VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Milan, Darmian come Cerci e Miha come Leonardo. Pirlo: Milan cancellato? Juventus, piace Isco. Napoli: il ritratto di Ischia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
11.07.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 92300 volte

Il Milan si appresta a vivere un Agosto tutto nuovo. Si è dato una ossatura di mercato fra Giugno e Luglio ed è pronto a vedere cosa succede ad Agosto, mentre prima Agosto era tutto, era il fondamento affannoso dell'estate. Cinque nuovi arrivi importanti (giusto non sottovalutare l'interessante Rodrigo Ely), tre rinnovi pesanti, un nuovo allenatore valore aggiunto. Ma non avevi scritto del gioco che adesso si fa pesante? Vero, ma proprio perché pesante bisogna attendere, sperando poi, nessuno ne ha garanzia mai sul mercato, che le cose succedano sul serio. Intanto le uscite. Sfoltire è il verbo più coniugato in questi giorni a Casa Milan. A inizio Campionato, bisognerà essere in 25. Adesso al Milan sono in 32, dopo il rinnovo di Mexes avvenuto in stra-sintonia con l'allenatore. Bisogna limitare al minimo i giocatori che resteranno a libro-paga senza entrare nei 25: problema che hanno tutti (tutti!) in Serie A. Sì anche quelli che saltellano, sorridiamoci sopra: meglio che saltellino citando la loro ossessione di sempre, piuttosto che saltare a piè pari gli avversari finiti davanti in classifica come avvenne nel 2006 e come stava per avvenire anche quest'anno. Torniamo a noi. Gioco pesante, quindi attese e pazienza pesanti. I tifosi del Milan sognano Romagnoli, Witsel e Ibra. Se ne arriva uno lotta per l'Europa fra CL e EL, se ne arrivano due si puntano dritti i primi due/tre posti, se dovessero mai arrivare tutti e tre è seria candidatura per lo Scudetto. Modestissima e ininfluente previsione personale: almeno uno, importante, con vista poi sul mercato di Gennaio. Due sarebbe una grandissima cosa. Tre pressochè impossibile. A proposito, Buona fortuna Matteo! Darmian allo United. I migliori e più sinceri, lui lo sa, Auguri. Ma se anche dovesse ripetersi la parabola Cerci in uscita dal Torino (prima Atletico e poi Milan) anche per Darmian, ai tifosi del Milan non dispiacerebbe affatto.

Una settimana fa, Sinisa Mihajlovic. Tante cose, ma soprattutto una: "Orgoglio d'appartenenza? No, è presto". Qua la mano, Mister. Tutta sostanza, niente teatrino. Meglio una frase vera che una dichiarazione buttata lì per le telecamere. Quando Leonardo nel dicembre 2010 (scheda di presentazione Sito ufficiale Inter, Milan mai nominato, controllare please) dopo tredici anni di Milan, si presentò ad Appiano Gentile proruppe in un: "Allenare l'Inter? Un sogno". Come sei diverso, Sinisa. Buon lavoro.

Gli unici trionfi euro-mondiali di Club della sua gigantesca carriera, Andrea Pirlo li ha ottenuti al Milan: 1 Mondiale per Club, 2 Champions League, 2 Supercoppe Europee. La squadra di Club nella quale ha giocato di più (dieci anni) e dalla quale ha avuto di più (rilancio dopo anni difficili fra Inter e Reggina e grandi ingaggi) è stato il Milan. Ma ha scelto la Juventus come casa e prima di salutare il calcio italiano, si è dimenticato del Milan e dei Milanisti. Quando era in rossonero, pativa in cuor suo tutto lo spazio che otteneva Ricardo Kakà. Sì, Andrea: i tifosi rossoneri hanno amato lui e ameranno sempre lui, incondizionatamente e senza il minimo dubbio. E dal momento che nella vita c'è sempre un destino per tutto e tutto torna, al netto degli anni e degli episodi al suo posto, il motivo non è gratuito, basta dare una rilettura veloce ad alcune pagine del tuo libro.

I tifosi juventini sognano Oscar, ma Massimiliano Allegri non perde mai di vista Francisco Roman Alarcon Suarez. Ovvero, Isco. L'allenatore della Juventus lo ha incrociato nell'inverno del 2012 in due confronti di Champions League fra Milan e Malaga. Isco fece due grandi partite e nel corso degli anni è migliorato. Se questo gradimento tecnico possa dar vita ad una operazione grata a Morata (erano compagni di squadra in maglia merengue), o attraverso uno scambio con Vidal o con l'ottenimento di una qualche opzione per Pogba, non è dato di sapere. Ma se il Real Madrid entrasse nell'ordine di idee nel corso delle settimane in cui il mercato entrerà fatalmente e fisiologicamente nel vivo, il gradimento tecnico bianconero non manca.

A proposito, grande rumore per i 20 milioni per Andrea Bertolacci. Intanto, il ragazzo è mediaticamente sottovalutato e si riprenderà tutto con gli interessi sul campo. Ma restiamo sui 20 milioni che fan parlare. Punto primo: Andrea, nazionale azzurro reduce da una ottima stagione, è uscito dall'asse Roma-Genoa con una valutazione di mercato di 17 milioni di euro, determinata dagli 8.5 sborsati dalla Roma per la sua metà. Punto secondo: a 20 si è arrivati per via del mancato riscatto rossonero di Mattia Destro (16 milioni), cui la Roma teneva molto e che era entrato negli accordi di Gennaio. Ma dal momento che Mattia, purtroppo, nella pessima stagione rossonera, si è svalutato, tanto è vero che oggi viene trattato sulla base di 12-13 milioni, ecco che nell'operazione Bertolacci potrebbe essere entrato una sorta di signorile indennizzo proprio riferito alla precedente operazione Destro e che sancisce rapporti corretti fra Milan e Roma.

Ha un bel dire Luigi Rapullino, amministratore di Sideralba. Avrà anche un tifo meraviglioso l'Ischia, ma non si può prendere una squadra figlia del suo territorio, amata dalla sua gente, e tenerla tutta la settimana a Napoli. Bene salvare l'Ischia e bene tenere in Lega Pro una squadra che ha un seguito appassionato e civile. Ma senza la sua gente, la squadra del'isola verde diventa una squadra qualsiasi. Per non trasformarla in una operazione di plastica, il dottor Rapullino pensi a eventi settimanali con un paio di giocatori inviati sul territorio, a incontri con i tifosi nell'immediata vigilia delle partite. Ma non nella torre d'avorio. Nella casa del Club.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.