VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Milan crac, ma non serve cacciare Miha. Mister Bee è sparito, Witsel non arriva. E Conte è tentato dalla Roma. Juve, Gundogan solo a giugno. Arriva Sensi. Inter non può comprare. Fiorentina, piace Zielinski

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
08.01.2016 18.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 90263 volte
© foto di Federico De Luca

Due anni fa di questi tempi sulla graticola c'era Allegri. Cacciarlo? Non cacciarlo? Poi l'hanno cacciato per prendere Seedorf, esonerato appena entrato a Milanello o quasi.

L'anno scorso di questi tempi eravamo qui ad aspettare di sapere qualcosa di più sul futuro di Inzaghi. Cacciarlo? Non cacciarlo?

L'hanno mandato via a giugno.

Oggi siamo ancora qui ad aspettare il pollice del Capo per capire se Mihajlovic dovrà fare le valigie. Morale?

Qualcuno dovrebbe capire che il problema del Milan non è l'allenatore, o almeno non è solo l'allenatore. Con questa siamo alla terza stagione consecutiva buttata via e se nelle precedenti annate gli investimenti erano stati relativi, l'estate scorsa Berlusconi ha speso cento milioni sperando di aver rimesso insieme una squadra competitiva e invece i problemi sono più o meno gli stessi.

Come dicevamo, forse fa comodo dare la colpa all'allenatore di turno, ma diventa un alibi che non regge più. Qualcuno dovrebbe spiegare a Berlusconi e Berlusconi dovrebbe raccontarlo ai tifosi, che la resurrezione del Milan può passare soltanto attraverso due soluzioni. La prima, quella tecnicamente più facile, si può realizzare con massicci investimenti sui giocatori nell'ordine di un altro centinaio di milioni di euro. Questi soldi doveva tirarli fuori la cordata del fantomatico Mister Bee che è sparito dai radar senza riuscire più ad onorare gli impegni e le scadenze prese con Berlusconi. Il broker non ha trovato (almeno fino ad oggi), magnati disposti a entrare nel pacchetto azionario del Milan e questo, di fatto, fa saltare l'ipotesi investimenti.

La seconda soluzione è più drastica e più difficile. Berlusconi dovrebbe prendere atto che da anni non c'è più un progetto tecnico serio, che si vive alla giornata cercando di accontentare il tecnico o il procuratore di turno, si punta su improbabili miracoli o cavalli di ritorno (l'ultimo Boateng), sperando prima o poi di trovare la quadra. Tutto inutile.

Il calcio oggi non si fa più così ma con programmazione, scouting e obiettivi. Galliani non è più al passo, non ha più energie e contatti giusti. Sul mercato italiano è in retroguardia, ormai ha un solo alleato che si chiama Preziosi. Per far ripartire il Milan servirebbe un anno zero con la liquidazione di tutti (troppi) giocatori di medio-bassa qualità, la ricerca di un paio di elementi carismatici per far crescere i giovani giusti da reperire sul mercato. E' chiaro che per fare questo ci vogliono idee chiare e pazienza. Ed è altrettanto chiaro che non può farlo Galliani.

Berlusconi non può più tenere il Milan in queste condizioni. Anche se decidesse di cacciare Mihajlovic, anche se in panchina andasse Lippi (ipotesi) la situazione potrebbe migliorare di poco. Chi fa correre Montolivo? Chi fa vedere la porta a Luis Adriano? Chi regala personalità a Bertolacci....Chi Chi Chi Chi...

L'idea di prendere il miglior allenatore sulla piazza (Conte) è sempre viva, ma se Berlusconi pensa che il Ct possa fare in un attimo a Milanello quello che ha fatto cinque anni fa con la Juve si sbaglia.

Dei bianconeri e del mondo Juve conosceva tutto, le motivazioni erano enormi e la Juve è una società strutturata cosa che non si può dire del Milan.

Anche per questo Conte non ha ancora risposto sì alle nuove proposte di Galliani ed anzi è sempre più orientato a scegliere Roma (se Garcia resterà fino a giugno) o andare all'estero. Lo hanno cercato il Chelsea e il Psg, molto probabilmente andrà da Abramovich in coppia con Sabatini direttore generale.

Tornando al Milan, proprio queste difficoltà tecniche e il mancato arrivo della cordata di mister Bee, stanno allontanando anche possibili operazioni di mercato. Witsel che servirebbe moltissimo è fuori dalla portata dei rossoneri, andrà in Inghilterra. Ma è complicato anche prestare Cerci al Genoa (l'Atletico non vuole e detiene mezzo cartellino) o provare operazioni che vanno oltre il piccolo cabotaggio.

Anzi, da questa barca che affonda potrebbe scappare anche Mario Balotelli che tornerebbe volentieri al Liverpool ora che in panchina c'è Klopp. Mino Raiola ha avuto contatti con l'allenatore tedesco che stima molto l'ex Supermario e un ritorno alla base inglese sarebbe una soluzione possibile a breve.

Soluzione impossibile, invece, è quella di Gondogan alla Juve. Allegri aveva chiesto il regista per riportare Marchisio nel ruolo di mezz'ala, ma il Borussia ha detto no ai trenta milioni offerti da Marotta. Se ne riparlerà a giugno. Fra l'altro gli ultimi bilanci della Juventus hanno fatto scattare un campanello d'allarme, le spese per il personale stanno andando oltre il settanta per cento dei parametri Uefa, quindi c'è uno stop sostanziale a operazioni importanti, a meno che non sia possibile spalmarle nel bilancio successivo al trenta giugno prossimo. Un acquisto dal costo relativo e organizzato con il Sassuolo, società amica, Marotta però lo vuol portare a termine a breve. Stiamo parlando del giovane Sensi del Cesena, regista di centrocampo, che piace a molte squadre. Con 5-6 milioni si prende subito e la Juve non vuol ripetere l'errore fatto con Verratti. Prenderlo e mandarlo a maturare a Sassuolo è più di un'idea.

Il fair play finanziario interessa anche l'Inter monitorata dalla Uefa. Non a caso proprio Mancini ha cominciato a dire che sarà difficile migliorare questa rosa. Intanto Calleri resta in Argentina, se non usciranno almeno tre giocatori con stipendi importanti (Ranocchia, Santon e Guarin) difficilmente si potrà tentare l'assalto a Lavezzi.

Non hanno problemi di fair play il Napoli e la Fiorentina e di sicuro investiranno. De Laurentiis però giudica troppo alta la richiesta di 18-20 milioni fatta da Cairo per Maksimovic. L'incontro di domenica sera non ha avuto esito, Giuntoli pensa che certe cifre sia meglio investirle su un centrocampista importante. A proposito la Fiorentina è pronta a chiudere per un centrocampista che gioca già in Italia in una squadra di media classifica. Dal top secret escono i nomi di Soriano che piace molto (ma costa troppo), e dopo il no per Saponara, tra i giocatori dell'Empoli c'è interesse anche per Zielinski, polacco di 21 anni, di proprietà dell'Udinese. Piace anche Missiroli del Sassuolo (se arriva Sensi può andare) monitorato da diverse settimane, anche lui in scadenza. Nel frattempo ha rinnovato, ma la pista resta aperta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.