HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito…

08.08.2018 07:48 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 97832 volte

E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il resto del convoglio a una velocità insostenibile.
E’ arrivato cioè il giorno in cui si deciderà se Modric all’Inter non è solo il sogno di una notte di piena estate. E’ arrivato il giorno in cui Modric incontra Florentino Perez: la riunione è programmata nella tarda serata madrilena, a siesta completata, cosicché tutti siano belli carichi per dirsi quello che si devono dire. Potrebbe anche slittare a giovedì, ma il tempo per il calciomercato stringe maledettamente, solo 9 giorni fino alla chiusura in Serie A (per non parlare delle 48 ore che mancano in Premier, ad esempio).
L’azzardo dell’Inter ha fondamenta concrete: perché c’è l’offerta, c’è l’accordo con il giocatore, e c’è l’accettazione del progetto globale proposto, tanto economico quanto tecnico, fino all’eventuale sponsorizzazione di Suning.
Eppure per l’Inter è difficilissima, per una serie di congiunture esterne all’azione dei nerazzurri.
Congiunture esterne che invece erano state proprio la via spalancata per la Juventus.

Ovvero: tanto il rapporto di Cristiano con Florentino si era logorato nel tempo, non solo nel corso delle stagioni, ma proprio da gennaio ad adesso, così da preparare internamente un addio clamoroso ma comunque subodorato; quanto invece l’addio di Modric è stato un fulmine a ciel sereno (beh, non proprio sereno, via), caduto dopo la fine dei Mondiali, quando il Real Madrid con orgoglio ribadiva l’appartenenza alla Casa Blanca del miglior giocatore della Coppa del Mondo, facendosi quasi beffe della dipartita di CR7.

Poi: la multa di 30 milioni di Cristiano Ronaldo, che ha fatto saltare il banco della trattativa, arriva da un lungo periodo di negoziati con l’autorità fiscale, a cui parallelamente si era accompagnata quella estenuante tra giocatore e società per la sempre respinta richiesta da parte del portoghese di pagare il saldo; Modric invece ha appena saldato al Fisco spagnolo 1 milione di €, e non è chiaro se la situazione possa peggiorare.

E ancora: quando Cristiano Ronaldo chiese l’aumento - vedendoselo rifiutare fino a quando le intenzioni non si sono trovate fuori tempo massimo - il budget salariale del Real Madrid era totalmente saturo, mentre adesso Modric (che incredibilmente incassa solo il 5° stipendio al Madrid) potrebbe vedere arrivare nella sua direzione una parte di quei 30 milioni, tra salario e tasse legate allo stipendio, lasciati vacanti da Cristiano Ronaldo.

E inoltre: l’addio a Cristiano è avvenuto a Mondiale ancora in corso, con un mese abbondante di mercato davanti, e teoricamente con il tempo di provare a prendere un Mbappé o un Dybala (non importa non sia successo: importa che Florentino vedesse la possibilità di metterci una pezza); per Modric invece manca solo una decina di giorni, in cui riuscire a trovare un sostituto per un giocatore tecnicamente tra i più insostituibili.

Ed ultimo, ma forse più importante: abbiamo assistito il 10 luglio a un evento praticamente unico fino a quel momento nella storia del calcio, ovvero Florentino che abbassa la testa e accetta le condizioni di un giocatore, il più importante peraltro; e questo dopo aver incassato anche l’addio di Zidane. E martedì Florentino ha perfino incassato l’addio di Kovacic - per carità, non paragonabile ai precedenti, ma è significativo che anche Kovacic possa permettersi di fare quello che vuole alle sue condizioni al Real Madrid di Florentino. Peraltro Kovacic che sarebbe stato teoricamente il rimpiazzo di Modric.
Davvero è possibile dunque vedere di nuovo Florentino abbassare la testa, per un giocatore che tutti i madridisti gli stanno chiedendo di tenere senza se e senza ma?!
Facile pensare che il presidente del Madrid si presenti all’incontro con un aumento di stipendio che pareggi il 40% in più che l’Inter è pronta a pagare al croato, e a quel punto chissà che Lukita Modric non termini con un bell’abbraccione filiale per Florentino Perez.

E in questa allucinazione estiva fantastica in cui la Serie A è tornata a comandare con il trattore sulla tangenziale del calcio europeo, è surreale ma vero: Claudio Lotito tiene in mano il destino dell’élite del football mondiale. Perché Pogba al Barcellona non è un’illusione, ma una realtà che va consolidandosi di ora in ora. L’accordo tra giocatore e club è raggiunto, l’offerta del Barcellona non è ancora all’altezza (110 milioni, o 50 milioni più Yerry Mina e André Gomes), ma è migliorabile. A patto però che il Manchester United trovi il sostituto entro le 48 ore mancanti al gong di mercato inglese: e per ora l’unico sostituto a disposizione sembra essere Sergej Milinkovic-Savic.
Tutto dipende da Lotito: e all’imperatore Claudio laziale non deve parer vero di poter avere il potere di vita o di morte sui destini del calcio europeo con un semplice gesto del pollice…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->