VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Milan: Darmian-Antonelli, il sogno giovane. Morata: Conte aveva ragione. Tifosi: l'unica via di salvezza per il nostro calcio… Parma: blindate quelle presidenze

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.02.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 31576 volte

Matteo Darmian e Luca Antonelli erano compagni di squadra nella Primavera del Milan. E nonostante il meraviglioso gol di Bilbao che metterà le ali alle quotazioni del presidente Cairo, una delle idee rossonere del prossimo mercato potrebbe anche essere proprio quella di ricomporre il binomio delle giovanili. Uno di qua e l'altro di là, con Abate sempre pronto e sempre concentrato. Uno a destra e uno a sinistra. Darmian piace a molti allenatori, è giocatore di colpi e di nozioni. In Torino-Milan, gara finita amministrativamente in pareggio ma sostanzialmente stravinta dal Torino, è stato Matteo a porre le prime pietre dell'ottima prestazione granata. Esattamente come aveva fatto Antonelli in Genoa-Milan. Darmian: Ventura lo ha rifinito, lo ha arricchito, lo ha completato. Matteo è stato bravo a non fermarsi al Mondiale brasiliano. Ha continuato a correre, a lavorare. Nonostante i contrattempi stagionali, i grandi club europei che tengono d'occhio gli attuali gioielli rossoneri non mancano, per cui Darmian, presidente Cairo e circostanze di mercato permettendo, potrebbe in teoria fare la stessa strada di Antonelli. Quella di un ritorno a casa scandito dalla cultura del lavoro e dalla disponibilità nei confronti della squadra.

Perché nella serata in cui sull'1-1 dello Juventus Stadium, momento topico in cui stavano tornando ad aleggiare i fantasmi neanche tanto vecchi del Galatasaray e affini, è stato Morata a sbloccare tutto? Proprio nella serata in cui Pirlo è dovuto uscire, in cui Vidal è rimasto sui suoi livelli stagionali, in cui Tevez rifinisce ma non spacca, in cui Pogba fa alcune giocate ma senza esibire mai in Champions League la stessa strapotenza del Campionato. Ma perché Morata ha nel suo passo e nel suo gioco le stigmate della Champions League. Il Real Madrid gioca il calcio qualitativo e propositivo della Champions League, e Morata lo conosce tutto. Il cerbiatto spagnolo potrà patire le tattiche e i gomiti alti di certi campi della nostra Serie A, ma quando c'è da giocare un calcio ampio sopra l'asticella sul miedo escenico dell'Europa, eccolo. Ed ecco anche perché Antonio Conte aveva identificato in lui il cardine del suo progetto bianconero in Champions League. All'allenatore dei 102 punti l'Italia stava stretta e voleva alzare la testa in Europa. Per questo aveva preso Morata e per questo aveva ragione.

Il calcio italiano si gode, complimenti sinceri, le cinque qualificazioni agli Ottavi di Europa League. Che sono benedette ma che non cambiano uno scenario incrostato da anni. L'Italia arranca in tutte le classifiche di ranking e di ricavi su scala europea. Tranne in una: la classifica dei diritti televisivi. Dopo la Premier League, solo la Serie A. Il Campionato italiano è il secondo in Europa per ricavi da diritti televisivi. Perché secondo voi? Perché nel nostro Campionato ci sono i campioni più grandi e importanti? Evidentemente no. Sarà perché sforniamo un prodotto bello e organizzato, con stadi belli e pieni e con giorni e orari di gara noti a tutti fin dall'inizio della stagione? Ma certo che no. Forse siamo in alto a livello di diritti televisivi perché abbiamo sempre almeno una squadra nelle Semifinali di Champions League? Ebbene, no. La verità, l'unica, è che siamo top come ricavi tv grazie a Sky e Mediaset che investono fior di soldi nel calcio. E lo fanno perché ci sono tanti tifosi appassionati e affamati di calcio in Italia. L'unica via di salvezza per il calcio italiano sono i tifosi. Per i quali nessuno in questo Paese fa mai niente. Fra tornelli, orari strani, colpi bassi, delusioni, tradimenti, l'Italia sta facendo di tutto per deprimerli. Riflettere e cambiare, please.

La frase del presidente Lotito su Carpi e Frosinone è una di quelle frasi che non si possono dire mai, soprattutto se si ha un ruolo e un peso. Perché qui da noi si può togliere tutto ma non il sogno italiano della piccola che batte la grande. Bellissimo, forza Carpi e forza Frosinone. Dopo di che, ci mettiamo a fare i conti. E scopriamo che, Parma oggi e qualcun altro domani, il sistema è davvero al collasso e che al calcio italiano di alto livello mancano ormai tante, troppe, grandi città. I sogni sono belli e cari, ma senza i soldi della benzina per il pullman non resta neppure il tempo di farli. E se non si ricompone il circolo virtuoso delle grandi presidenze e delle grandi città, la pompa di rifornimento dei diritti tv prima o poi si inceppa. Meglio dirselo chiaro, senza troppi inutili giri di parole. A proposito, le presidenze. Visto Manenti e visti altri, di cui per carità di Patria non facciamo il nome ma tanto è tutto chiaro in tv ogni giorno, ma non è proprio possibile fra le istituzioni del nostro calcio dotarsi di un organismo di vigilanza sull'accesso alle presidenze dei Club di Serie A? Non è possibile che, oggi, chiunque possa diventare presidente di una società del massimo campionato italiano. Queste cose poi si pagano. E caro anche.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.