VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan acchiappatutto, Juve e il rilancio con Allegri. Varata la nuova Inter cinese e inizia il valzer delle punte

08.06.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 34992 volte
© foto di Federico De Luca

Il Milan a quanto pare non sembra volersi fermare più. Nel giorno della firma di Ricardo Rodriguez ecco che parte la caccia a Belotti. Primo vero contatto ufficiale con il Torino direttamente fra Cairo e Fassone. Va detto che la prima offerta che hanno fatto i rossoneri è bassa (45 milioni di euro), bassa almeno per la valutazione che ha fatto il Torino: fermo ai famosi 100 che Cairo ha sempre sostenuto di volere. A volere leggere le trattative potremmo azzardare che di sicuro non si scende sotto i 70 milioni (e comunque la differenza sarebbe ancora molta) più eventuali contropoartite che potrebbero essere Niang e Zapata (non più Kucka che non rientrerebbe nei piani di Mihajlovic). Perché il prezzo del Toro è così alto? Intanto perché essendo un suo giocatore può decidere a che cifra venderlo, secondo perché il punto di riferimento è l'offerta ricevuta qualche settimana fa (prima del blocco del mercato) dall'Atletico Madrid: 65 milioni di euro più due giovani forti a scelta. Se il Milan volesse davvero rompere gli indugi dovrebbe aumentare di molto l'offrta. Ma intanto il contatto c'è stato. Ma non finisce qui, perché su un altro giocatore in attacco il Milan sta uscendo allo scoperto. Ieri infatti c'è stato un incontro molto importante (il primo di persona dopo tantissimo tempo) fra Lotito e il procuratore di Keita, Roberto Calenda. Non si è parlato affatto di rinnovo, anzi. È stato comunicato al ragazzo che la Lazio ha un'intesa di massima con il Milan per la sua cessione. Calenda ne ha preso atto, ma questa novità è molto importante per almeno due possibili soluzioni.
L'intesa Milan Lazio non riguarda solo Keita ma anche Biglia, come vi avevamo raccontato nei giorni scorsi. Lotito ha trovato un interlocutore con cui poter trattare entrambi i giocatori nonostante la scadenza di contratto. Potremmo chiamarlo anche asse Milan-Lazio visto che le due società risolverebbero i loro problemi con reciproca soddisfazione. È altrettanto evidente però che con questo tipo di comunicazione è implicito dire che Keita è sul mercato e che è libero sia di accettare l'offerta del Milan sia di trovare altre soluzioni. Come la Juve per esempio che aveva manifestato un fortissimo interesse per il ragazzo e con la quale non si farà fatica a trovare un accordo o qualsiasi altra squadra in giro per l'Europa. La Lazio dal canto suo ora vorrebbe che il giocatore venisse pagato quanto tira fuori il Milan (fronte lazio si parla di una valutazione complessiva del pacchetto di 50 milioni di euro) dalle altre squadre interessate. La Juve nello specifico non ha fretta, bisognerà capire se farà altra offrta o se aspetterà il giocatore (che a sua volta potrebbe anche aspettare un anno e liberarsi a zero). Di Juve parleremo fra poco perché il Milan ancora non è finito!
Nelle prossime ore è possibile un incontro con Jorge Mendes per André Silva, Diego Costa e James Rodriguez i tre giocatori più rappresentativi (di quelli che si spostano, ovvio) della sua scuderia. E sempre per l'attacco non tramonta la pista Aubameyang, per cui è necessario avere pazienza e far abbassare le pretese, al momento molto alte sia del club che del papà. E infine domani appuntamento con il manager di Andrea Conti.
Ora sì che possiamo parlare di Juve, ma non per questo significa che sia meno importante, anzi. Io rinnovo di Allegri era praticamente scontato, dopo le parole delle ultime settimane. Non era scontata la durata (fino al 2020) con uno stipendio da 7 milioni a stagione bonus compresi. Allegri e la Juve hanno un progetto insieme: tornare a giocare la finale di Champions il prima possibile. Ecco perché il mercato bianconero avrà due direttrici: i big e i giovani. Nella categoria giovani molto vicino alla definizione l'arrivo di Schick: nelle prossime ore si parleranno Osti e Paratici per valutare l'inserimento di eventuali contropartite tecniche. Poi c'è il discorso di Keita, di cui abbiamo parlato prima. L'attaccante esterno e il centrocampista centrale saranno i colpi da big. E allora in mezzo i nomi della Juve sono sostanzialmente quattro, al momento: Nzonzi ed Emre Can che sembrano quelli più caldi, Tolisso in stand by (ma attenzione all'inserimento del Milan sul giocatore, e anche qui è un bel duello tutto italiano fra Milan e Juve) e Fabinho in leggero calo. Per l'esterno d'attacco i nomi sono quelli di Douglas Costa, Di Maria e Bernardeschi. Ognuno con costi e caratteristiche diverse.
Bernardeschi che (con Berardi e anche Di Maria) è uno degli obiettivi dell'Inter per il prossimo mercato sotto la guida di Spalletti che ha concluso il suo viaggio in Cina. Con Ausilio questo tempo è servito per poter buttare giù qualche nome in più rispetto alle necessità nerazzurre. Da Roma non ci sarà traffico: Spalletti ha scelto in Rudiger il giocatore da portare insieme a lui in questa nuova avventura. Il ruolo di terzino sinistro vede Dalbert come protagonista assoluto in questi ultimi giorni. Poi serve un attaccante esterno (e qui torniamo ai nomi che abbiamo fatto poche righe fa), un trequartista che possa essere riserva di Joao Mario e un attaccante che possa giocare al posto di Icardi. Questi ultimi due giocatori possono anche essere uno solo se si trova il profilo giusto che l'Inter non ha ancora individuato. Perisic (soprattutto se non dovesse arrivare l'offertona) sarebbe perfetto per Spalletti. Molto meno Banega (che pare interessi in Messico), Brozovic (che invece piace allo Zenit) e Gabigol (che potrebbe andare in prestito al Las Palmas).
A Napoli per il rinnovo di Pepe Reina ci vorrà tempo visto che lui chiede un triennale. In alternativa si valuta sempre Neto, Leno oltre a Meret (per cui la Spal chiede 20 milioni). Si lavora anche al rinnovo di Ghoulam con un ingaggi fra i 2 milioni e i due e mezzo e una clausola di cessione. Mentre Zapata è richiestissimo in Italia, Torino e Udinese su tutte: ma la richiesta è di almeno 25 milioni di euro.
A Firenze è stato presentato Pioli che ha parlato di Bernardeschi. Ma quello che ora interessa è la costruzione della nuova squadra. Interessa Simeone che potrebbe essere il sostituto di Kalinic (se dovesse partire). Ma attenzione perché sull'argentino c'è sempre il Milan (che aveva offerto anche il cartellino di Lapadula) e anche il Watford.
A Roma domani dovrebbe essere il giorno di Di Francesco. Anzi non a Roma, a Reggio Emilia, visto che ci sarà la semifinale di Primavera Roma-Inter è l'occasione buona per incontrare il Sassuolo e risolvere la situazione.
A Sassuolo per la sostituzione rimane favorito Bucchi (cercato anche da Bari e Frosinone) su Nicola. E chissà che non si trovi come attaccante Balotelli (nonostante la chiacchierata di Raiola con il Borussia Dortmund) e dove sicuramente non ci sarà Acerbi richiesto dall Sporting Lisbona e Galatasaray.
L'Atalanta è interessata a Cassata (lo scorso anno ad Ascoli, di proprietà della Juve), alla Lazio pensano alla sostituzione di Biglia e uno dei nomi è quello di Badelj. La Samp si è incontrata oggi a pranzo con la Spal per parlare di Regini e Budimirul quale però c'è anche il crotone e io Benevento se dovesse arrivare in serie A. A Crotone venerdi Nicola incontra Ursino, dovesse lasciare il suo sostituto potrebbe essere Di Carlo, sul quale c'è anche il Novara.
In B l'Empoli dopo aver incontrato Longo ha voluto conoscere anche Vivarini (Latina), l'Avellino ha ufficializzato il rinnovo di Novellino, a Bari si aspetta la decisione di Bucchi e Baroni ma attenzione a Iachini. A Spezia in pole c'è Longo.
E abbiamo soltanto iniziato, tenetevi forte!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.