggia, sarebbe dovuto tornare a Pisa, fare la festa, prendere la macchina e lasciare Pisa. Ha agito con il cuore ma il calcio non si fa con i sentimenti. Lo aveva chiamato il Benevento, doveva correre. Lo aveva cercato l'Ascoli, doveva correre. Importante era correre via da Pisa. Invece non ha avuto la lucidità emotiva per capire che nel calcio le società sono più importanti delle piazze. Vedete in serie A: Sassuolo è più credibile del Milan. Una ha pochi intimi allo stadio ma grandi proprietà e dirigenti, l'altra ha tifosi in tutto il mondo ma è una barca già affondata senza scialuppa di salvataggio. Come fai a rimanere a Pisa con un Presidente pieno di problemi e con il tuo tutor, Lucchesi, che aveva perso di affidabilità dopo la fine della stagione? Almeno Gattuso ha capito che questo era il momento di dire addio: in modo da rientrare in corsa alla prima panchina che salterà. Questione di un mese e mezzo! Se la squadra fa i miracoli in campo e la società non fa la società durante tutto l'anno, non ci sarà mai una crescita. Ecco giustificato l'exploit della Provincia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.