VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Milan: tornano i top player di Berlusconi. Inter: la telefonite acuta di Mancini. Allegri: punta su Morata e aspetta il Milan. Inter: mercato in stile "effetto Milan"

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
20.06.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 64345 volte

La risposta di Kondogbia ( se non arriva lui, fortissimo, ne arriva uno forte uguale), le visite mediche di JM, il colloquio di Ibra a Doha. Capiamo quanto possano essere snervanti le attese dei tifosi rossoneri. Che hanno fame, che hanno voglia, che hanno rabbia. Senza bisogno che lo dicano e lo urlino, si coglie e si capisce al volo con un guizzo di intelligenza media, senza la necessità che qualche aspirante mago Otelma sostituisca il proprio psicodramma alle notizie vere, alle trattative, ai sogni, al mercato, ai grandi nomi. Ed è proprio ai tifosi del Milan che non diffamano volgarmente ma che si sfogano sacrosantemente, è dovuto un messaggio forte e chiaro: il Milan di Silvio Berlusconi, con le risorse di Silvio Berlusconi, non vuole uscire da questo mercato, difficile ma affascinante, di top player e vuole viverlo e affrontarlo per tutta l'estate. Il Milan farà un mercato con carica ed entusiasmo, stando sui top ma anche sulle idee nuove, su giocatori che non conoscevi ma che poi a vedere su youtube e scopri quanto sono bravi. Il Milan vuole farsi prendere la mano dal mercato e dopo le prime ufficializzazioni farà il possibile per tutelarle, per valorizzarle, facendo quel qualcosa in più per non lasciarle sole ed episodiche. C'è una trattativa molto positiva, in fase avanzata, con il consorzio di Mr. Bee Taechaubol, ma quello che vale per il mercato vale anche per gli assetti azionari: la trattativa è chiusa quando si firma e quando si versa il denaro. Fino a quel momento non sono chiuse le trattative di mercato e nello stesso modo fino a quel momento il ritorno del Milan sul mercato dei top player vive delle risorse economiche di Silvio Berlusconi. Con spirito di sacrificio e per amore del Milan.

C'è un tormentone, un appuntamento fisso sul mercato. E' stato così a Dicembre-Gennaio e sarà così anche quest'estate. Ad un certo punto, nella tensione narrativa, su carta o davanti alla telecamera, dell'evoluzione di una vicenda di mercato, spunta, immancabile, la seguente frase: è stato Mancini in prima persona a parlare con il giocatore. Urca. Fermi tutti. Con il suo incedere new stile il buon Biasin scriverebbe "stica" e noi lo virgolettiamo con il massimo del rispetto che si deve ad un grande allenatore , in questo caso dell'Inter, che è stato anche un grande giocatore, in questo caso non dell'Inter, a meno che Gazzetta.it non insorga anche su questo. Torniamo a Mancini che è meglio: con tutto il rispetto, il problema di oggi non è parlare con i giocatori. Chi conosce il marciapiede del calcio non lo sbandiera, ma vi giuriamo che lo fa e lo sa fare di parlare con i giocatori. In tutte le squadre, in tutte le dirigenze. Il problema è firmare e pagare. Nonostante questa telefonata, quella telefonata e quell'altra ancora.

Dal momento che a Madrid non c'era traffico, il direttore Marotta ha fatto il blitz per acquisire un giocatore che purtroppo, in maglia colchonera, non è riuscito a sostituire adeguatamente Diego Costa. Bene, ma Massimiliano Allegri, che stima molto Sinisa Mihajlovic e si aspetta un duello-Scudetto con il Milan,sa bene che il vero fattore trainante della prossima stagione sarà ancora Alvaro Morata. Con metà stagione di crescita, la seconda, dopo una prima parte di ambientamento, lo spagnolo ha fatto cose incredibili. E l'anno prossimo partirà già molto avanti. Con tutto il rispetto per il primo anno di Dybala in una grande squadra e con altrettanto rispetto per l'arrivo di Mandzukic, il vero sostituto di Tevez nella testa dell'allenatore bianconero sarà proprio Morata. E i tifosi bianconeri che amano già pizzicarci per conto loro, non se ne abbiano a male. Il nostro, per quel che vale, non è un partito preso nei confronti di Mario Mandzukic. Forse siamo stati contagiati dallo Studio post-partita di Sky al termine della Finale di Berlino. Il direttore Caressa pose tempestivamente la questione non ai primi tre che passano per strada, ma a Gianluca Vialli, a Paolo Rossi e a Giancarlo Marocchi: come lo vedete Mandzukic come sostituto di Tevez? Attimo di gelo, sorrisi di circostanza, beh si insomma...Un momento di televisione che è la prima montagna da scalare per il neo-acquisto bianconero.

Mancini inciprignito, conti che fanno male, bilancio in crisi, YayaTourè e Dybala che si perdono per strada. Il peana nerazzurro sembra dissolto, dimenticato. Sono bastati i tre giorni del Condor invisibile, da venerdì 12 a domenica 14 Giugno, per lasciarsi tutto alle spalle. Offerte, offertone, offertissime. I tre giorni di spavento mediatico, i tre giorni di reazione mediatica al rilancio del Milan, i tre giorni delle rosicate su JM, Ibra e Luiz Adriano hanno fatto il miracolo. Accorciate le distanze fra Milano e Giakarta, viaggi da tutte le parti, offerte al rialzissimo. L'effetto Milan fa sempre la differenza in casa nerazzurra. A proposito la prima volta che i media hanno fatto il nome di Kondogbia era il 24 Maggio, accostato da Sky al Milan, quella sera erano in campo Milan e Torino. Poi, sempre poi, tutto il resto...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.