VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan: la polpetta catastrofista. Chievo: professionalità Bonucci. Allegri: Mister duttilità

28.10.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 11639 volte

Guai a dare torto ai convitati di pietra. Si incaponiscono. Si incattiviscono. Si inaspriscono. Avevano deciso che i Cinesi non esistevano? E non dovevano esistere! Passi per il closing, avevano deciso che ricevuta la grazia del passaggio di proprietà, a quel punto non ci sarebbero stati i fondi per il calciomercato? E non bisognava farlo il mercato! Altrimenti si arrabbiano. Una volta in corso il mercato, la "decisione" era che non sarebbe stato di sostanza...E allora non bisognava prenderlo Bonucci! Come vi siete permessi? La parola al campo...Sul campo il Milan non parte bene? E allora adesso beccati una polpetta avvelenata al giorno! E' avvelenata, ma per noi non è un problema se è infarcita di inesattezze, tocca a te smentirla! Funziona così ogni giorno ormai e i tifosi rossoneri hanno capito bene e capito tutto. Il callo c'è, la pelle dura pure. I fatti: il Milan non smentisce l'autorevolezza di lorsignori, esattamente come il Milan di Silvio Berlusconi non si metteva a commentare tutte le vicende extra gestione del Club che riguardavano la Fininvest, azionista di riferimento, nei vari ambiti e settori della propria attività. Non smentire però non significa non comunicare. E ai propri tifosi, il Milan le proprie cose le fa arrivare. Marco Fassone ha dichiarato otto giorni fa a La Stampa: "Aumento di capitale fatto e un altro imminente e sono tutti soldi che la proprietà mette nel Milan senza prestarli al Club". Boom! Milan a posto, Milan che non diventa debitore. Perchè, altri che fanno? Silenzio. Tutto in sordina. Non è funzionale al meccanismo della polpetta avvelenata che arriva fino all'imminente presidenza Scaroni. Da sempre Paolo Scaroni è un grande tifoso rossonero oltre che del Vicenza, ma sulla sua scalata non c'è nulla di vero come lo stesso diretto interessato ha fatto prima informalmente trapelare e poi smentito come tutti in casa rossonera sapevano avrebbe fatto, ma del resto è completamente sbagliato l'automatismo. Il countdown aumento di capitale, non esiste e sostenerlo significa produrre realtà aumentata. Nel senso vizioso della manipolazione e non virtuoso dell'arricchimento. Nello specifico: l'aumento di capitale è già stato fatto e sottoscritto per 60 milioni di euro da parte del presidente del Milan, Li Yonghong. Fra i quali 39 milioni sono già stati versati, mentre per i restanti c'è tempo fino al 30 Giugno 2018. Il video tranquillizzante del presidente Li ai giocatori? Se ne favoleggiava appunto, favola era e favola è destinata a rimanere: non esiste. Naturalmente ci sono stati molti altri dubbi. Li conoscete, l'elenco è noto, trito e ritrito. Non abbiamo panacee o verità in tasca, ma quale spunto sì. Al Milan non vengono prestati soldi da parte della proprietà, sulla stessa linea d'eccellenza del primo gesto concreto di Aprile, la prima "cosa formale": azzerata l'intera esposizione finanziaria dell'AC Milan presso tutte le banche italiane. E ma il rosso di bilancio...e ma il futuro...Scusate...possiamo? Nel 2005, Malcolm Glazer ha acquistato il Manchester United dando in garanzia alle banche lo stesso intero Club ed oggi è vivo e vegeto. Nel 2007, due imprenditori statunitensi hanno acquistato il Liverpool indebitando il Club per 290 milioni di euro presso le banche e oggi anche i Reds sono vivi e vegeti. Avanti un'altra. Alla prossima.

Pensavamo fosse solo attaccamento e dedizione. Invece si è rivelata una cosa utile e costruttiva. Il riferimento è alla presenza di Leonardo Bonucci con la squadra rossonera in ritiro a Verona e in tribuna per Chievo-Milan. Solitamente gli squalificati consumano al riparo della propria abitazione la giornata o le giornate di squalifica. Gli stessi Ibra e Balotelli, in passato gli squalificati eccellenti di Milan-Juve o Juve-Milan, al massimo andavano a seguire la squadra a San Siro, ma non in trasferta. Leo ha voluto esserci. Ci ha messo la faccia, ben sapendo che sarebbe stato ripreso dalle telecamere e tritato dai social. Ma ha voluto essere a fianco del campo. E ha fatto una bella scoperta: Alessio Romagnoli. Che il difensore laziale sia un ottimissimo giocatore lo si sapeva, ma Bonucci ha avuto un esempio lampante sotto i suoi occhi. Romagnoli si è messo al centro della difesa a tre del Milan, ruolo mai ricoperto da quando è rossonero, con calma. E' stato al suo posto. Ha fatto tutto con estrema tranquillità. Ecco, Leo. Da capitano identificato dalla nuova proprietà come simbolo di un nuovo corso e di una nuova gestione conosce tutti gli obiettivi e le pressioni cui è sottoposta la stagione del Milan. E le ha catalizzate e metabolizzate. Si è sentito in debito, si è speso. Finendo per nuocere ad una squadra che per coagularsi aveva bisogno di solidità e punti di riferimento. Anche per un grandissimo come Bonucci, fra gli undici Top Eleven euro-mondiali Fifpro, può essere didattica la prestazione e lo spirito di un giocatore come Romagnoli.

Nel Settembre 2011, Antonio Conte, al suo esordio bianconero, fece quattro gol al Parma. Ma non si accontentò e a fine gara decise di lanciare un messaggio agli arbitri: "C'era un rigore netto, non ci è stato dato, basta pregressi, basta Calciopoli". Conte però era al primo giorno, agli inizi di tutto, con una storia tutta da scrivere. Normale in quei casi avere grinta, normale avere fame. Massimiliano Allegri ha fatto mercoledì la stessa parte di Antonio Conte, ma in un momento in cui dopo 3 Scudetti dovrebbe avere la pancia piena. Il tecnico toscano, dopo i 4 gol alla Spal, tuona: "Se giochiamo così mercoledì, perdiamo anche a San Siro". La stessa lettura preventiva, la stessa fame, la stessa voglia. Eppure Allegri passava per essere un tecnico buono, pacioso, sorridente. La verità, se di verità si può parlare nel magma del calcio, è che ci sono tanti Allegri e nessun Allegri. Di grandi allenatori come Sacchi e Capello, come Ancelotti, come Lippi e Conte, si conosce il clichè. Quello è e quello permane nel tempo. Allegri no, Allegri sfugge alle regole. Sa essere morbido ma anche cattivo, sa essere difensivo ma anche offensivo, sa essere allusivo ma anche diretto. E' questa sua duttilità una delle basi della Juventus che il suo allenatore vuole sempre sul pezzo, sempre proiettata sul prossimo ostacolo. Un allenatore che sfugge alle regole è la garanzia di una squadra che deve saper sfuggire alle trappole.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.