VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Mercato boom: Gabigol-Inter, i retroscena in attesa di Icardi. Napoli, strategia pronta: ecco quale! Raiola ha in pugno la Juve e avanza pretese... Pisa, hai dilapidato un patrimonio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.08.2016 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 95203 volte
© foto di Federico De Luca

Che sia il mercato più bello degli ultimi dieci anni siamo tutti d'accordo? Benissimo, allora lasciamo che continui. Alla luce di quello che ci attende (campionato monotono all'insegna dei trionfi della Juve), godiamoci l'ultimo mese di botti. Nell'anno in cui la Juventus ha deciso di fare un mercato scoppiettante stile Real Madrid, ne guadagna tutto il sistema italiano. Più che commenti, oggi vi diamo notizie e raccontiamo retroscena. Partendo da quello di venerdì notte, riportato in esclusiva su Sportitalia e Tuttomercatoweb sabato mattina alle 8.35. L'Inter piomba su Gabigol! Ma come non c'era la Juve? C'era e c'è, ma Marotta in questo momento ha altre priorità: in attacco ha fatto già fuoco e fiamme, adesso deve sistemare il centrocampo. Per Gabigol la Juventus resta alla finestra e l'interesse è il solito ma, dopo aver preso atto dell'inserimento dell'Inter, ha fatto sapere che non parteciperà ad aste. Giusto. Ausilio, invece, per Gabigol si è mosso con forza venerdì notte, perché la preoccupazione di non trattenere Icardi è forte. Chiariamoci: l'Inter troverebbe i soldi per prendere Gabigol, già bloccato al Santos per una settimana, solo in caso di cessione di Icardi al Napoli. Altro elemento della strategia nerazzurra. Se Mancini perde Icardi, può portare a casa il brasiliano del Santos con Gabbiadini che rientrerebbe nell'operazione Icardi: soldi + Gabbiadini. Infatti, dopo settimane di silenzio, venerdì pomeriggio Ausilio ha scritto un sms a Silvio Pagliari, agente di Gabbiadini. Tutto torna. Prendete informazioni e se qualcuno dei protagonisti vi smentisce questa indiscrezione ditegli di chiamarmi senza problemi. Il numero è sempre lo stesso da 15 anni e inizia per 347/9-----4. Altra cosa: Gabbiadini è un grandissimo calciatore, ma Sarri ha il demerito di non averlo capito e di non avergli trovato una posizione. Prima c'era Higuain, ma - se a Manolo gli date le chiavi dell'attacco del Napoli - vi fa 20 gol. A Napoli lo vogliono Giuntoli e De Laurentiis ma non Sarri, mentre all'Inter lo vuole Mancini ma non Ausilio e compagnia bella. Il Napoli insiste per Icardi e farà di tutto per prenderlo, però non potrà superare il limite della decenza. Allora Giuntoli si porta avanti e prova a sondare anche per Kalinic, Fiorentina permettendo. Potrebbe essere la settimana degli annunci a Napoli, dopo il ritiro di Dimaro più nervoso di sempre. Rog è ad un passo e siamo alle battute conclusive della trattativa, con l'Udinese c'è da un mese l'accordo per Zielinski e il calciatore si è quasi convinto a dire sì al Napoli. Nella testa di Giuntoli adesso c'è anche il difensore, nome sempre lo stesso: Nikola Maksimovic del Torino. L'operazione sarebbe la seguente: gli azzurri vorrebbero prendere il difensore da Cairo, cedere Valdifiori al miglior offerente (perché non il Toro) e chiudere con Kums. I giochi sarebbero presto fatti. Capitolo Diawara: il Napoli ancora non ha chiuso perché piace a Giuntoli ma non fa impazzire Sarri.
Andiamo sulla Juve: Marotta, come dicevamo qualche riga sopra, non molla Gabigol ma le priorità sono altre, vale a dire la cessione di Pogba e un centrocampista. C'è un solo problema per Pogba e si chiama Mino Raiola, il quale si è messo in testa di sbloccare la trattativa Paul se la Juve gli prende Matuidi. Ma è normale secondo voi che Mino da Montecarlo debba imporre alla Juve un giocatore da prendere? Secondo me no. Ma il potere e i tanti soldi danno alla testa. Qualcuno (la Fifa o l'agenzia delle entrate) perché non gli ricorda come si sta al mondo? Non bastano i milioni di euro che si intascherà dalla Juventus (club italiano) per chiudere l'operazione? Quante tasse pagherà Mino allo stato italiano per le operazioni chiuse con i club italiani? Sono domande e delle risposte sarebbe bello riceverle. Casomai anche attraverso un tweet di pappagalli. A centrocampo la Juve ha due nomi: Wistel o Kovacic. Settimana delicata per Marotta e Paratici.
In serie B è stata la domenica del terremoto a Pisa e si è raddrizzata persino la torre. Gattuso ha riunito la squadra e ha rassegnato le dimissioni. Poi ha parlato in esclusiva a Sportitalia e Tmw dicendo parole dure contro la società, ribadendo il dispiacere per i calciatori e per la città. Ora è fuga generale e vedrete a breve quanti calciatori chiederanno di essere ceduti. Anche gente arrivata due settimane fa. Gattuso ha commesso un grave errore. Gliel'ho detto in forma privata e lo ribadisco pubblicamente. Dopo Foggia, sarebbe dovuto tornare a Pisa, fare la festa, prendere la macchina e lasciare Pisa. Ha agito con il cuore ma il calcio non si fa con i sentimenti. Lo aveva chiamato il Benevento, doveva correre. Lo aveva cercato l'Ascoli, doveva correre. Importante era correre via da Pisa. Invece non ha avuto la lucidità emotiva per capire che nel calcio le società sono più importanti delle piazze. Vedete in serie A: Sassuolo è più credibile del Milan. Una ha pochi intimi allo stadio ma grandi proprietà e dirigenti, l'altra ha tifosi in tutto il mondo ma è una barca già affondata senza scialuppa di salvataggio. Come fai a rimanere a Pisa con un Presidente pieno di problemi e con il tuo tutor, Lucchesi, che aveva perso di affidabilità dopo la fine della stagione? Almeno Gattuso ha capito che questo era il momento di dire addio: in modo da rientrare in corsa alla prima panchina che salterà. Questione di un mese e mezzo! Se la squadra fa i miracoli in campo e la società non fa la società durante tutto l'anno, non ci sarà mai una crescita. Ecco giustificato l'exploit della Provincia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.