VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Milan, solo gli slogan e le delusioni sono da Champions

27.11.2015 00.00 di Luca Serafini  Twitter:    articolo letto 12636 volte
© foto di Federico De Luca

Solo gli slogan e le delusioni sono da Champions
Travolte Bari e Inter in un trofeo collocato ancora una volta in una notte di Champions, il Milan attende la Sampdoria a San Siro: un evento allettante, considerato che i blucerchiati sono una delle peggiori squadre in assoluto per rendimento in trasferta. Con i rossoneri di Mihajlovic però non si sa mai: riescono a trasformare spesso la routine in imprese negative, quindi meglio ricorrere agli scongiuri di rito. Come quando ci si leccano i baffi osservando il calendario residuo da qui alla fine dell'anno. Il tecnico alle soglie di Natale sta ancora dando i numeri parlando di moduli, non essendo ancora chiaro se il 4-3-3 sia più funzionale del 4-4-2 e viceversa, non capendo soprattutto quali dovrebbero essere gli interpreti delle due differenti versioni e perché. La chiave resta sempre e comunque il centrocampo, in cui l'unica certezza è la giubilazione incondizionata di De Jong. Non stiamo parlando di Gerrard o di Pirlo, chiaro, si tratta comunque di uno che per Sinisa è certamente, indiscutibilmente peggio di tutti gli altri che giocano al suo posto. Così, con una mediana che non difende e non costruisce, la costante sono i tiri in porta numerati sulla punta delle dita (lo zero ricorre frequentemente), quindi l'assoluta incapacità di rimontare, sbilanciata dall'attitudine a passare in svantaggio. Senza Balotelli (sic!) e Menez ogni collina nell'area di rigore avversaria assume le sembianze dello Stelvio.

Lo spettacolo squallido di sabato scorso sul campo della Juventus ha rinfocolato la rabbia dell'amore. Alla pochezza cronica di un centrocampo molle, senza estro, nessuna vocazione all'inserimento, si aggiunge la povertà del gioco sugli esterni dove i terzini - quali essi siano - peggiorano regolarmente il proprio rendimento con il passare del tempo. Antonelli, protagonista di una stagione decente l'anno scorso, è finito inghiottito dalla modestia generale. Si vive di sussulti, di rari spunti individuali, di paure, incertezze che prendono il sopravvento alla prima difficoltà. Perché se la chiave resta sempre un mercato confuso per quanto spendaccione, il modulo da adottare e i suoi patetici interpeti, di sicuro la personalità labile rimane uno dei marchi di fabbrica più affermati nello spogliatoio dopo la caduta dei grandi senatori. Si sperava che Mihajlovic avrebbe dato almeno un po' di grinta, di rabbia e cattiveria agonistica, di corsa assennata, di voglia. Non vi è traccia di questo, non vi è traccia alcuna.

Da Champions restano i dubbi amletici, le delusioni, i numeri negativi, gli slogan. A chiacchiere questo derelitto Milan rimane uno dei Club più titolati al mondo: l'elenco è lungo, dallo stadio nuovo ai grandi ritorni strombazzati con caroselli mediatici, da colpi di mercato beffardamente sfumati a obiettivi di classifica irreali, da gap colmati nel sonno a hip hip hurrà danzati nella sala del caminetto, fino alla trattativa multimilionaria la scadenza della quale viene prorogata di settimana in settimana, di mese in mese, nel silenzio che Berlusconi (una volta il re della comunicazione) ha proclamato essere l'unica via nello smarrimento della sconfitta. Meglio il mutismo, allora, vista la frequenza con cui si succedono i rovesci. E vista la frequenza con cui viene interrotto da farneticazioni surreali e irritanti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.