VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan, ecco perché Ancelotti non può tornare. E quelle fantasie sulla Juve...

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
25.05.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 36629 volte
© foto di Federico De Luca

Ho letto che il Milan gufava, alla vigilia di Real-Atletico, per riprendersi indietro Ancelotti. Naturalmente perdente. La fantasia degli scribi a volte non ha limiti. Ma più che fantasia direi improntitudine. Come avrebbe potuto tornare al Milan che l'ha liquidato come un peso, un incomodo, uno da rottamare, insieme ai guerrieri rossoneri che hanno fatto diventare mago Berlusconi, anche Galliani, poi condannati a vederlo vincere con il Chelsea, il Paris SG e trionfare con il Real cui ha consegnato la Decima attesa da dodici lunghi anni? Potrebbe tornarci solo per cogliere una dolce e feroce vendetta, ma lui non ha la stoffa del Conte di Montecristo, piuttosto quella dell'emiliano signore di campagna. L'ultima volta che gli ho parlato e gli ho chiesto "Tornerai in Italia?", mi ha risposto: "Sì. A Reggiolo". L'ho visto nascere, il trionfatore della Champions, uno che l'ha vinta cinque volte - due sul campo, tre in panchina, come Bob Paisley con il Liverpool, ma Carlo con due squadre, Milan e Real - e ho come chiuso un percorso di vita professionale: perché quando aveva vent'anni e giocava nel Parma, nel 1979, in Serie B, gli consegnai il Guerin d'Oro e lo feci sedere a un tavolo della Ca' del Liscio di Raul Casadei, luogo della premiazione, insieme a Niels Liedholm. Me l'aveva chiesto il Barone - vincitore come allenatore - e quella sera, fra un brindisi e un applauso, Ancelotti passò alla Roma per iniziare una carriera strepitosa che non avrebbe mai intaccato la sua naturale modestia. Anche nell'Estadio da Luz dove i madridisti cantavano la sua gloria Carlo s'è presentato per ultimo, dopo i "suoi ragazzi", e ha lasciato che la passerella con la Coppa dalle Grandi Orecchie l'aprisse Casillas, farfalliere di turno, e che Cristiano Ronaldo la facesse da re davanti al re vero, Juan Carlos, solo per avere segnato su rigore il 4-1 dell'ingiusta umiliazione inferta all'Atletico del Coraggio. Il trionfo di Ancelotti - che i fantasiosi avevano collocato anche sulla panchina della Juve, dimentichi dell'affronto arrecatogli dal Trio Pastiglia (copyright Fred Buscaglione) che l'aveva fatto cacciare dagli ultras juventini dopo la pioggia di Perugia - punisce e ridicolizza tutti i detrattori del "made in Italy" e i patiti dei "maghi" stranieri. La Juve s'è salvata per un pelo, confermando il triscudettato Antonio Conte già dato dai Fantasiosi come esule, ma non da me che non ho mai dubitato della sua riconferma e l'ho detto guadagnandomi sorrisi di commiserazione. Facciano tesoro dell'esperienza felicissima di Ancelotti, Conte e la Juve: chi ha visto la emozionante partita con l'Atletico del Coraggio e ha vissuto la sofferenza dei blancos sa che non ha vinto il fatturato ma il lavoro scrupoloso del Signore di Campagna capace di trasformare i soliti Galacticos stramilionari in una squadra unita e scaltra - quasi italiana - esaltata da Sergio Ramos, un difensore, prima con il Bayern poi con l'Atletico. Un soprannome nuovo per Carlo? "'E padràn": il padrone, il paròn. Come Nereo Rocco.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.