HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi

18.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 8594 volte

Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing e del passaggio di proprietà rossonero. L'articolo delle miniere arriva, guarda caso, proprio dopo la firma del contratto in esclusiva di quattro settimane più quattro, con un Fondo che ha quartier generale a New York. Per un rifinanziamento che arriverebbe a sanare la questione di un altro fondo, Elliott che, con i suoi tempi, pende sul campo del Milan. A proposito, Elliott, a sua volta headquarterato a New York. Visto quindi che si tratta di comunicazione finanziaria fra investitori che cercano di mettere pressione su Yonghong Li, è questione che non inficia il campo e la gestione sportiva del Milan. Se la proprietà rossonera e il suo presidente dovessero sentirsi toccati da un articolo pesante ma che resta un articolo, farebbero bene a rispondere. Se, invece, come pensiamo, sulle pagine del NYT è arrivata l'agitazione di qualche potere forte che non gradisce il tentativo della proprietà milanista di smarcarsi da Elliott, a quel punto alla presidenza rossonera non resterà che continuare a produrre fatti, come il recente aumento di capitale, piuttosto che parole o simili.

Il primo nome che ha fatto Gianluigi Buffon, a dramma nazionale appena iniziato, subito dopo il fischio finale di Italia-Svezia, è stato quello di Gigione Donnarumma. Il primo nome che è stato fatto per tentare di salvare la presidenza federale Tavecchio e per ridare un senso ad una Nazionale massacrata dalla mancata qualificazione ai Mondiali, è stato quello di Carlo Ancelotti. Tra i primi nomi per la Federazione e per un raccordo di prestigio fra l'istituzione e la squadra, ecco quelli di Paolo Maldini e Demetrio Albertini. Lo stesso dicasi per i giovani che dovranno andare a rimpiazzare gli azzurri usciti a brandelli dai playoff, e cioè Alessio Romagnoli e Andrea Conti. I primi nomi della ricostruzione sono tutti di estrazione rossonera, come storia, come sensibilità o come militanza attuale. C'è poco da menar vanto, perchè la situazione del nostro calcio è seria e non può esistere orgoglio di facciata per una ricostruzione che dovrà farne di strada prima di apparire credibile. Dopo il disastro di San Siro e dopo il terzo fallimento mondiale, dalla Nuova Zelanda alla Costa Rica per finire alla Svezia, il lavoro è durissimo. E ci vorrà una politica per farlo, non basterà un colpo di teatro. Anche perchè la carta Carlo Ancelotti è difficilissimo che possa essere utilizzata lunedì in Consiglio federale da Carlo Tavecchio. Con ogni probabilità, Carletto non viene.

Per Massimiliano Mirabelli quello che sta vivendo su larga scala al Milan è probabilmente un deja vu. Già in passato, nelle sue precedenti esperienze calcistiche, gli era capitato di ispirare importanti investimenti di mercato per giocatori che, sulle prime, hanno avuto grosse difficoltà. Con l'allenatore che non li vedeva, con l'inserimento difficile e problematico. Mesi difficili, propositi di andar via da parte dei giocatori stessi e invece, poi, la ripresa, la risalita, la riscossa, il riscatto. Ivan Perisic, ad esempio: oggi è un giocatore pazzesco, assurdo. Per forza, per gamba, per implacabilità. Eppure nel primo anno all'Inter ha fatto molta fatica. La stessa che stanno facendo da quattro mesi a questa parte giocatori come Hakan Chalanoglu, Andrè Silva, Nikola Kalinic. Proprio Perisic, con la sua vicinanza e parlandogli a più riprese nel corso della partita, ha rincuorato Kalinic a Zagabria spingendolo fino a spaccare ripetutamente la partita con la Grecia e a qualificare la Nazionale croata presieduta da Davor Suker (!) ai Mondiali in Russia. Lo stesso Chalanoglu lo si è visto solo in una occasione, quando ha vinto da solo la partita più bella giocata fino ad oggi dal Milan in Europa League, quella di Vienna. Chi è Calhanoglu? Quello del Prater? Quello delle partite in cui ha avuto problemi o quello che verrà? Calma, che serve anche per Andrè Silva. Il tempo e il momento giusto prima o poi arrivano, per tutti quelli che sapranno essere puntuali.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy