VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Mercato e selfie. Ecco cosa ci rimane fra retroscena, considerazioni e storie...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
04.02.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 27109 volte
© foto di Federico De Luca

Parliamoci chiaro: non è stato un gran mercato.

Non è stato scoppiettante come quello estivo, non è stato ricco come quello estivo, non è stato affascinante come quello estivo. Ma è stato comunque seguito ed è stato comunque intrigante. Ecco le cinque selfie, quello che ci rimane da questa sessione invernale.

Eder, El Shaarawy e Perotti: i colpi. Il mercato questo ha regalato. Le spese più importanti sono per questi tre giocatori. Due praticamente annunciati già da inizio gennaio, nonostante la Roma ci abbia messo molto (forse troppo) a prenderli sono sicuramente due giocatori importanti e già lo hanno dimostrato in queste prime apparizioni in giallorosso. Insieme al cambio di allenatore hanno dato nuove soluzioni offensive. Eder l'Inter lo segue da almeno sei mesi, lo ha scelto alla fine dopo che ha vinto il ballottaggio con Soriano, soprattutto perché Mancini ha detto che servono attaccanti per segnare i gol (visto che l'Inter le occasioni le crea). Il fatto che questi siano i colpi di inverno significa due cose altrettanto importanti: la prima è che evidentemente le altre squadre pensavano di aver lavorato bene in estate (vedi Napoli e Juve), la seconda è che non ci si è fatti prendere dallo shopping compulsivo (ma ne parleremo anche dopo) forse (o soprattutto) per le necessità economiche

Luiz Adriano che torna. Il nostro mercato dipende dai foraggiatori. Ora ci sono due destinazioni, completamente diverse, ma ricche allo stesso modo. Abbiamo scoperto che i cinesi (magari non tutti) possono risolvere non pochi problemi alle nostre società. Abbiamo avuto la conferma che il sistema inglese è fuori concorrenza per noi. Il ritorno di Luiz Adriano ha messo in stand by il mercato del Milan. Gli uomini mercato rossoneri non hanno potuto effettuare delle variazioni sull'impianto di gioco a disposizione di Mihajlovic. Le uniche possibilità di movimento (serio) le hanno avute Inter e Roma. Proprio quelle che hanno beneficiato dei soldi dei cinesi (e degli inglesi vedi Iturbe Bornemouth). Le cessioni più importanti arrivano principalmente da lì (aggiungiamo Paloschi Swansea e le trattative per Niang ed Eder, quella per Gabbiadini). E questo deve far riflettere tutto il calcio italiano che cambia definitivamente pelle. Prima era la serie A a prendere campioni e buonissimi giocatori, ora invece si esportano. E' un problema di sistema, non solo delle società. Ora il mercato delle italiane si è spostato: si prendono giovani. Per poi tendenzialmente rivenderli. Prima magari vincere qualcosa ma comunque rivenderli. Solo le grandissime resistono. A volte di più, a volte per sempre. Ma è raro.

Questione di sistema che andrebbe analizzato a fondo. Andrebbero portati dei correttivi. Una volta si parlava di squadre B, di diritti all'estero, di stadi da rifare. Il calcio italiano dovrebbe studiare delle soluzioni. Altrimenti il divario con la Premier (non soltanto con i big club europei) sarà sempre maggiore. Già ora una neopromossa, da diritti tv, prende più che la Juventus 4 volte campione d'Italia.

I giovani e la B. Sono stati loro i veri protagonisti di questo mercato. Grazie a questo mercato abbiamo visto e rivisto i gol di Trotta e Lapadula, quelli di Ganz, quelli di Raicevic. Le giocate di Mandragora, gli assist di Sensi e i tiri di Mazzitelli. Abbiamo capito che Grassi è uno da Napoli. Abbiamo scoperto che il nostro campionato di B è pieno di talenti da scoprire, da coltivare. Magari nessuno di questi alla fine giocherà nella Juve o nel Napoli, ma in serie A sì, eccome. E magari anche la B può far parte di quel processo di rinnovamento del calcio italiano. Le grandi piazze della B portano entusiasmo passione e gente allo stadio. Ci sono giocatori di spessore. Alle volte basta aver coraggio. O intuito. Comprare tanto per comprare non serve assolutamente a nulla. E questa è stata una bella sessione da questo punto di vista... Non tutti hanno accettato questo precetto, non tutti lo hanno fatto volontariamente... ma è stato fatto...

I ritorni Un collega mi ha proposto di prendere l'album delle figurine di qualche anno fa... Alcuni degli acquisti di questo mercato sono ritorni, ritorni di giocatori che già erano stati in Italia e che avevano tentato l'avventura fuori. El Shaarawy, Diamanti, Immobile, Constant, Benalouane, Zarate, Bardi, Emanuelson, Boateng, Cristante, Alvarez, Kuzmanovic (a suo modo Suso). Ci possiamo fare una squadra proprio, anche se un po' sbilanciata visto che a parte Benalouane non c'è un difensore. Cosa significa? O che non abbiamo molte idee o che la voglia di tornare era molta? Oppure che magari (soprattutto per alcuni) il traguardo estero è stato troppo in alto?

Le prenotazioni Il Napoli ha dichiarato che ha praticamente preso un giocatore per giugno. Klaasen è il maggiore indiziato. Ma non dimentichiamoci di Kramer e Maksimovic. L'Inter ha praticamente messo sotto contratto Banega (mancano solo le visite mediche, non ancora fissate, ma prossime) e sta lavorando per Lavezzi (occhio ai cinesi, a proposito di quanto dicevamo prima) e ha preontato Soriano. La Juve ha preso Ganz a scadenza e ha opzionato Lapadula e Caprari. Per non parlare dei vari Ionita, Conti, Sportiello... Rischio figuracce, per noi giornalisti, visto che le prenotazioni (salvo quelle pagate) non valgono molto. Ma abbiamo parlato anche di quelle: non sarà che è arrivata anche la programmazione in questo calciomercato?

Vi lascio con due storie particolari. Tutte italiane. Dicevamo della programmazione. La Ternana (che aveva la necessità di sostituire il suo attaccante Ceravolo, prossimo al trasferimento al Novara) ha pensato di sostituirlo con Ardemagni. Non ci sarebbe stato nulla di male se non che Ardemagni non è solo un buon attaccante di B. E' soprattutto il centravanti del Perugia che ha realizzato il gol vittoria nel derby d'andata con tanto di sfottò in campo. Una scelta come minimo coraggiosa, sarebbe stata!

Mentre invece la programmazione del Sassuolo ha spinto la società emiliana a comprare Mazzitelli. Tutto d'accordo fra le 3 società (Roma proprietaria del cartellino, Sassuolo e Brescia dove ora il ragazzo è in prestito e continuerà a giocare fino a fine stagione), manca l'ok definitivo del ragazzo. Chiamano tutti, non risponde, per ore. Non risponde. Per tre ore almeno. Era al cinema, a vedere The Revenant. Un bellissimo film, forse da oscar. Meritava forse anche perdere il treno Sassuolo!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.