VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Mertens, la clausola non preoccupa! Torreira? Niente Verrattibis… Schick? Bel problema. Yaya Touré, lasciamo stare…

01.11.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 24706 volte

Il Napoli è pronto ad affrontare il Manchester City. In gioco, di fatto, il pass per gli ottavi di Champions League. Sarri e Guardiola si stimano a vicenda ma, ognuno dei due, farà di tutto per portare a casa i tre punti in palio. Sarri Potter sa che, per battere i Citizens, serve il “piccoletto che fa magie”, ossia Mertens. Il belga, ammettiamolo, è andato oltre ogni limite umano. Il popolo partenopeo è ai suoi piedi. La sua classe è contagiosa. A 30 anni, è al top della sua maturazione calcistica. Qualcuno teme anche che possa far gola a club più blasonati. In fin dei conti, la clausola rescissoria è “ridicola” per uno del suo livello: 28 milioni di euro. Insomma, un invito a nozze per tutti. Calmi, sereni… Mertens è destinato a restare a Napoli a lungo. Perché? Motivazioni di cuore e tecniche. Il belga è diventato grande con e insieme al Napoli. Perché andarsene ora che il progetto va alla grande? Secondo: Mertens è diventato un fuoriclasse da “falso nueve”. Quale altro top club potrebbe garantirgli quella posizione? Tanto per capirci. La nazionale belga, nel ruolo di attaccante centrale, presenta Lukaku… Quindi Mertens, per fortuna, non rischia di salutarci a fine stagione…
Chi è a forte rischio addio è Torreira. L’uruguaiano della Sampdoria, classe 1996, sta dimostrando di avere i numeri del potenziale fuoriclasse. Giampaolo stravede per lui ma, in estate, ci sarà la fila per soffiarlo al club blucerchiato. Tutto “normale” ma si eviti un Verratti bis… Torreira deve restare in Italia, sarebbe un rischio lasciarlo andare all’estero (attenzione all’Atletico Madrid). Juve, Inter, Roma, Napoli e, perché no, Milan, fateci un pensierino…
Ora le note dolenti. Mi spiace averci visto giusto ma sono sinceramente preoccupato per Schick. La sfortuna centra poco, come ha spiegato Di Francesco: “Stiamo facendo delle valutazioni, è una faccenda interna che non possiamo sbandierare a tutto il mondo, ma alla fatalità io non ci credo…”. Non ci credo neppure io. Perché il ceco non gioca? Ogni settimana c’è un problema… Ogni giorno che passa, la sensazione che alla Juve abbiano fatto bene a non investire su Schick diventa più forte. Chi ci perde? Il ragazzo in primis ma anche la Roma che ha investito moltissimo su questo potenziale crack. Credo che Di Francesco non abbia intenzione di aspettarlo in eterno…
Chiudo con uno sfogo… Avete sentito le parole di Yaya Touré? Ve le ripropongo: “Io in Serie A? Mai dire mai”. Dai su, non scherziamo… Il prossimo maggio, l’ivoriano compirà 35 anni. Ha macinato migliaia di chilometri e, fisicamente, ha, ormai, l’agilità di un bisonte. Certo, ha tanta esperienza internazionale ma, pensateci, Guardiola non lo fa giocare neanche quando ha la panchina falcidiata dagli infortuni… Perché? Forse perché è arrivato alla frutta? Inoltre, il buon Yaya, da anni, ha uno stipendio da nababbo (dall’Inghilterra si parla di oltre i 10 milioni di euro, netti, a stagione) e, secondo il suo entourage, dovrebbe continuare a percepire un ingaggio da super star… Che a nessuna squadra italiana venga in mente di puntare su Yaya, mi raccomando!!!… C’è sempre la Cina, no? Lì non avrebbe problemi, sia a giocare che a guadagnare… Nessuno è immortale, a parte Buffon…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Higuain, Dybala e altre boiate. Inter: diffidare degli "incazzati per forza". Milan: il diritto alla quiete. E sul falso problema del turnover di Sarri...  07.11 - Ciao. Mi vergogno molto ma devo pulirmi la coscienza e non conosco mezzo migliore dell’editoriale di Tmw. La sera torno a casa sempre piuttosto tardi. Fino a una settimana fa capitava che addirittura mi mettessi a leggere dei libri, ma ora no: ora accendo la tv sul live del Grande...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.