HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà il Mondiale?
  Germania
  Brasile
  Spagna
  Argentina
  Portogallo
  Francia
  Belgio
  Inghilterra
  Altro

Editoriale

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi

18.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 8544 volte

Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing e del passaggio di proprietà rossonero. L'articolo delle miniere arriva, guarda caso, proprio dopo la firma del contratto in esclusiva di quattro settimane più quattro, con un Fondo che ha quartier generale a New York. Per un rifinanziamento che arriverebbe a sanare la questione di un altro fondo, Elliott che, con i suoi tempi, pende sul campo del Milan. A proposito, Elliott, a sua volta headquarterato a New York. Visto quindi che si tratta di comunicazione finanziaria fra investitori che cercano di mettere pressione su Yonghong Li, è questione che non inficia il campo e la gestione sportiva del Milan. Se la proprietà rossonera e il suo presidente dovessero sentirsi toccati da un articolo pesante ma che resta un articolo, farebbero bene a rispondere. Se, invece, come pensiamo, sulle pagine del NYT è arrivata l'agitazione di qualche potere forte che non gradisce il tentativo della proprietà milanista di smarcarsi da Elliott, a quel punto alla presidenza rossonera non resterà che continuare a produrre fatti, come il recente aumento di capitale, piuttosto che parole o simili.

Il primo nome che ha fatto Gianluigi Buffon, a dramma nazionale appena iniziato, subito dopo il fischio finale di Italia-Svezia, è stato quello di Gigione Donnarumma. Il primo nome che è stato fatto per tentare di salvare la presidenza federale Tavecchio e per ridare un senso ad una Nazionale massacrata dalla mancata qualificazione ai Mondiali, è stato quello di Carlo Ancelotti. Tra i primi nomi per la Federazione e per un raccordo di prestigio fra l'istituzione e la squadra, ecco quelli di Paolo Maldini e Demetrio Albertini. Lo stesso dicasi per i giovani che dovranno andare a rimpiazzare gli azzurri usciti a brandelli dai playoff, e cioè Alessio Romagnoli e Andrea Conti. I primi nomi della ricostruzione sono tutti di estrazione rossonera, come storia, come sensibilità o come militanza attuale. C'è poco da menar vanto, perchè la situazione del nostro calcio è seria e non può esistere orgoglio di facciata per una ricostruzione che dovrà farne di strada prima di apparire credibile. Dopo il disastro di San Siro e dopo il terzo fallimento mondiale, dalla Nuova Zelanda alla Costa Rica per finire alla Svezia, il lavoro è durissimo. E ci vorrà una politica per farlo, non basterà un colpo di teatro. Anche perchè la carta Carlo Ancelotti è difficilissimo che possa essere utilizzata lunedì in Consiglio federale da Carlo Tavecchio. Con ogni probabilità, Carletto non viene.

Per Massimiliano Mirabelli quello che sta vivendo su larga scala al Milan è probabilmente un deja vu. Già in passato, nelle sue precedenti esperienze calcistiche, gli era capitato di ispirare importanti investimenti di mercato per giocatori che, sulle prime, hanno avuto grosse difficoltà. Con l'allenatore che non li vedeva, con l'inserimento difficile e problematico. Mesi difficili, propositi di andar via da parte dei giocatori stessi e invece, poi, la ripresa, la risalita, la riscossa, il riscatto. Ivan Perisic, ad esempio: oggi è un giocatore pazzesco, assurdo. Per forza, per gamba, per implacabilità. Eppure nel primo anno all'Inter ha fatto molta fatica. La stessa che stanno facendo da quattro mesi a questa parte giocatori come Hakan Chalanoglu, Andrè Silva, Nikola Kalinic. Proprio Perisic, con la sua vicinanza e parlandogli a più riprese nel corso della partita, ha rincuorato Kalinic a Zagabria spingendolo fino a spaccare ripetutamente la partita con la Grecia e a qualificare la Nazionale croata presieduta da Davor Suker (!) ai Mondiali in Russia. Lo stesso Chalanoglu lo si è visto solo in una occasione, quando ha vinto da solo la partita più bella giocata fino ad oggi dal Milan in Europa League, quella di Vienna. Chi è Calhanoglu? Quello del Prater? Quello delle partite in cui ha avuto problemi o quello che verrà? Calma, che serve anche per Andrè Silva. Il tempo e il momento giusto prima o poi arrivano, per tutti quelli che sapranno essere puntuali.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma, fatta per Kluivert, il Napoli pensa a Praet se va via Hamsik. Juventus e Inter pronte all’assalto su Chiesa 09.06 - La rivoluzione di Monchi è già cominciata. Spazio alla linea verde, un progetto iniziato già l’anno scorso con l’arrivo di due grandissimi prospetti come Ünder e Schick. Il ds giallorosso, dopo aver piazzato anche il colpo Cristante, ora è pronto a chiudere per Justin Kluivert, talento...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa 08.06 - Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy