VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Milan, le ragioni di Sinisa: questa squadra non può fare di più. Forza Juve, prova l'impossibile. Spalletti e lo schiaffo a Rudi. Allenatori emergenti: 5 nomi per il futuro...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
14.03.2016 18:36 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 58136 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Mentre la Fiorentina non batteva in casa il Verona retrocesso, il Frosinone perdeva l'occasione della vita a Modena e il Benevento vinceva il derby con la Casertana 6-0, Sinisa stava pensando che forse Berlusconi tutti i torti non li aveva. Perché in fondo cambiare allenatore la prossima stagione conviene soprattutto a Mihajlovic. "Questa squadra più di quello che sta facendo non può fare". Parole e musica di Sinisa Mihajlovic. Ha detto la verità perché la squadra è scarsa, Balotelli non andava ripreso neanche se Raiola iniziava a saltellarti sul letto e 90 milioni spesi così non hanno minimamente senso. Il Milan deve avere un'idea e portarla avanti. Oggi a Berlusconi mancano le idee e detto ad uno che è sempre stato 10 giga avanti a tutti è come bestemmiare a mezzanotte del 24 dicembre quando la Chiesa è piena. Non c'è bisogno di cambiare allenatore per la centoventesima volta, ma semplicemente affiancare a Galliani un uomo che costruisca la squadra e che faccia mercato, sfruttando il famoso brand di cui Berlusconi si vanta un giorno sì e l'altro pure. Questa squadra è scarsa. In un campionato scarso. I valori del Milan sono ai minimi storici e finiamola con la pagliacciata del traguardo raggiunto della finale di Coppa Italia. Il calendario e la sorte hanno riservato ai rossoneri tre amichevoli sulla strada di Roma. Se Abate è il simbolo e Bonaventura il giocatore di maggiore qualità, il Milan non ha speranze per il futuro. Bertolacci è stato un flop e Romagnoli può diventare grande, in due anni, solo se gioca con un grande.
Mentre la Juventus si appresta a vincere l'ennesimo scudetto, Allegri prova il miracolo in Germania. Se la Roma a Madrid aveva il 2% di possibilità la Juve ha il 20%. Attenzione: è una percentuale alta, quasi quanto il valore dell'Iva in Italia. Se al posto di Agnelli ci fosse stato Mario Monti alla guida del club, allora, le possibilità sarebbero aumentate. Passare il turno è quasi impossibile, visti soprattutto i valori dell'andata. Il Bayern è una delle due squadre più forti del pianeta e vincere in casa loro o pareggiare facendo tre gol non può essere catalogata come "impresa" ma "miracolo". La notte perfetta servirebbe. Allegri, comunque, ha già messo le mani avanti. "Se usciremo lo faremo contro i più forti di tutti". Frasi rilasciate in occasione della meritata conquista della panchina d'oro. Premio prestigioso ma discutibile dove assegnano una panchina d'oro in Lega Pro ad un allenatore, bravissimo certo, ma che ha ottenuto sul campo un risultato secondo la Procura Federale e non secondo noi "drogato" dalla combine. In poche parole, l'allenatore del Teramo è stato premiato per aver vinto un campionato mai vinto. Una delle tante contraddizioni che arrivano dal sistema calcio, come Conte prima nemico e poi stipendiato da Via Allegri.
A Roma ci massacravano quando scrivevamo delle incapacità di Garcia, un po' come a Napoli con Benitez. Rudi era il vero problema della Roma e, se non fosse stato per l'ostinazione di Sabatini, oggi i giallorossi sarebbero in corsa anche per il titolo. Spalletti, a Trigoria, ha portato poche cose ma essenziali: metodo, mentalità e lavoro. Un allenatore che "cazzia" i suoi giocatori perché contenti della prestazione di Madrid dovrebbe vincere l'oscar. Ma che cavolo mi esulti se comunque a casa vai? Grandissimo Luciano che non si pone limiti e porta nello spogliatoio una mentalità da vincente. Lo ha aiutato l'esperienza all'estero ma soprattutto la dedizione al lavoro. Non vinci 8 partite consecutive se non ti alleni come devi e se non capisci che le partite non si vincono la domenica ma dal martedì al sabato. La Roma vince senza Totti e De Rossi e Spalletti non guarda in faccia a nessuno. Garcia ha fatto perdere tempo con i suoi violini e le sue teorie. A Trigoria la squadra non si allenava e il francese non sapeva neanche da dove iniziare una seduta. La colpa non è sua ma di Sabatini che avrebbe dovuto accorgersi prima che il lavoro settimanale non era idoneo alle aspettative della squadra e della piazza.
In chiusura, spazio ai talenti del futuro. Quelli in panchina. Siamo contenti, apro una parentesi, di aver visto giusto la scorsa settimana con il ragazzino del Sassuolo, classe '98, Adjapong. Eravamo rimasti stregati nel campionato Primavera, venerdì Di Francesco gli ha fatto fare l'esordio in prima squadra a Torino con la Juve. Vi diamo 5 nomi di allenatori protagonisti in un futuro prossimo. 2 in Primavera e 3 in Lega Pro. Il consiglio, per tutti, è di passare dalla serie B senza fare salti che nell'immediato potrebbero sembrare occasioni della vita, ma in due anni si rivelerebbero trampolini arrugginiti. Mai fare l'errore di Inzaghi e Stramaccioni. I tre della Lega Pro sono Cristian Bucchi (Maceratese), Pasquale Padalino (Matera) e Roberto De Zerbi (Foggia). Non scriviamo mai trascinati dall'onda dei risultati; lo sapete. Scriviamo per convinzione che acquisiamo nel tempo. Bucchi è il vero fenomeno del futuro. Allenatore che si presenta bene, studia e lavora egregiamente in settimana, conosce tutti gli avversari ed è un grande motivatore oltre ad un tattico perfetto. A Macerata ha fatto tutto da solo, senza proprietà e senza Direttore, giustamente sollevato dall'incarico a marzo dalla Presidentessa. Meglio solo Bucchi che Dirigenti in cerca di meriti che prima avevano fatto solo la serie D. La Maceratese è figlia di Bucchi, quando andrà via lui ci sarà il vuoto. Ha vinto 4-1 sul campo della capolista Spal, non battuta ma umiliata. Il prossimo anno Bucchi deve andare in B e si starà mangiando le mani il Perugia che gli ha preferito Bisoli la scorsa estate. Ahi ahi Goretti... De Zerbi a Foggia è un altro predestinato. Al contrario di Bucchi ha una piccola pecca: il carattere. Allenatore con idee innovative, bravissimo a preparare e a leggere la gara e grande intenditore. Da allenatore deve migliorare nel carattere. Lo scontro non sempre aiuta. Ha sbagliato clamorosamente a fare un'altra stagione a Foggia. Deve ripartire dalla serie B, le richieste le aveva. Un allenatore che mi piace da anni ma ha perso tempo, soprattutto a Grosseto con Camilli, è Pasquale Padalino. Ha risollevato il Matera ed è un tecnico che doveva essere nel giro che conta già da 2-3 anni. Di lui ne parlava tanto e bene Antonio Caliendo. Se Padalino avrà una occasione in B vedrete che non la fallirà. Esonerati quest'anno, ma comunque molto bravi, sono Riccardo Maspero e Michele Marcolini. Il tempo è galantuomo e ha dimostrato che i problemi di Mantova e Pavia non erano gli allenatori ma le società. In Primavera sono pronti a spiccare il volo i tecnici di Milan e Torino. Cristian Brocchi è bravo ma la trappola Berlusconi è dietro l'angolo. Se Brocchi si ritroverà, prossimo anno, sulla panchina del Milan prima squadra farà la fine di Inzaghi, se invece partirà dalla B è destinato ad una carriera come Montella e Di Francesco. Sta valorizzando i giovani del Milan e ha lo stile per fare una grande carriera. De Santis, Donnarumma, Felicioli e Locatelli sono il futuro del club. A Torino un altro predestinato: Moreno Longo. Per lui potrebbe esserci l'eccezione. Mi spiego. Il consiglio, a tutti, è di passare per la serie B. Se il Torino decidesse di mettere Longo al posto di Ventura potrebbe anche andare bene. Essendo un figlio del club, Cairo non lo manderebbe allo sbaraglio ma lo tutelerebbe. Allora la scommessa in serie A avrebbe un senso. I campioni del mondo del 2006 oggi vogliono fare, quasi, tutti gli allenatori. Fabio Grosso, da Berlino, lo amiamo e gli consentiamo tutto. Sta facendo ottime cose con la Primavera della Juve. Massimo Oddo non è pronto e a Pescara stanno emergendo tutte le lacune del suo tecnico. Prontissimo per il salto è Rino Gattuso che a Pisa sta lavorando benissimo in una piazza non semplice. Poco futuro per Zambrotta, peccato per Inzaghi che si è bruciato con la benzina e Cannavaro che gioca a fare l'allenatore sfruttando il nome del Campione che fu ma non ha le capacità per svolgere la professione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.