HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
Editoriale

Modric in testa, Pallone d’oro vicino. Ronaldo e Messi ora basta. Marotta porta Tonali e Barella, poi Chiesa. Milan fra Sensi e Paredes. Ok per Ibra. Manolas alla Juve, Rugani a Roma

23.11.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22500 volte
Modric in testa, Pallone d’oro vicino. Ronaldo e Messi ora basta. Marotta porta Tonali e Barella, poi Chiesa. Milan fra Sensi e Paredes. Ok per Ibra. Manolas alla Juve, Rugani a Roma

Se c’è qualcuno appassionato di Pallone d’oro e dintorni, siamo circa a metà dello spoglio delle schede. Voto elettronico niente? In attesa, le indiscrezioni (vere? false?) o semplicemente certi exit poll de noantri, raccontano di un Modric in testa con un buon margine, avviato alla conquista del primo trofeo Deronaldizzato e Demessizzato.

Se così fosse non ci troverei niente di strano o di scandaloso. Modric ha giocato un mondiale strepitoso, oggi è il prototipo dell’uomo-squadra e anche uno come Ronaldo sa bene cosa significhi averlo in cabina di regia. Ma poi, diciamolo chiaramente, dopo dieci anni di trofei equamente divisi fra Ronaldo e Messi, è anche giusto che il calcio guardi altrove. Questo monopolio andava spezzato, stava intristendo anche il premio che forse un po’ triste lo è già per conto suo. Ragioniamo: qualcuno ha ancora dubbi sul fatto che Messi e Ronaldo siano campioni assoluti, nell’Olimpo con Maradona, Pelè e Cruiff? No. Messi e Ronaldo sono consacrati dalla storia e dopo dieci anni di trionfi potremmo anche trattarli come quei cavalli di razza Fuori Concorso. Ecco, sono fuori concorso. Non so se per un tam-tam naturale o per un tam-tam pilotato, ma credo che i giurati l’abbiamo pensata proprio così. Magari poi nel prosieguo dello spoglio salta tutto come in tante elezioni politiche, ma io comunque non cambierei opinione: andiamo oltre quei due. Dispiace soltanto che Ronaldo non abbia riportato il Pallone d’oro in Italia dove manca dal 2007 anno del milanista Kakà. Ma quelli della Juve l’avranno di sicuro messo in conto, la bacheca di Ronaldo è stracolma, l’età avanza e, come detto, il calcio forse ha deciso di andare oltre due campionissimi conclamati.

Dove andrà invece Marotta con l’Inter? Intanto è andato in Cina per chiudere ed è già tornato, sorridendo per i tanti “io l’ho detto per primo” apparsi qui e là, cari amici lettori c’è in memoria il mio pezzo di sette giorni fa, scritto giovedì quindici novembre, che raccontava proprio di Marotta-Marco Polo. I giornali sono arrivati due-tre giorni dopo. Ma vantarsi per le notizie prese di calciomercato è uno sport rischiosissimo. Chi sottolinea i colpi anticipati, dovrebbe anche fare l’elenco dei nomi toppati. Non basterebbe la Treccani. Uno a cento? Lasciamo perdere…e lasciamo vincere…

Tornando a Marotta che, ricordiamolo, avrà in Ausilio il suo uomo-mercato, sta caldeggiando l’acquisto di due centrocampisti giovani. Il primo è Barella, 1997 del Cagliari, il secondo Tonali (2000) del Brescia. Con il Brescia si dovrebbe chiudere a breve, il giocatore resterà a Brescia fino a giugno. Per Barella invece si proverà a convincere Giulini che il Cagliari può salvarsi anche senza di lui, l’Inter lo vuole già gennaio. Ma i colpi veri arriveranno a giugno con Modric già da tempo nel mirino di Ausilio come ben sappiamo, e soprattutto Chiesa che l’Inter vuol strappare alla concorrenza della Juve. Bocciato Keita, con Candreva in uscita, uno degli esterni dell’Inter del futuro potrebbe proprio essere Federico Chiesa con l’ok del babbo Enrico e di Spalletti. La Fiorentina lo valuta un’ottantina di milioni e qualcuno a Firenze è più contento quando pensa a un futuro del ragazzo a Milano piuttosto che alla Juve. Ma i bianconeri, ovvio, non molleranno tanto facilmente. E se anche il prestito di Pjaca non dovesse portare a niente visto lo scarso rendimento, il rapporto tra le dirigenze oggi è buono. La Juve, fra l’altro, oltre a Chiesa sta monitorando da tempo anche il giovane difensore viola Milenkovic (1997). Con Barzagli in uscita, Benatia in ribasso (sarà ceduto) e Rugani congelato, la difesa bianconera ha bisogno di innesti. Nel mirino c’è Manolas che non vuol rinnovare con la Roma e ha una clausola da 36 milioni. Monchi prenderebbe volentieri Rugani, ma non più tardi dell’estate scorsa, la Juve ha rifiutato per il giocatore 50 milioni del Chelsea.

Capitolo Milan, siamo al lazzaretto. Bonaventura dovrebbe partire oggi per gli Usa dove sarà operato al ginocchio. Gli altri, Biglia, Caldara, Romagnoli, Musacchio e compagnia, purtroppo ne avranno ancora per un bel po’. Servono almeno due centrocampisti e nel mirino c’è sempre Paredes dello Zenit. Salgono le quotazioni di Sensi, il rapporto con il Sassuolo è buono (Locatelli è in prestito), Leonardo proverà a prenderlo a gennaio. Sullo sfondo l’idea Diawara, ma il Napoli (per ora) ha detto no.

Ibra? Ne abbiamo scritto fin dall’estate scorsa, ora siamo in dirittura d’arrivo. Raiola sta cercando di convincerlo ad accettare sei mesi (gennaio-giugno) a 2,5 milioni con opzione per l’anno prossimo. Ci siamo. E chi si preoccupa per Cutrone sbaglia, uno come Ibra nello spogliatoio servirebbe molto al baby rossonero, una partita in più o in meno a quell’età conta poco, serve crescere bene.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, obiettivo il riscatto di Bakayoko. Occhio a Carrasco, che piace anche all’Inter. La Juventus segue Tonali. Inter, se parte Icardi idea Lukaku. La Roma pensa ancora a Belotti, per il centrocampo c’è la pista Sensi 23.02 - La strada è quella giusta. Il Milan grazie anche al grande lavoro di Gattuso è in piena zona Champions League e se questo dovesse essere il traguardo finale, il mercato estivo ne beneficerebbe sicuramente. Anche perché Leonardo e Maldini stanno già facendo le loro valutazioni. Uno...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri, questo è un addio. Zidane no al Chelsea per andare alla Juve. In corsa anche Deschamps. Tutta colpa di Dybala. Mou aspetta l’Inter. Sarri alla Roma si può 22.02 - Allegri, e adesso? La sconfitta con l’Atletico, clamorosa quanto inattesa, senza attenuanti, chiama pesantemente in causa l’allenatore bianconero. E’ vero che c’è la gara di ritorno, è altrettanto vero che la Juve ha nelle corde le rimonte clamorose, ma questa (purtroppo) sembra un’altra...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Juve: la pressione della Champions e una montagna da scalare Icardi: tra visite e fascia è iniziata la partita a scacchi 21.02 - La montagna da scalare più alta di quanto si possa immaginare. Nulla è impossibile nel calcio e i record sono fatti per essere battuti... però i numeri ti aiutano a capire quanto sia pesante il risultato arrivato ieri. Simeone non è mai uscito dalla Champions League dopo aver vinto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Icardi-Inter: forse non è solo ciò che ci hanno detto, e forse non è colpa di Marotta. Ecco la lotta di potere in cui si sono trovati in mezzo dirigente e giocatore. E ci sono già Chelsea e Juventus. Dybala a Madrid, e non giocherà nell’Inter 20.02 - Dire qualcosa che non sia stato ancora detto, scritto e pensato sul caso Icardi è quasi impossibile. E quasi tutti rimarranno della loro opinione, colpevolisti o innocentisti. Personalmente, penso che la società abbia sbagliato a togliere la fascia da capitano, a creare una frattura...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510