VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan, hai bisogno di tempo ma l'obiettivo stagionale sta già sfumando. Napoli-Juve e il terzo incomodo. MALEvento, è finita prima di cominciare. A Pisa una nuova edizione della "Corrida di Corrado"

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
30.10.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28849 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Nel calcio ci vuole equilibrio ma, giustamente, diventa difficile essere cinici nell'analisi dei risultati. Per analizzare lo stato attuale del Milan ci vogliono, oltre all'equilibrio, lucidità e pragmatismo. Partiamo da un presupposto: fin qui il Milan è una grande delusione perché, se è anche vero che ci vuole tempo per una squadra e una società completamente nuova, è altrettanto vero che questi risultati sono troppo deludenti per poter restare lucidi. A maggior ragione se hai speso 230 milioni di euro. Il Milan non era da scudetto l'1 luglio, non lo era il 31 agosto e non lo è il 30 ottobre. Il Milan, però, doveva restare in lotta per il quarto posto fino a maggio. Questo sì. Al Milan concediamo l'alibi del tempo. Ci vogliono tempo e pazienza per assemblare una squadra così nuova ma, allo stesso tempo, dobbiamo lucidamente analizzare gli errori che oggi portano la squadra così lontano dal quarto posto. Primo fattore: errore clamoroso aver confermato Vincenzo Montella. Buon traghettatore, allenatore con idee ma sicuramente non sarà mai Allegri, non sarà Ancelotti e neanche Spalletti. Montella è un allenatore da fascia media di serie A, anche se a Genova ha dimostrato di non meritare neanche quella. Le espressioni alla Vincenzo Salemme iniziano a disturbare, le risposte da presa in giro non le accettiamo e soprattutto aspettiamo da Montella una risposta tecnico-tattica su questo Milan che non gira. Uomini messi in ruoli sbagliati e neanche una lontana idea di calcio. La società ha sbagliato? Certo, altrimenti non sarebbe sull'altra colonna della classifica. Innanzitutto se punti Belotti, Morata e Diego Costa non puoi chiudere il mercato con Kalinic. Questo lo abbiamo detto subito. Non ce la sentiamo di incolpare i dirigenti del Milan per l'acquisto di Bonucci perché, tutti e ripeto tutti, abbiamo fatto mille complimenti a Mirabelli e Fassone per aver preso l'ex difensore della Juve. Poi se Bonucci è diventato un problema questo lo ha giustamente dichiarato il campo ma parlare di acquisto sbagliato è esagerato, se consideriamo gli ultimi anni del leader della squadra che in Italia ha vinto tutto. Il Milan rinascerà, il Milan tornerà a galla ma forse questo Milan è anche sfortunato. Nell'anno in cui l'Italia ritrova quattro posti in Champions le romane si danno alla pazza gioia. Credevamo fosse una lotta a due per il quarto posto. Era tutto giusto ma abbiamo sbagliato la concorrente della Roma. La Lazio è uno spettacolo, di questo passo il Milan potrà puntare solo all'inutile Europa League.
JUVE, NAPOLI E IL TERZO INCOMODO
Lo scudetto, invece, sarà un affare a tre. Tra Napoli e Juve c'è l'Inter terzo incomodo. Sabatini, a gennaio, potrà investire e Spalletti in questa società può davvero fare la differenza, cosa che a Roma gli riusciva di meno per due fattori: il difficile ambiente romano e l'ingombrante presenza nello spogliatoio di Francesco Totti. Per questo Spalletti a Milano può prendersi quello che a Roma non poteva prendersi, nonostante il record di punti.
MALEVENTO
Record di punti che, di questo passo, batterà anche il Benevento. Al "povero" De Zerbi dissi, in privato e pubblico, che un allenatore giovane e bravo come lui mai avrebbe dovuto accettare la grande sfida di Benevento. Non l'ha fatto per soldi ma per passione, ma a volte la passione ti tradisce. Neanche Guardiola potrebbe cambiare una squadra depressa e demotivata, con pochi valori tecnici. De Zerbi ha fatto due grandi errori: Palermo e Benevento. Uno come lui aveva bisogno di una società seria, il Benevento lo è, ma di tranquillità. Anche firmare fino a giugno non ha senso. Avrebbe avuto un senso se già da ora si iniziasse a programma la prossima stagione di B. Oggi il problema della squadra non è salvarsi ma fare un punto. Almeno un maledettissimo punto. Capito dove siamo arrivati? E' anche vero che davanti non si corre poi così tanto, ma è deprimente per una città che non ha mai visto la serie A, viverla tra pugni e schiaffi, diventando la società zimbello d'Europa. Perché, oggi, questo è il Benevento. Zero punti! Zero assoluto, in concerto al Santa Colomba. Non lo merita Vigorito che ci mette soldi, anima e passione perché se andiamo a fare due calcoli questa squadra non è costata neanche 4 noccioline. Oltre il danno la beffa. Vigorito, per costruire questa squadra, ha speso anche soldi veri. Mettetevi nei panni del Presidente del Benevento che ha pagato stipendi, cartellini, due allenatori, due direttori sportivi e in giro per l'Europa circola la sua faccia per aver battuto tutti i record del calcio. Vabbè alla prossima c'è la Juve a Torino...
"LA CORRIDA DI CORRADO, DALLA TV AL CINEMA... NELLE MIGLIORI SALE DELLA TOSCANA"
In chiusura qualche precisazione sul Pisa che, con una oggettiva coda di paglia, si è avventata in un'ampia analisi non richiesta. Ringrazio il club toscano per aver risposto con un lungo comunicato stampa ad un mio tweet di nemmeno 140 caratteri. Punto primo: ai Corrado consigliamo un ufficio stampa che almeno sia informato dei fatti. Quando i responsabili dell'Ufficio Stampa scrivono, nel comunicato, che il sottoscritto non ha i requisiti per poter giudicare la gestione di una società calcistica commettono un triplo errore. Il primo è che la Lega ha venduto, per i prossimi tre anni, i diritti all'emittente che dirigo e in quanto club partecipante alla Lega Pro il Pisa ha il dovere di rispettare gli impegni presi. Finora, infatti, è l'unico club a non aver capito come funziona far parte di una Lega. Il fatto che l'anno scorso, in B, gli hanno concesso tutto non significa che ogni anno possano fare come gli pare. Corrado, che tra l'altro mi è anche simpatico, si avventura in situazioni che non conosce, confermando che ha confuso il mondo del calcio con l'affitta sale da cinema. Qui non ci sono pop corn da vendere a fine primo tempo o biglietti da staccare prima di vedere un film. A Corrado qualcuno spieghi come funziona il calcio, visto che da quando è subentrato ha fatto più danni (sportivi) dei suoi predecessori, con una media punti disastrosa dal suo avvento. Nel mio tweet ho parlato di confusione, il Pisa con la coda di paglia ha precisato che paga gli stipendi, che non ha debiti, che sta ristrutturando l'area marketing e via con la lista della spesa. Caro Pisa, nessuno ti ha chiesto nulla e soprattutto nessuno ha messo in discussione i buoni propositi societari. Abbiamo parlato di confusione societaria, in ambito sportivo, palesata dall'esonero di Gautieri, dalle non dichiarazioni di Pazienza nel pre partita essendo allenatore ad interim, alle non dichiarazioni del post partita di Pazienza e alla mancata scelta di un nuovo Mister. Il calcio, al contrario dell'affitta sale, prevede che prima di esonerare un allenatore si contatti qualche possibile successore senza farsi cogliere impreparati come una società di eccellenza. Abbiamo parlato di confusione sportiva e ci è stato risposto che pagano gli stipendi ogni 10 del mese. Bravi, volete l'applauso? E' come se un vigile mi fermasse per non essermi fermato con il semaforo rosso e per difendermi iniziassi a dire al vigile "Scusi, ma come si permette? Io non ho mai ammazzato nessuno, non ho violentato bambini e non ho mai spacciato eroina". Il vigile, secondo me, penserebbe che abbia bisogno di uno psichiatra. Giustamente. Mi ha fermato per non aver rispettato il rosso ed è inutile difendermi per reati mai contestati. Questo è il senso della risposta del Pisa. Passando agli attacchi personali, posso solo ricordare a Corrado quello che penso di lui. Persona seria ed educata che con il calcio non ha a nulla a che fare. Finora, calcisticamente, ha sbagliato tutto quello che c'era da sbagliare affossando una società che dopo tanti anni aveva ritrovato, seppur con mille difficoltà, la serie B. Spieghiamo che stiamo parlando di risultati sportivi, altrimenti, Corrado ci rimanda la dichiarazione dei redditi e due omaggi per il film di Natale tra due mesi. Compresi i pop corn omaggio nel pacchetto. Prendete i risultati e la classifica e fate voi la media punti della gestione Corrado da quando è subentrato a Pisa. Lo scorso anno, grazie ai Santi in Paradiso, ha avuto la possibilità di svolgere regolarmente il campionato di serie B ma il campo è sempre il giudice più obiettivo. Quest'anno ha costruito una rosa da rivedere già a gennaio, ha puntato su Gautieri per poi esonerarlo senza trovare un sostituto. Simpatica la chiusura di un comunicato stampa scritto, evidentemente, da un autore cinematografico più che da un ufficio stampa. Se avessi cercato visibilità, certamente ero e resto consapevole di non trovarla parlando di una società di terza serie.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.