HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Modric in testa, Pallone d’oro vicino. Ronaldo e Messi ora basta. Marotta porta Tonali e Barella, poi Chiesa. Milan fra Sensi e Paredes. Ok per Ibra. Manolas alla Juve, Rugani a Roma

23.11.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22615 volte
Modric in testa, Pallone d’oro vicino. Ronaldo e Messi ora basta. Marotta porta Tonali e Barella, poi Chiesa. Milan fra Sensi e Paredes. Ok per Ibra. Manolas alla Juve, Rugani a Roma

Se c’è qualcuno appassionato di Pallone d’oro e dintorni, siamo circa a metà dello spoglio delle schede. Voto elettronico niente? In attesa, le indiscrezioni (vere? false?) o semplicemente certi exit poll de noantri, raccontano di un Modric in testa con un buon margine, avviato alla conquista del primo trofeo Deronaldizzato e Demessizzato.

Se così fosse non ci troverei niente di strano o di scandaloso. Modric ha giocato un mondiale strepitoso, oggi è il prototipo dell’uomo-squadra e anche uno come Ronaldo sa bene cosa significhi averlo in cabina di regia. Ma poi, diciamolo chiaramente, dopo dieci anni di trofei equamente divisi fra Ronaldo e Messi, è anche giusto che il calcio guardi altrove. Questo monopolio andava spezzato, stava intristendo anche il premio che forse un po’ triste lo è già per conto suo. Ragioniamo: qualcuno ha ancora dubbi sul fatto che Messi e Ronaldo siano campioni assoluti, nell’Olimpo con Maradona, Pelè e Cruiff? No. Messi e Ronaldo sono consacrati dalla storia e dopo dieci anni di trionfi potremmo anche trattarli come quei cavalli di razza Fuori Concorso. Ecco, sono fuori concorso. Non so se per un tam-tam naturale o per un tam-tam pilotato, ma credo che i giurati l’abbiamo pensata proprio così. Magari poi nel prosieguo dello spoglio salta tutto come in tante elezioni politiche, ma io comunque non cambierei opinione: andiamo oltre quei due. Dispiace soltanto che Ronaldo non abbia riportato il Pallone d’oro in Italia dove manca dal 2007 anno del milanista Kakà. Ma quelli della Juve l’avranno di sicuro messo in conto, la bacheca di Ronaldo è stracolma, l’età avanza e, come detto, il calcio forse ha deciso di andare oltre due campionissimi conclamati.

Dove andrà invece Marotta con l’Inter? Intanto è andato in Cina per chiudere ed è già tornato, sorridendo per i tanti “io l’ho detto per primo” apparsi qui e là, cari amici lettori c’è in memoria il mio pezzo di sette giorni fa, scritto giovedì quindici novembre, che raccontava proprio di Marotta-Marco Polo. I giornali sono arrivati due-tre giorni dopo. Ma vantarsi per le notizie prese di calciomercato è uno sport rischiosissimo. Chi sottolinea i colpi anticipati, dovrebbe anche fare l’elenco dei nomi toppati. Non basterebbe la Treccani. Uno a cento? Lasciamo perdere…e lasciamo vincere…

Tornando a Marotta che, ricordiamolo, avrà in Ausilio il suo uomo-mercato, sta caldeggiando l’acquisto di due centrocampisti giovani. Il primo è Barella, 1997 del Cagliari, il secondo Tonali (2000) del Brescia. Con il Brescia si dovrebbe chiudere a breve, il giocatore resterà a Brescia fino a giugno. Per Barella invece si proverà a convincere Giulini che il Cagliari può salvarsi anche senza di lui, l’Inter lo vuole già gennaio. Ma i colpi veri arriveranno a giugno con Modric già da tempo nel mirino di Ausilio come ben sappiamo, e soprattutto Chiesa che l’Inter vuol strappare alla concorrenza della Juve. Bocciato Keita, con Candreva in uscita, uno degli esterni dell’Inter del futuro potrebbe proprio essere Federico Chiesa con l’ok del babbo Enrico e di Spalletti. La Fiorentina lo valuta un’ottantina di milioni e qualcuno a Firenze è più contento quando pensa a un futuro del ragazzo a Milano piuttosto che alla Juve. Ma i bianconeri, ovvio, non molleranno tanto facilmente. E se anche il prestito di Pjaca non dovesse portare a niente visto lo scarso rendimento, il rapporto tra le dirigenze oggi è buono. La Juve, fra l’altro, oltre a Chiesa sta monitorando da tempo anche il giovane difensore viola Milenkovic (1997). Con Barzagli in uscita, Benatia in ribasso (sarà ceduto) e Rugani congelato, la difesa bianconera ha bisogno di innesti. Nel mirino c’è Manolas che non vuol rinnovare con la Roma e ha una clausola da 36 milioni. Monchi prenderebbe volentieri Rugani, ma non più tardi dell’estate scorsa, la Juve ha rifiutato per il giocatore 50 milioni del Chelsea.

Capitolo Milan, siamo al lazzaretto. Bonaventura dovrebbe partire oggi per gli Usa dove sarà operato al ginocchio. Gli altri, Biglia, Caldara, Romagnoli, Musacchio e compagnia, purtroppo ne avranno ancora per un bel po’. Servono almeno due centrocampisti e nel mirino c’è sempre Paredes dello Zenit. Salgono le quotazioni di Sensi, il rapporto con il Sassuolo è buono (Locatelli è in prestito), Leonardo proverà a prenderlo a gennaio. Sullo sfondo l’idea Diawara, ma il Napoli (per ora) ha detto no.

Ibra? Ne abbiamo scritto fin dall’estate scorsa, ora siamo in dirittura d’arrivo. Raiola sta cercando di convincerlo ad accettare sei mesi (gennaio-giugno) a 2,5 milioni con opzione per l’anno prossimo. Ci siamo. E chi si preoccupa per Cutrone sbaglia, uno come Ibra nello spogliatoio servirebbe molto al baby rossonero, una partita in più o in meno a quell’età conta poco, serve crescere bene.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Accelerazione Inter per Conte. Marotta e Ausilio lavorano su Chiesa, De Paul, Rakitic, Barella e Danilo. Icardi, partenza non così scontata. La Roma su Gasperini 11.05 - L’attesa è quasi finita. Presto il futuro di Conte sarà chiaro. Lo scenario si sta delineando. L’ipotesi Juve si è decisamente raffreddata nelle ultime ore anche perché il presidente Agnelli non è convinto fino in fondo del suo ritorno. La possibilità di un addio di Allegri resta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510