VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan, wow! Milan, cambia tutto. Ibra: lascia Parigi, per dove? Samp: Zenga vuole Balo. Lacrime Rafa: schiaffo a Napoli

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
06.06.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 53217 volte

Il mercato bussa forte, le scelte sono impellenti, gli Stati non possono essere coinvolti in progetti sportivi a stretto giro di posta. E allora, Mr Bee. Come voleva il presidente Berlusconi, ci sarà tutto il tempo in due anni di verificare l'amore concreto per il Milan da parte dell'uomo d'affari thailandese, la sua continuità, la disponibilità a far grande il Milan con i conti e con i costi tremendi del calcio di oggi e di domani. Silvio Berlusconi aveva espresso più volte dubbi sulla ricerca di popolarità che derivavano dalla tifoseria di Mr Bee e la risposta è prontamente arrivata. Mr. Bee non si è impermalosito come Peter Lim, ha continuato a crederci, pronto a tutto. E poi il nuovo aplomb: vertici nella notte e ieri a fari spenti, senza troppi codazzi mediatici estranei al Milan e alla sua Storia. Mr Bee, lo abbiamo scritto qui in queste settimane, ha fatto seriamente la due diligence. Studi legali, banche di consulenza, banche d'appoggio, tutto assolutamente credibile. Il rispetto nei suoi confronti da parte di Marina Berlusconi e di Fininvest non era casuale. La sensazione è che l'operazione guidata da Silvio Berlusconi sia diversa da quella portata in dote da Massimo Moratti a Erick Thohir. Il punto tenuto fino in fondo dal presidente del Milan ha tolto dall'operazione quell'alone da ultima spiaggia che ha invece lambito l'Inter. Rilanciamo il Milan insieme e facciamo business insieme è lo slancio di Silvio Berlusconi, facciamo miscela, facciamo propellente. Mentre la durezza e l'implacabilità dei deficit nerazzurri ha reso più enigmatico e pesante l'incedere della nuova proprietà interista. Comunque gli orizzonti che si aprono adesso per il Milan non sono un semplice derby, ma una risalita a tutto tondo e su tutti i fronti.

Milan, adesso cambia davvero tutto. I parametri zero, i sogni proibiti, i vorrei ma non posso imboccano il viale del tramonto. La notizia epocale di ieri è che il Milan può presentarsi, può sedersi al tavolo del mercato, può acquistare. Benzina societaria e benzina sportiva. L'esperienza del Milan, la freschezza della Doyen, la volontà di rilanciare il Milan. Non più con la carica e l'entusiasmo, ma con i soldi. Il problema adesso non è più sperare che De Jong abbassi le pretese economiche o che Pazzini non vada al Bologna, con tutto il rispetto per due grandi professionisti, ma il nuovo giorno è fatto di nuovi orizzonti, nuove prospettive. Ci eravamo permessi di dirlo il 3 Maggio scorso, durante Napoli-Milan in una telecronaca "faziosa" Sky poi beccata dai tifosi juventini: oggi ridete voi, domani...

Zlatan Ibrahimovic. Non sarebbe un ritorno. Ma un nuovo inizio. Il Milan "da solo" fu costretto a cederlo. Boccone amaro. L'inizio di un ciclo minore. Oggi il Milan è "con" l'investitore e potersi permettere quel che tre anni fa non si poteva permettere, potrebbe essere un segnale forte e chiaro. La realtà fino a giovedì, verificata con strettissimi amici di Ibra era la seguente: la vediamo veramente dura che venga al Milan, ma la sensazione che lasci Parigi c'è. Oggi, il giorno dopo il 5 Giugno di Arcore, è tutto da verificare. Oggi non bisogna più pazientare, attendere, scrutare. Da oggi decide il Milan.

Abbiamo letto e sentito anche noi che secondo Mino Raiola, Mario Balotelli resta al Liverpool. Ma nessuno può impedire a Walter Zenga di volerlo alla Sampdoria. Walter sa che Genova blucerchiata ha già rilanciato e valorizzato il Balo ante litteram, ovvero Antonio Cassano. Non solo: Walter vorrebbe fare quel che Sinisa ha fatto con Eto'o. Un campione riproposto in una piazza che sa trascinare. Zenga ci crede e ci prova.

Non abbiamo apprezzato le lacrime di Rafa Benitez a Madrid. C'era ancora una choccante sconfitta del Napoli contro la Lazio da commentare. La Lazio dopo Empoli, la Lazio dopo il Dnipro. Il Napoli e Napoli che lo vedevano distaccato e scostante da un paio di mesi almeno ma che sono rimasti legati a lui fino alla fine. Meritavano più sobrietà il giorno dopo, nella vernice della nuova squadra di Rafa. Via da Napoli, Napoli non può essere cancellata così, l'espressione di un uomo di calcio deve essere rispettosa e non cambiare nel giro di un mattino. Per le lacrime, nonostante l'emozione, Benitez poteva attendere. Il Napoli e il calcio italiano non sono un impiccio.

Scriviamo di Ischia per amore di uno scoglio e per amicizia verso tante persone. Semplici, appassionate, autentiche. Che amano il calcio con competenza e pulizia. Sono i tifosi dell'Ischia che vanno in 400 ad Aversa per la gara decisiva per la salvezza, mentre altre squadra più blasonate in altre piazze più importanti e in categorie superiori sono molti di meno in trasferta. Perché i tifosi dell'Ischia non causano multe per la loro società, perché portano sulla squadra dell'isola affetto da parte dei tifosi perugini gemellati. Non solo: ad Aversa c'erano anche tifosi provenienti dalla Svizzera. Per farla breve, il momento è solenne. La piazza è sana, con 1500 tifosi ogni domenica allo stadio in Lega Pro. Eppure, l'amministratore Di Bello ha fatto cadere sugli sportivi e sugli imprenditori dell'isola una durissima responsabilità: trovate voi i soldi oppure non ci si iscrive. Una mazzata. Con la squadra che dopo la salvezza di Aversa non ha raggiunto Ischia per festeggiare, nonostante il supporto di tutto un anno. Il dg Iodice si è dimesso. La proprietà sembra sfilarsi. Qui sta il punto: tocca a Carlino. Presidente, l'isola è tutta con lei. Guardi negli occhi Tagliatatela e ritorni. Con questi tifosi e con questa pulizia d'animo, la Serie B è tutt'altro che utopia. Basta un sospiro, basta non raccogliere notizie frammentarie e pretestuose e vivere l'isola dal di dentro. Se Carlino trova la forza e il tempo per dare il calcio d'inizio, la grande partita dell'Ischia 2015-2016 potrà finalmente cominciare. E il proprietario non ne rimarrà deluso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.