VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"

Nato ad Avellino il 30-09-1983. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
23.01.2017 10:54 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 56368 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni impossibili (mentre in Italia diamo retta ad altri Rocco, cose da pazzi) e dall'Ufficio Stampa del Milan, che questa volta potrà davvero annunciare l'arrivo del calciatore dell'Everton. E' una data storica: perché, se tutto va come deve andare, sarà ufficialmente l'ultimo "colpo" dell'era Berlusconi che - 30 e passa anni fa - aveva iniziato la gloriosa storia del mercato rossonero con l'acquisto di Donadoni. Finisce l'era con Deulofeu. Uno scarto dell'Everton. Finora la stagione del Milan è stata considerata trionfale, poi vai a vedere la classifica e capisci che, se il miracolo dovesse continuare, i rossoneri potranno ambire - al posto del Sassuolo - alla partecipazione ad una inutile Europa League. Questo passa il convento. Il tifoso del Milan è disorientato perché guarda un tg sportivo e, ad inizio telegiornale, sente la notizia dell'arrivo di Deulofeu. Passano 2-3 lanci di servizi e lo stesso tg, con lo stesso conduttore, parla di missione Milan, con Fassone e Mirabelli, per Aubameyang, Keita e Bernardeschi. Allora inizi a recitare il Padre Nostro in cinese. E' un passaggio netto, sarà un cambio di vita, ma ovviamente questo Milan avanti così non può andare. In un campionato così mediocre, come la nostra serie A, dove scudetto e retrocessioni (i verdetti più significativi) sono noti da metà girone di andata, il Milan avrebbe meritato di ricoprire un altro ruolo. Invece la nostra serie A è come un film di Checco Zalone su Sky Cinema. Sappiamo già tutte le battute, sappiamo come inizia e come finirà, eppure lo vediamo e rivediamo mille volte. Unica differenza: Checco fa ridere, la serie A - con stadi vuoti e zero spettacolo - fa piangere. Ci resta Sarri che ci fa divertire, ci resta la Juve che fa contenti i suoi tifosi a suon di vittorie, fatta eccezione per qualche pausa di riflessione, e dobbiamo ringraziare l'Atalanta che ci fa scrivere. Vende due giovani per 55 milioni di euro, lancia nella stessa partita due bambini del 1999 e comunque vince. Certamente, se Papu Gomez è questo, il Milan avrebbe fatto prima (certo non ora) a puntare El Papu che andare ad elemosinare un prestito oneroso all'Everton. Papu è favoloso. Uno spettacolo per gli occhi. Salta l'uomo, segna i rigori, trascina la squadra e inventa giocate deliziose. Questo è un nano gigante che meriterebbe di giocare per obiettivi ancor più prestigiosi. Il Milan, però, non ha una rete di osservatori. Il mercato è, da sempre, basato su Galliani e sulla sua bravura. Non può il Milan avere un Direttore Sportivo che va a prendere i calciatori all'aeroporto. E' mortificante per la categoria. Noi capiamo che Rocco deve mettersi in mostra e vuole anche lui un po' di luce riflessa, ma così commette un autogol degno del miglior Masiello in Lecce-Bari. Perché Maiorino la domenica sera deve andare a prendere Gerard (con una r) a Malpensa? Non sarebbero bastati un addetto stampa ed un autista? Ma soprattutto: Rocco, dopo che il Milan sarà passato di mano, a che squadra potrà puntare? Non lo diciamo in tono polemico, ma è pura curiosità. Può restare in A o ha competenze anche per partire, in autonomia, dalla B? E' un Alessio Secco, versione rossonera, o il Direttore che cambierà la storia del calcio italiano per aver preso Deulofeu e Sosa? Chi vivrà vedrà.
Sappiamo una cosa e l'abbiamo capita dagli ultimi colpi: l'Inter ha una valanga di soldi e Suning ha una potenza economica che, se ben gestita, potrà portare il club sul tetto d'Europa in tre anni. Adesso bisogna solo capire se i soldi, che da qui al futuro spenderà Suning, saranno ben investiti. Speriamo per l'Inter che Kia non metta più becco nelle cose di mercato. Da procuratore, giustamente, pensa solo ai suoi interessi e mai un procuratore potrà fare il bene di una società, salvo che lavori solo per la società. Ausilio è un bravo ragazzo ma alcune volte dovrebbe tirare fuori gli artigli. Lo ha fatto per prendere Pioli e il campo gli sta dando ragione. L'avrebbe dovuto fare in estate ma capiamo che sia rimasto sotto choc dal passaggio di consegne e dalla presenza di Kia. Se l'Inter progetterà, da subito, la costruzione della squadra del prossimo anno potrà trarre grandi benefici. Quest'anno difficilmente arriverà l'Europa che conta, ma questo campionato va considerato di transizione. Il prossimo anno non si potrà sbagliare. Non è un mercato di transizione, invece, per Manolo Gabbiadini. Ci fanno credere che il Napoli non lo vende per le richieste folli di De Laurentiis. Falso. De Laurentiis, la scorsa estate, rifiutava anche 30 milioni di euro, oggi vuole fare cassa, vero, ma soprattutto vuole piazzarlo. Non può fare molto con Gabbiadini e sta cercando disperatamente una squadra. Nessuno vuole Manolo che resta in "Gabbia" e rischia di restare prigioniero fino al termine del mercato. Siamo convinti che una sistemazione la troverà, anche se la rinuncia di Kalinic alla Cina è stata una brutta botta. Gabbiadini deve rimanere in Italia, questo è il suo mercato. Non ha il carisma per imporsi all'estero come a Napoli. Un calciatore bisogna prima conoscerlo come persona e valutarne gli aspetti caratteriali e poi come professionista. Oggi Manolo è impaziente, arrabbiato e un po' frustrato. Il ragazzo è disorientato perché ha capito che a Napoli la sua esperienza è finita ma, allo stesso tempo, non si capacita di come - ad una settimana dalla chiusura del mercato - il suo futuro sia ancora così incerto. Starà adesso al suo agente Pagliari calare un asso che sicuramente avrà già nella manica. Non sappiamo solo se in quella destra o in quella sinistra. 8 giorni per scoprirlo...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.