HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Modric in testa, Pallone d’oro vicino. Ronaldo e Messi ora basta. Marotta porta Tonali e Barella, poi Chiesa. Milan fra Sensi e Paredes. Ok per Ibra. Manolas alla Juve, Rugani a Roma

23.11.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22468 volte
Modric in testa, Pallone d’oro vicino. Ronaldo e Messi ora basta. Marotta porta Tonali e Barella, poi Chiesa. Milan fra Sensi e Paredes. Ok per Ibra. Manolas alla Juve, Rugani a Roma

Se c’è qualcuno appassionato di Pallone d’oro e dintorni, siamo circa a metà dello spoglio delle schede. Voto elettronico niente? In attesa, le indiscrezioni (vere? false?) o semplicemente certi exit poll de noantri, raccontano di un Modric in testa con un buon margine, avviato alla conquista del primo trofeo Deronaldizzato e Demessizzato.

Se così fosse non ci troverei niente di strano o di scandaloso. Modric ha giocato un mondiale strepitoso, oggi è il prototipo dell’uomo-squadra e anche uno come Ronaldo sa bene cosa significhi averlo in cabina di regia. Ma poi, diciamolo chiaramente, dopo dieci anni di trofei equamente divisi fra Ronaldo e Messi, è anche giusto che il calcio guardi altrove. Questo monopolio andava spezzato, stava intristendo anche il premio che forse un po’ triste lo è già per conto suo. Ragioniamo: qualcuno ha ancora dubbi sul fatto che Messi e Ronaldo siano campioni assoluti, nell’Olimpo con Maradona, Pelè e Cruiff? No. Messi e Ronaldo sono consacrati dalla storia e dopo dieci anni di trionfi potremmo anche trattarli come quei cavalli di razza Fuori Concorso. Ecco, sono fuori concorso. Non so se per un tam-tam naturale o per un tam-tam pilotato, ma credo che i giurati l’abbiamo pensata proprio così. Magari poi nel prosieguo dello spoglio salta tutto come in tante elezioni politiche, ma io comunque non cambierei opinione: andiamo oltre quei due. Dispiace soltanto che Ronaldo non abbia riportato il Pallone d’oro in Italia dove manca dal 2007 anno del milanista Kakà. Ma quelli della Juve l’avranno di sicuro messo in conto, la bacheca di Ronaldo è stracolma, l’età avanza e, come detto, il calcio forse ha deciso di andare oltre due campionissimi conclamati.

Dove andrà invece Marotta con l’Inter? Intanto è andato in Cina per chiudere ed è già tornato, sorridendo per i tanti “io l’ho detto per primo” apparsi qui e là, cari amici lettori c’è in memoria il mio pezzo di sette giorni fa, scritto giovedì quindici novembre, che raccontava proprio di Marotta-Marco Polo. I giornali sono arrivati due-tre giorni dopo. Ma vantarsi per le notizie prese di calciomercato è uno sport rischiosissimo. Chi sottolinea i colpi anticipati, dovrebbe anche fare l’elenco dei nomi toppati. Non basterebbe la Treccani. Uno a cento? Lasciamo perdere…e lasciamo vincere…

Tornando a Marotta che, ricordiamolo, avrà in Ausilio il suo uomo-mercato, sta caldeggiando l’acquisto di due centrocampisti giovani. Il primo è Barella, 1997 del Cagliari, il secondo Tonali (2000) del Brescia. Con il Brescia si dovrebbe chiudere a breve, il giocatore resterà a Brescia fino a giugno. Per Barella invece si proverà a convincere Giulini che il Cagliari può salvarsi anche senza di lui, l’Inter lo vuole già gennaio. Ma i colpi veri arriveranno a giugno con Modric già da tempo nel mirino di Ausilio come ben sappiamo, e soprattutto Chiesa che l’Inter vuol strappare alla concorrenza della Juve. Bocciato Keita, con Candreva in uscita, uno degli esterni dell’Inter del futuro potrebbe proprio essere Federico Chiesa con l’ok del babbo Enrico e di Spalletti. La Fiorentina lo valuta un’ottantina di milioni e qualcuno a Firenze è più contento quando pensa a un futuro del ragazzo a Milano piuttosto che alla Juve. Ma i bianconeri, ovvio, non molleranno tanto facilmente. E se anche il prestito di Pjaca non dovesse portare a niente visto lo scarso rendimento, il rapporto tra le dirigenze oggi è buono. La Juve, fra l’altro, oltre a Chiesa sta monitorando da tempo anche il giovane difensore viola Milenkovic (1997). Con Barzagli in uscita, Benatia in ribasso (sarà ceduto) e Rugani congelato, la difesa bianconera ha bisogno di innesti. Nel mirino c’è Manolas che non vuol rinnovare con la Roma e ha una clausola da 36 milioni. Monchi prenderebbe volentieri Rugani, ma non più tardi dell’estate scorsa, la Juve ha rifiutato per il giocatore 50 milioni del Chelsea.

Capitolo Milan, siamo al lazzaretto. Bonaventura dovrebbe partire oggi per gli Usa dove sarà operato al ginocchio. Gli altri, Biglia, Caldara, Romagnoli, Musacchio e compagnia, purtroppo ne avranno ancora per un bel po’. Servono almeno due centrocampisti e nel mirino c’è sempre Paredes dello Zenit. Salgono le quotazioni di Sensi, il rapporto con il Sassuolo è buono (Locatelli è in prestito), Leonardo proverà a prenderlo a gennaio. Sullo sfondo l’idea Diawara, ma il Napoli (per ora) ha detto no.

Ibra? Ne abbiamo scritto fin dall’estate scorsa, ora siamo in dirittura d’arrivo. Raiola sta cercando di convincerlo ad accettare sei mesi (gennaio-giugno) a 2,5 milioni con opzione per l’anno prossimo. Ci siamo. E chi si preoccupa per Cutrone sbaglia, uno come Ibra nello spogliatoio servirebbe molto al baby rossonero, una partita in più o in meno a quell’età conta poco, serve crescere bene.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->