VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan, il tuo mercato lo decide Ibra. Rossoneri: da Robinho-Saponara a Bertolacci. Buffon: il biscotto non ammazza nessuno. Mancini: commissioni, non telefonate

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
27.06.2015 08.39 di Mauro Suma   articolo letto 94043 volte

Jackson Martinez era un airone esplosivo. Non è venuto. Il suo sì, e il sì del presidente del Porto, come sa bene sulla sua pelle chi lavora sulle notizie minuto per minuto e non sul trespolo ad aeternum, è diventato un no, ma la vita continua. Se c'è un Club che ha saputo prendere Van Basten dopo il rifiuto di Vialli, Pato dopo il rifiuto di Suazo, e non Podolski dopo il rifiuto di Cerci, quello è il Milan. Detto questo, Carlos Bacca. Arriverà? Chi lo sa. Certo, è un giocatore diverso da Jacskon. Più avvolgente e bello il cigno del Porto, più uomo-gol e finalizzatore cattivo il rompighiaccio del Siviglia. Non sarebbe certo un passo indietro. Sarebbe certamente qualcosa di diverso. In soldoni: se fosse venuto Jackson Martinez non sarebbe mancato chi avrebbe parlato di giocatore troppo vecchio per tutti quei soldi, ma per chi si nega il rutto libero e prova ad analizzare sarebbe stato un arrivo in grado di rendere, bestemmia, "inutile", addirittura lo stesso e quanto mai eventuale ritorno di Ibra. Perché Jackson esce, svaria, recupera, tira, segna, fa tutto. Proprio come Z. Carlos Bacca è invece un goleador affamato e spietato ma che ha bisogno totale e assoluto degli spazi creati da un gigante che catalizza attenzioni e difensori avversari. Quindi, Ibra. Non sempre il lato mediatico del mercato è sullo stesso piano del lato funzionale. L'emozione dei tifosi non sempre va nella stessa direzione delle effettive necessità della squadra. Ma questa volta sì. Annusata l'aria e dato uno sguardo all'orizzonte, oggi l'unico uomo in grado di cambiare davvero e sul serio l'umore dei tifosi del Milan è proprio lui, Ibra. Il Milan sa quello che deve fare e lo farà. La strada del mercato rossonero è indicata ed è imporante. Ma se viene Ibra esce l'arcobaleno per i tifosi, altrimenti, fatalmente, no. E sarebbe proprio l'uomo della Provvidenza nel caso in cui al posto di Jackson arrivasse un finalizzatore. Impresa titanica però, perché Ibra ha detto no al Milan. E' andato a Doha prendendo tre-quattro aerei per dire no al Milan. Sta studiando strategie per dire no al Milan. Non vede l'ora di dire no al Milan.

La sentenza è arrivata subito: venti milioni sono tanti per Bertolacci. Esattamente come quaranta milioni sono tanti per Kondogbia. Ma la prima frase inonda microfoni su microfoni, la seconda no. La seconda frase è silenziata, non esiste, saltella, insieme ai sorrisini compiaciuti di chi, da sempre negli studi televisivi, si compiace di "chi non salta è un rossonero" e parla di beffa e scarso rispetto quando "chi non salta è un nerazzurro". Saranno anche tanti i venti milioni per un nazionale come Bertolacci, ma sono anche i soldi che di fatto il Milan si ritrova dopo le operazioni di Robinho e Saponara. La rescissione del contratto di Robinho, sei milioni netti risparmiati, e la somma del riscatto esercitato dall'Empoli per Saponara più il 30 per cento derivante da una successiva cessione di Riccardo, generano una cifra molto vicina all'investimento per Bertolacci. Quindi c'è tutto il tempo. Che il magone del 20 Giugno non passi con l'arrivo di Bertolacci, è ovvio ed evidente. Ma che adesso il Milan abbia due punte importanti come obiettivo, è altrettanto chiaro. E Witsel? E il centrocampo nel suo complesso? E il difensore? Domande corrette, tarli martellanti, ma il mercato chiude il 31 Agosto. Il Milan si deve rilanciare e alla grande. Non bastano un ragazzo a centrocampo e una punta là davanti. E' necessaria una riconfigurazione della squadra. Senza scorciatoie e senza sconti. Il presidente Berlusconi lo sa e tira dritto a prescindere. Lo scambio della documentazione, e una imminente video-conferenza, con Mr.Bee Taechaubol e il suo consorzio, proseguono spediti. Non dovevano esserci soldi adesso, perché il comunicato del 5 Giugno non è il preliminare dell'acquisto di un appartamento. Niente caparre. Contestualmente alle firme e al trasferimento delle quote, dovrà essere corrisposto il relativo bonifico. L'impalcatura è chiara.

Le intercettazioni su alcune partite di Serie B sono più da cronaca nera che da pagina sportiva. Ma in molti ci sono saltati addosso. Soprattutto sui social bianconeri. Ah ecco Pulvirenti, quello che protestava per il gol annullato al Catania dopo l'intervento della panchina bianconera, l'amico di questo, l'amico di quello. E' giusto che i tifosi appassionati di una squadra si scatenino non solo sulle vicende di campo ma anche sul resto. Carino però notare, come dopo il biscotto dell'Europeo Under 21 con la Svezia e il Portogallo che beffano l'Italia, nessuno ma proprio nessuno sia tornato sulle frasi di Gigi Buffon: meglio due feriti che un morto...Siamo, vero, lontani anni luce. Pulvirenti è dentrissimo una serie di intercettazioni allucinanti, mentre non c'è nessuna correlazione fra le dichiarazioni di Buffon e l'1-1 svedese. Ma sul piano etico-morale, sappiamo tutti abbastanza bene che in cuor suo Buffon non condanna quanto accaduto nell'Europeo Under 21, ma lo accetta e lo giustifica dall'alto della sua esperienza di campo. Parliamone, però. Ricordiamo tutto, non solo quello che conviene.

Una settimana fa scrivevamo qui che non sono le telefonate di Roberto Mancini a decidere se si fa o non si fa, se viene o non viene, se succede o non succede. Il modo in cui è "passato" il fragoroso caso mediatico di Geoffrey Kondogbia, sembrerebbe dimostrare il contrario, con i social che scoppiano di santini e telefoni. Del resto, con un luogo comune che non rende onore ne all'una ne all'altro, il crocevia telefonico sta all'Inter come lo snodo delle libagioni al Milan. Ma insistiamo. Montecarlo, nonostante le dichiarazioni di Kondogbia che abbiamo letto, non è stata decisa dalla telefonata. Sappiamo da sempre che le operazioni di mercato, soprattutto convulse come quella che ha opposto l'Inter che ha vinto al Milan che ha perso, vanno in porto solo se e solo quando "sono tutti contenti". Le parti in causa sono tante, in casi del genere. E a far tutti contenti non sono, bontà loro, le telefonate. Ma le intese, gli accordi, le commissioni. Tutto deve essere chiaro, detto e percepito. Se prevale l'alone di non detto o di sospetto, basta anche un dettaglio per far saltare tutto. E il Milan, sulla sua pelle, non dall'altro capo del filo, lo sa bene.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.