VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan, cambio sugli esterni. Sorpresa Juve, ricambi Genoa e il futuro di Cassano

26.01.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 36937 volte
© foto di Federico De Luca

Ora anche Niang lascia il Milan. E pensare che un anno fa la musica era completamente diversa. Il Leicester chiedeva Milan e Niang dicevano "no, non me ne vado". Dodici mesi dopo è cambiato tutto, ma decisivi sono stati gli ultimi due. Il rapporto con Montella è andato scemando fino ad arrivare a delle frizioni non più sanabili. Ecco perché Niang vuole andar via, ecco perché vuole andar via a titolo definitivo e non in prestito. Ecco perché vuole la Premier e non il Genoa. Ora tocca a lui decidere se il Watford va bene o no. Il Milan ha fatto tutto: prestito con diritto di riscatto fissato a 18 milioni di euro con l'obbligo legato ai gol (10) di Niang in Inghilterra. Questo l'accordo con i Pozzo (che sarebbe potuto essere diverso se non ci fosse stato anche l'inserimento nella trattativa della componente cinese che hanno voluto tenere alto il valore del giocatore inizialmente fissato a 16). Ora ci vuole la firma del ragazzo che ha l'autorizzazione per andare a Londra a fare le visite mediche. E il Milan? La prima scelta è Ocamos, la seconda Lazovic, sempre dal Genoa. I rossoblu, che hanno un ottimo rapporto con il Milan, non hanno ancora detto né no né si. Galliani aspetterà tre giorni e poi eventualmente cambierà strategia.

Cosa può succedere in questi tre giorni? Intanto che il Genoa si risistemi e trovi un sostituto. Al momento stanno cercando un centrocampista. Anzi in realtà l'hanno già trovato: Hjiliemark, a Genova già dalla serata. Ma non basta. E infatti i rossoblu continuano a puntare Hernanes dalla Juventus. Con entrambi questi giocatori non è escluso a priori che il Genoa non possa cambiare sistema di gioco e quindi poter rinunciare in maniera meno complicata a un esterno. Ma chiaramente deve essere d'accordo Juric che al momento non vorrebbe cambiare, visto anche il momento difficile. Dovessero decidere di cedere Ocampos poi andrebbe trovata una soluzione con il Marsiglia, titolare ancora del cartellino.

La sorprsa di serata arriva dalla Juventus che si butta nella corsa a Quaison del Palermo. Il ragazzo a giugno va a scadenza, Zamparini e Marotta ne hanno parlato in Lega e la Juventus potrebbe prenderlo e lasciarlo fino a giugno in Sicilia. Questa soluzione interessa molto al Palermo, e la Juve nel frattempo si metterebbe in casa un giovane trequartista nazionale svedese da poter valutare con calma e pazienza nei prossimi mesi. Il tutto per una cifra relativamente bassa: poco meno di 3 milioni di euro visto che il ragazzo è in scadenza, appunto. In questo caso la Juve vincerebbe la concorrenza della Sampdoria che aveva offerto al Palermo 400 mila euro di prestito biennale più un obbligo di riscatto fissato a 2,4 (con la necessità però che il ragazzo rinnovasse con i siciliani). Intanto si conclude la vicenda Evra con la Juve. Va a Marsiglia. Un anno e mezzo di contratto e visite mediche già nelle prossime ore. L'Italia saluta un altro grande personaggio. Così come la Samp saluta ufficialmente un grandissimo giocatore: Antonio Cassano, che speriamo di vedere ancora in Italia, in serie A, ma che sta valutando la possibilità di andare a giocare in Dubai.

A Napoli comincia a muoversi qualcosa su Gabbiadini in maniera più che concreta: è arrivata l'offerta ufficiale del Southampton: 16 milioni di euro più 4 di bonus legati ai gol di Manolo. La trattativa la sta portando avanti direttamente Giuntoli e la fatidica cifra 20 milioni (seppure con i bonus, ma che dipendono dalla bravura del ragazzo) è stata toccata. Ora naturalmente la palla passa a De Laurentiis. Che dovrà decidere anche del futuro di Giaccherini. Curiosamente il suo agente lo vedrà venerdì (per chiudere una trattativa per Zerbin, ragazzo della Primavera ora a Carpi, ala sinistra). Le prime richieste sono arrivate da parte di Fiorentina e Torino.

La Roma ha intenzione di contattare nuovamente il Sassuolo per Defrel. Il Sassuolo valuta il ragazzo non meno di 25 milioni, la Roma era arrivata a 18 con alcuni giocatori di cui poter parlare (della propria Primavera). Non basta. Se la Roma dovesse ingolosire il Sassuolo allora la trattativa potrebbe avere una svolta importante, visti i buoni rapporti fra società.

La Samp oltre alla vicenda Cassano si guarda intorno per un eventuale sostituzione di Budimir (chiesto anche dal Benevento). Paloschi costa troppo, in questo momento più Ibarbo di Quaison.

La Fiorentina dopo aver ceduto Zarate al Watford, raccoglie altri rumors provenienti dalla Cina. Eh sì, perché Cannavaro non si è arreso e sarebbe pronto a sferrare un nuovo attacco a Kalinic. Ma da quello che sappiamo il ragazzo dovrebbe rimanere della propria idea.

L'Atalanta ha chiuso per Cristante, prestito di un anno e mezzo con un riscatto fissato a 4 milioni. Nle frattempo però i nerazzurri continuano a corteggiare Emiliano Rigoni dell'Independiente e non è escluso che possa rientrare subito Emmanuello. L'Udinese è a un passo da Gnoukouri, il Sassuolo sta trattando col Perugia Monaco, difensore che rimarrebbe in B fino a fine stagione.

Il Bologna pensa a Budimir e anche a Borriello. Tratta El Kaddouri per giugno (in scadenza quindi) a meno che non lo prenda l'Empoli in prestito (con rinnovo a Napoli).

Il Crotone ha un avversario decisamente importante per Mariga, il NewYorkCity di Vieira. Il Verona vorrebbe far tornare prima Besea dal Modena, il Bari è su Mance sloveno del Domzale e porta avanti con il Vicenza lo scambio De Luca Raicevic. L'alternativa è Nené dello Spezia. La Pro Vercelli vira su Bacinovic e svincola Malonga (che poi andrà all'Elche) il Benevento oltre a Giannetti e Budimir ha puntato Acosty del Latina, la Ternana insiste per Martinho. Tenetevi forte. È solo l'ultima settimana.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.