HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Milan: la polpetta catastrofista. Chievo: professionalità Bonucci. Allegri: Mister duttilità

28.10.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 12083 volte

Guai a dare torto ai convitati di pietra. Si incaponiscono. Si incattiviscono. Si inaspriscono. Avevano deciso che i Cinesi non esistevano? E non dovevano esistere! Passi per il closing, avevano deciso che ricevuta la grazia del passaggio di proprietà, a quel punto non ci sarebbero stati i fondi per il calciomercato? E non bisognava farlo il mercato! Altrimenti si arrabbiano. Una volta in corso il mercato, la "decisione" era che non sarebbe stato di sostanza...E allora non bisognava prenderlo Bonucci! Come vi siete permessi? La parola al campo...Sul campo il Milan non parte bene? E allora adesso beccati una polpetta avvelenata al giorno! E' avvelenata, ma per noi non è un problema se è infarcita di inesattezze, tocca a te smentirla! Funziona così ogni giorno ormai e i tifosi rossoneri hanno capito bene e capito tutto. Il callo c'è, la pelle dura pure. I fatti: il Milan non smentisce l'autorevolezza di lorsignori, esattamente come il Milan di Silvio Berlusconi non si metteva a commentare tutte le vicende extra gestione del Club che riguardavano la Fininvest, azionista di riferimento, nei vari ambiti e settori della propria attività. Non smentire però non significa non comunicare. E ai propri tifosi, il Milan le proprie cose le fa arrivare. Marco Fassone ha dichiarato otto giorni fa a La Stampa: "Aumento di capitale fatto e un altro imminente e sono tutti soldi che la proprietà mette nel Milan senza prestarli al Club". Boom! Milan a posto, Milan che non diventa debitore. Perchè, altri che fanno? Silenzio. Tutto in sordina. Non è funzionale al meccanismo della polpetta avvelenata che arriva fino all'imminente presidenza Scaroni. Da sempre Paolo Scaroni è un grande tifoso rossonero oltre che del Vicenza, ma sulla sua scalata non c'è nulla di vero come lo stesso diretto interessato ha fatto prima informalmente trapelare e poi smentito come tutti in casa rossonera sapevano avrebbe fatto, ma del resto è completamente sbagliato l'automatismo. Il countdown aumento di capitale, non esiste e sostenerlo significa produrre realtà aumentata. Nel senso vizioso della manipolazione e non virtuoso dell'arricchimento. Nello specifico: l'aumento di capitale è già stato fatto e sottoscritto per 60 milioni di euro da parte del presidente del Milan, Li Yonghong. Fra i quali 39 milioni sono già stati versati, mentre per i restanti c'è tempo fino al 30 Giugno 2018. Il video tranquillizzante del presidente Li ai giocatori? Se ne favoleggiava appunto, favola era e favola è destinata a rimanere: non esiste. Naturalmente ci sono stati molti altri dubbi. Li conoscete, l'elenco è noto, trito e ritrito. Non abbiamo panacee o verità in tasca, ma quale spunto sì. Al Milan non vengono prestati soldi da parte della proprietà, sulla stessa linea d'eccellenza del primo gesto concreto di Aprile, la prima "cosa formale": azzerata l'intera esposizione finanziaria dell'AC Milan presso tutte le banche italiane. E ma il rosso di bilancio...e ma il futuro...Scusate...possiamo? Nel 2005, Malcolm Glazer ha acquistato il Manchester United dando in garanzia alle banche lo stesso intero Club ed oggi è vivo e vegeto. Nel 2007, due imprenditori statunitensi hanno acquistato il Liverpool indebitando il Club per 290 milioni di euro presso le banche e oggi anche i Reds sono vivi e vegeti. Avanti un'altra. Alla prossima.

Pensavamo fosse solo attaccamento e dedizione. Invece si è rivelata una cosa utile e costruttiva. Il riferimento è alla presenza di Leonardo Bonucci con la squadra rossonera in ritiro a Verona e in tribuna per Chievo-Milan. Solitamente gli squalificati consumano al riparo della propria abitazione la giornata o le giornate di squalifica. Gli stessi Ibra e Balotelli, in passato gli squalificati eccellenti di Milan-Juve o Juve-Milan, al massimo andavano a seguire la squadra a San Siro, ma non in trasferta. Leo ha voluto esserci. Ci ha messo la faccia, ben sapendo che sarebbe stato ripreso dalle telecamere e tritato dai social. Ma ha voluto essere a fianco del campo. E ha fatto una bella scoperta: Alessio Romagnoli. Che il difensore laziale sia un ottimissimo giocatore lo si sapeva, ma Bonucci ha avuto un esempio lampante sotto i suoi occhi. Romagnoli si è messo al centro della difesa a tre del Milan, ruolo mai ricoperto da quando è rossonero, con calma. E' stato al suo posto. Ha fatto tutto con estrema tranquillità. Ecco, Leo. Da capitano identificato dalla nuova proprietà come simbolo di un nuovo corso e di una nuova gestione conosce tutti gli obiettivi e le pressioni cui è sottoposta la stagione del Milan. E le ha catalizzate e metabolizzate. Si è sentito in debito, si è speso. Finendo per nuocere ad una squadra che per coagularsi aveva bisogno di solidità e punti di riferimento. Anche per un grandissimo come Bonucci, fra gli undici Top Eleven euro-mondiali Fifpro, può essere didattica la prestazione e lo spirito di un giocatore come Romagnoli.

Nel Settembre 2011, Antonio Conte, al suo esordio bianconero, fece quattro gol al Parma. Ma non si accontentò e a fine gara decise di lanciare un messaggio agli arbitri: "C'era un rigore netto, non ci è stato dato, basta pregressi, basta Calciopoli". Conte però era al primo giorno, agli inizi di tutto, con una storia tutta da scrivere. Normale in quei casi avere grinta, normale avere fame. Massimiliano Allegri ha fatto mercoledì la stessa parte di Antonio Conte, ma in un momento in cui dopo 3 Scudetti dovrebbe avere la pancia piena. Il tecnico toscano, dopo i 4 gol alla Spal, tuona: "Se giochiamo così mercoledì, perdiamo anche a San Siro". La stessa lettura preventiva, la stessa fame, la stessa voglia. Eppure Allegri passava per essere un tecnico buono, pacioso, sorridente. La verità, se di verità si può parlare nel magma del calcio, è che ci sono tanti Allegri e nessun Allegri. Di grandi allenatori come Sacchi e Capello, come Ancelotti, come Lippi e Conte, si conosce il clichè. Quello è e quello permane nel tempo. Allegri no, Allegri sfugge alle regole. Sa essere morbido ma anche cattivo, sa essere difensivo ma anche offensivo, sa essere allusivo ma anche diretto. E' questa sua duttilità una delle basi della Juventus che il suo allenatore vuole sempre sul pezzo, sempre proiettata sul prossimo ostacolo. Un allenatore che sfugge alle regole è la garanzia di una squadra che deve saper sfuggire alle trappole.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L’Inter punta decisa su Verdi. Su Chiesa tutte le big. Real, Paris Saint Germain e Manchester United in fila per Milinkovic Savic 26.05 - Motori accesi, il mercato sta decollando. Tutti a caccia degli esterni. E allora parto da Verdi. L’Inter lo segue da tempo. La Champions apre nuovi orizzonti e per questo servono giocatori duttili per lo schema di Spalletti, che è intenzionato a proporre un 4-2-3-1. E Verdi è una...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato 25.05 - L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy