VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Milan: Darmian-Antonelli, il sogno giovane. Morata: Conte aveva ragione. Tifosi: l'unica via di salvezza per il nostro calcio… Parma: blindate quelle presidenze

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.02.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 31574 volte

Matteo Darmian e Luca Antonelli erano compagni di squadra nella Primavera del Milan. E nonostante il meraviglioso gol di Bilbao che metterà le ali alle quotazioni del presidente Cairo, una delle idee rossonere del prossimo mercato potrebbe anche essere proprio quella di ricomporre il binomio delle giovanili. Uno di qua e l'altro di là, con Abate sempre pronto e sempre concentrato. Uno a destra e uno a sinistra. Darmian piace a molti allenatori, è giocatore di colpi e di nozioni. In Torino-Milan, gara finita amministrativamente in pareggio ma sostanzialmente stravinta dal Torino, è stato Matteo a porre le prime pietre dell'ottima prestazione granata. Esattamente come aveva fatto Antonelli in Genoa-Milan. Darmian: Ventura lo ha rifinito, lo ha arricchito, lo ha completato. Matteo è stato bravo a non fermarsi al Mondiale brasiliano. Ha continuato a correre, a lavorare. Nonostante i contrattempi stagionali, i grandi club europei che tengono d'occhio gli attuali gioielli rossoneri non mancano, per cui Darmian, presidente Cairo e circostanze di mercato permettendo, potrebbe in teoria fare la stessa strada di Antonelli. Quella di un ritorno a casa scandito dalla cultura del lavoro e dalla disponibilità nei confronti della squadra.

Perché nella serata in cui sull'1-1 dello Juventus Stadium, momento topico in cui stavano tornando ad aleggiare i fantasmi neanche tanto vecchi del Galatasaray e affini, è stato Morata a sbloccare tutto? Proprio nella serata in cui Pirlo è dovuto uscire, in cui Vidal è rimasto sui suoi livelli stagionali, in cui Tevez rifinisce ma non spacca, in cui Pogba fa alcune giocate ma senza esibire mai in Champions League la stessa strapotenza del Campionato. Ma perché Morata ha nel suo passo e nel suo gioco le stigmate della Champions League. Il Real Madrid gioca il calcio qualitativo e propositivo della Champions League, e Morata lo conosce tutto. Il cerbiatto spagnolo potrà patire le tattiche e i gomiti alti di certi campi della nostra Serie A, ma quando c'è da giocare un calcio ampio sopra l'asticella sul miedo escenico dell'Europa, eccolo. Ed ecco anche perché Antonio Conte aveva identificato in lui il cardine del suo progetto bianconero in Champions League. All'allenatore dei 102 punti l'Italia stava stretta e voleva alzare la testa in Europa. Per questo aveva preso Morata e per questo aveva ragione.

Il calcio italiano si gode, complimenti sinceri, le cinque qualificazioni agli Ottavi di Europa League. Che sono benedette ma che non cambiano uno scenario incrostato da anni. L'Italia arranca in tutte le classifiche di ranking e di ricavi su scala europea. Tranne in una: la classifica dei diritti televisivi. Dopo la Premier League, solo la Serie A. Il Campionato italiano è il secondo in Europa per ricavi da diritti televisivi. Perché secondo voi? Perché nel nostro Campionato ci sono i campioni più grandi e importanti? Evidentemente no. Sarà perché sforniamo un prodotto bello e organizzato, con stadi belli e pieni e con giorni e orari di gara noti a tutti fin dall'inizio della stagione? Ma certo che no. Forse siamo in alto a livello di diritti televisivi perché abbiamo sempre almeno una squadra nelle Semifinali di Champions League? Ebbene, no. La verità, l'unica, è che siamo top come ricavi tv grazie a Sky e Mediaset che investono fior di soldi nel calcio. E lo fanno perché ci sono tanti tifosi appassionati e affamati di calcio in Italia. L'unica via di salvezza per il calcio italiano sono i tifosi. Per i quali nessuno in questo Paese fa mai niente. Fra tornelli, orari strani, colpi bassi, delusioni, tradimenti, l'Italia sta facendo di tutto per deprimerli. Riflettere e cambiare, please.

La frase del presidente Lotito su Carpi e Frosinone è una di quelle frasi che non si possono dire mai, soprattutto se si ha un ruolo e un peso. Perché qui da noi si può togliere tutto ma non il sogno italiano della piccola che batte la grande. Bellissimo, forza Carpi e forza Frosinone. Dopo di che, ci mettiamo a fare i conti. E scopriamo che, Parma oggi e qualcun altro domani, il sistema è davvero al collasso e che al calcio italiano di alto livello mancano ormai tante, troppe, grandi città. I sogni sono belli e cari, ma senza i soldi della benzina per il pullman non resta neppure il tempo di farli. E se non si ricompone il circolo virtuoso delle grandi presidenze e delle grandi città, la pompa di rifornimento dei diritti tv prima o poi si inceppa. Meglio dirselo chiaro, senza troppi inutili giri di parole. A proposito, le presidenze. Visto Manenti e visti altri, di cui per carità di Patria non facciamo il nome ma tanto è tutto chiaro in tv ogni giorno, ma non è proprio possibile fra le istituzioni del nostro calcio dotarsi di un organismo di vigilanza sull'accesso alle presidenze dei Club di Serie A? Non è possibile che, oggi, chiunque possa diventare presidente di una società del massimo campionato italiano. Queste cose poi si pagano. E caro anche.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.