VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi

18.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 7864 volte

Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing e del passaggio di proprietà rossonero. L'articolo delle miniere arriva, guarda caso, proprio dopo la firma del contratto in esclusiva di quattro settimane più quattro, con un Fondo che ha quartier generale a New York. Per un rifinanziamento che arriverebbe a sanare la questione di un altro fondo, Elliott che, con i suoi tempi, pende sul campo del Milan. A proposito, Elliott, a sua volta headquarterato a New York. Visto quindi che si tratta di comunicazione finanziaria fra investitori che cercano di mettere pressione su Yonghong Li, è questione che non inficia il campo e la gestione sportiva del Milan. Se la proprietà rossonera e il suo presidente dovessero sentirsi toccati da un articolo pesante ma che resta un articolo, farebbero bene a rispondere. Se, invece, come pensiamo, sulle pagine del NYT è arrivata l'agitazione di qualche potere forte che non gradisce il tentativo della proprietà milanista di smarcarsi da Elliott, a quel punto alla presidenza rossonera non resterà che continuare a produrre fatti, come il recente aumento di capitale, piuttosto che parole o simili.

Il primo nome che ha fatto Gianluigi Buffon, a dramma nazionale appena iniziato, subito dopo il fischio finale di Italia-Svezia, è stato quello di Gigione Donnarumma. Il primo nome che è stato fatto per tentare di salvare la presidenza federale Tavecchio e per ridare un senso ad una Nazionale massacrata dalla mancata qualificazione ai Mondiali, è stato quello di Carlo Ancelotti. Tra i primi nomi per la Federazione e per un raccordo di prestigio fra l'istituzione e la squadra, ecco quelli di Paolo Maldini e Demetrio Albertini. Lo stesso dicasi per i giovani che dovranno andare a rimpiazzare gli azzurri usciti a brandelli dai playoff, e cioè Alessio Romagnoli e Andrea Conti. I primi nomi della ricostruzione sono tutti di estrazione rossonera, come storia, come sensibilità o come militanza attuale. C'è poco da menar vanto, perchè la situazione del nostro calcio è seria e non può esistere orgoglio di facciata per una ricostruzione che dovrà farne di strada prima di apparire credibile. Dopo il disastro di San Siro e dopo il terzo fallimento mondiale, dalla Nuova Zelanda alla Costa Rica per finire alla Svezia, il lavoro è durissimo. E ci vorrà una politica per farlo, non basterà un colpo di teatro. Anche perchè la carta Carlo Ancelotti è difficilissimo che possa essere utilizzata lunedì in Consiglio federale da Carlo Tavecchio. Con ogni probabilità, Carletto non viene.

Per Massimiliano Mirabelli quello che sta vivendo su larga scala al Milan è probabilmente un deja vu. Già in passato, nelle sue precedenti esperienze calcistiche, gli era capitato di ispirare importanti investimenti di mercato per giocatori che, sulle prime, hanno avuto grosse difficoltà. Con l'allenatore che non li vedeva, con l'inserimento difficile e problematico. Mesi difficili, propositi di andar via da parte dei giocatori stessi e invece, poi, la ripresa, la risalita, la riscossa, il riscatto. Ivan Perisic, ad esempio: oggi è un giocatore pazzesco, assurdo. Per forza, per gamba, per implacabilità. Eppure nel primo anno all'Inter ha fatto molta fatica. La stessa che stanno facendo da quattro mesi a questa parte giocatori come Hakan Chalanoglu, Andrè Silva, Nikola Kalinic. Proprio Perisic, con la sua vicinanza e parlandogli a più riprese nel corso della partita, ha rincuorato Kalinic a Zagabria spingendolo fino a spaccare ripetutamente la partita con la Grecia e a qualificare la Nazionale croata presieduta da Davor Suker (!) ai Mondiali in Russia. Lo stesso Chalanoglu lo si è visto solo in una occasione, quando ha vinto da solo la partita più bella giocata fino ad oggi dal Milan in Europa League, quella di Vienna. Chi è Calhanoglu? Quello del Prater? Quello delle partite in cui ha avuto problemi o quello che verrà? Calma, che serve anche per Andrè Silva. Il tempo e il momento giusto prima o poi arrivano, per tutti quelli che sapranno essere puntuali.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.