VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Messi ha un'utilità? Che cambi squadra. La Roma perde un'occasione, ed è una di troppo: soprattutto con la Juventus troppo vicina. È la stagione più strana del mondo: chi può vincere lo Scudetto?

22.11.2015 09:06 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 56200 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Lionel Messi è il miglior giocatore del mondo. Cristiano Ronaldo può esserlo altrettanto: nell'immensa discussione se uno o l'altro può passare alla storia come il dominatore del calcio alla prima decade degli anni duemila, ci può essere un passaggio di testimone con il Clasico di ieri sera. Perché se è vero che bisogna andare con i piedi di piombo nel pensionare questo o l'altro giocatore da Pallone d'Oro, è altrettanto chiaro come il Barcellona abbia impartito una lezione al Real Madrid. Da una parte Cristiano Ronaldo c'era, dall'altra Messi no: cosa significherebbe, almeno sulla carta? Real ampiamente favorito. Invece, al di là degli errori possibili di Benitez, c'è stata una squadra di extraterrestri e un'altra "normale", colpita tra capo e collo, più volte, nel proprio animo. E questo senza il suo uomo simbolo, con Claudio Bravo che un paio di volte ha salvato la porta, ma con Lionel che guardava dalla panchina fino allo 0-3, mettendo lo zampino sullo quarto gol. Ha un'utilità, in questo momento, Messi nel Barcellona? No. Oltre a quella meramente scenica e chiaramente decisiva dell'essere il migliore al mondo. Con Suarez e Neymar ci sono due super campioni che possono trascinare i blaugrana, pur senza il proprio capitano nonché numero 10. Lasciando perdere Iniesta. Così Leo, anche per certificare il suo status di migliore giocatore al mondo, deve cambiare squadra. Come Maradona a Napoli, e non come Pelè negli anni 70: il Santos era il club più forte del mondo, ma l'Europa rimane una grossa pecca. Così Messi: scelga, magari da globe-trotter, un'annata in Premier, una in Serie A e, volendo, una nella Bundesliga. Applausi a Luis Enrique, perché il suo undici gioca un calcio meraviglioso.

Torniamo al nostro campionato. Di marziani non ce ne sono, nemmeno la Juventus che, sulla carta, avrebbe un vantaggio enorme dato il fatturato clamoroso che può contare rispetto agli altri. Napoli in primis, che ha chiuso il bilancio dell'anno passato con un meno tredici che non grida vendetta, ma con la chiara idea che la Champions è assolutamente decisiva, quasi come vendere un grande campione l'anno. De Laurentiis non sbaglia dal punto di vista economico, il progetto deve essere sostenibile, ma la crescita sarà sempre molto lenta: anche con il possibile stadio di proprietà, servirebbe un brand forte al di fuori dall'Italia, sui mercati emergenti. Come la Premier che, al di là dei soldi delle televisioni, ha la possibilità di essere indipendente per le tante entrate. Così la Juventus rimane la solita candidata per lo Scudetto, anzi favorita, perché a gennaio potrebbe cambiare tutto. A patto di non essere troppo distante dalla vetta: la vittoria sul Milan, arrivata ma senza brillare più di tanto, non può essere l'unica. Ecco, proprio i rossoneri sono stati riportati sulla terra dopo tre affermazioni consecutive, ma è complicato capire qual è la gara peggiore: il pareggio con l'Atalanta o la sconfitta con la Juve? Verrebbe da dire la prima, con paradosso del risultato. Chi perde occasioni è la Roma, che gira il risultato dopo il gol iniziale di Masina, ma che a fine partita viene fermato dal rigore di Destro sul risultato di due a due. È un'occasione persa, e lo è di troppo: solo un filotto può dare la giusta considerazione alla Roma, nella sua possibilità di vincere lo Scudetto: Garcia, probabilmente, deve ancora trovare la quadratura di un cerchio che diventa un'ossessione. I giallorossi, sulla carta, sono forti, fortissimi. Poi si fermano. Inter e Fiorentina, così, hanno la possibilità di allungare sulla diretta concorrente, ma ogni settimana gli sfidanti si mangiano punti a vicenda. Sono tre squadre, inserendo pure il Napoli, troppo incompiute per essere prese sul serio. Però è ancora presto: in Italia, negli ultimi 15 anni, ha vinto sempre la migliore. L'unica e ultima vera e propria sorpresa è il Milan di Zaccheroni, con Guly e Bierhoff, Weah e Leonardo. Un secolo fa.

Questioni sorprese: il Sassuolo non potrà vincere lo Scudetto ma durerà ragionevolmente a lungo, Berardi deve esplodere e a quel punto potrebbe diventare una mina vagante. Atalanta e Torino si sfidano oggi, la Lazio appare aver saltato un battito, perdendo il ritmo. Il mercato è ancora di qui da venire, fra Candreva, Lavezzi, Feghouli e tutti i nomi che stanno scaldando questo tiepido inverno. In attesa che i fenomeni tornino pure da noi - ora sono tutti in Liga, e non sarà un processo veloce da assorbire - possiamo goderci del campionato più bello degli ultimi anni. Per questo in redazione abbiamo fatto un giochino, chi inanella più risposte esatte guadagna una cena. Per chi mi manda una mail o un tweet - e fa un grande slam - potrei offrirgliela pure io. Fa fede chi me la manda prima, ovviamente. Le domande sono queste.

1) chi vince lo Scudetto.
2) chi va in Champions.
3) chi retrocede.
4) il capocannoniere del campionato.
5) chi vince l'Europa League
6) chi vince la Champions.
7) chi vince la Coppa Italia.
8) chi vince il Pallone d'Oro.
9) chi vince l'Europeo.
10) quando verrà eliminata l'Italia.

Buon pronostico a tutti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.