VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti...

13.07.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 41288 volte
© foto di Federico De Luca

L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per Bertolacci, oggi chiusa al Genoa) per capire intanto le intenzioni di Bonucci e il suo guadagno (6 milioni netti al mese) e poi eventualmente tasteranno il polso alla Juve. Che finora ha sempre detto: non si tocca nessuno a meno che qualcuno non voglia andare via. È come se il pallone fosse (come succede spesso in campo) fra i piedi di Bonucci. Ora tocca a lui affondare il colpo: lasciarsi corteggiare dal Milan o rimanere ancora alla Juve. Di sicuro il Milan se dovesse avere ulteriori segnali di apertura da parte del difensore bianconero formulerebbe un'offerta alla Juventus. Ma da quanto? L'unica contropartita milanista che può interessare a Marotta e Paratici è De Sciglio da tempo seguito. Ma è a scadenza contratto quindi il cash che accompagnerebbe il suo cartellino dovrà essere considerevole, perché se anche Bonucci dovesse decidere di lasciare la Juve non certo il prezzo sarà di saldo. Prime schermaglie quindi, ma di un certo peso.
E il Milan non finisce qui: continua a sperare in Aubameyang che peò in queste ore sta continuando a trattare con il Tianjin. Va detto che però (a fronte della superofferta) nel frattempo non solo il mercato cinese sta per chiudere ma la squadra di Cannavaro ha già preso Modeste in avanti...
Poi c'è la questione Biglia, arrivato in serata nel ritiro della Lazio. C'è ancora distanza fra le parti ma ormai è in tira e molla destinato a finire com la cessione del ragazzo. Non a caso la Lazio abbia cominciato a guardarsi intorno per sostituirlo (Arslan e Lucas Leiva) mentre invece le schermaglie del Milan su altri giocatori (come Badelj per esempio) sembrano più che altro azioni di copertura. La Lazio non vorrebbe scendere ancora visto che Biglia è il capitano della squadra, il Milan pensa di aver già offerto molto per un 31enne a scadenza. Ma se vorranno chiudere l'operazione dovranno ammorbirsi entrambi
La Juventus invece dopo aver ufficializzato Douglas Costa cercherà di coaire come definire (o finire) la vicenda Schick. Ieri incontro a Milano con gli agenti del giocatore, nelle prossime ore il ragazzo farà altri esami e se dovessero andare bene allora non ci saranno problemi per il trasferimento, altrimenti i bianconeri vorebbero rivedere la formula e passare al prestito.
La Roma sta costruendo il suo reparto offensivo: dopo la chiusura della trattativa per Under si va definendo quella con il Sassuolo per Defrel (ballano le modalità di pagamento, particolare non banale) e c'è stato un contatto per Mahrez, con l'agente per capire la fattibilità dell'operazione. Richiesta 30 milioni di euro. Capitolo Nainggolan: c'è stato un contatto con l'agente del giocatore per il rinnovo. Nel fine settimana ci potrebbe essere un nuovo contatto stavolta con il giocatore presente. L'Inter continua a spingere per Dalbert, anzi è Dalbert che continua a spingere per l'Inter che è arrivata ad offrire 20 milioni di euro bonus compresi.
Poi ci sarà tempo di piazzare il colpo in avanti che aspetta Spalletti e il popolo nerazzurro: un colpo alla Suning non solo buono per il presente ma anche per il futuro.
Il Napoli chiuderà ufficialmente per Mario Rui una volta messi a posto i diritti di immagine mentre continua la caccia al secondo portiere: Diego Alves, Karnezis e anche Bravo del City. La situazione con Reina ancora non si è sbloccata, nel senso che c'è ancora freddezza. Il ritiro non ha aiutato a scongelare la situazione. L'Atalanta ha incontrato il Benfica per Cristante (i portoghesi hanno chiesto Petagna, senza esito) ma soprattutto l'Atalanta ha incontrato il Papu per il rinnovo: è arrivato! E avrà come compagno di squadra Orsolini: raggiunto accordo con la Juve per un prestito biennale e riscatto. Il Crotone tratta Mauricio dello Zenit che dovrebbe svincolarsi a breve, il Torino rinnova Baselli e continua a puntare Zapata. Il Genoa punta Butic (attaccante capocanonniere dell'Inter al Viareggio) e come detto prende Bertolacci. La Fiorentina ufficializza Martin Graiciar dallo Slovan Liberec. La Spal prende Polvani dal Pontedera, la Samp aspetta una risposta dallo Sporting Gijon per Meré e ha puntato Goldaniga e Ferrari del Sassuolo. Il Verona ha ufficializzato Hertheaux e ha ceduto al Bologna Ferrari. Tenetevi forte questa è solo la A, il mercato non finisce mai


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.