HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito…

08.08.2018 07:48 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 97766 volte

E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il resto del convoglio a una velocità insostenibile.
E’ arrivato cioè il giorno in cui si deciderà se Modric all’Inter non è solo il sogno di una notte di piena estate. E’ arrivato il giorno in cui Modric incontra Florentino Perez: la riunione è programmata nella tarda serata madrilena, a siesta completata, cosicché tutti siano belli carichi per dirsi quello che si devono dire. Potrebbe anche slittare a giovedì, ma il tempo per il calciomercato stringe maledettamente, solo 9 giorni fino alla chiusura in Serie A (per non parlare delle 48 ore che mancano in Premier, ad esempio).
L’azzardo dell’Inter ha fondamenta concrete: perché c’è l’offerta, c’è l’accordo con il giocatore, e c’è l’accettazione del progetto globale proposto, tanto economico quanto tecnico, fino all’eventuale sponsorizzazione di Suning.
Eppure per l’Inter è difficilissima, per una serie di congiunture esterne all’azione dei nerazzurri.
Congiunture esterne che invece erano state proprio la via spalancata per la Juventus.

Ovvero: tanto il rapporto di Cristiano con Florentino si era logorato nel tempo, non solo nel corso delle stagioni, ma proprio da gennaio ad adesso, così da preparare internamente un addio clamoroso ma comunque subodorato; quanto invece l’addio di Modric è stato un fulmine a ciel sereno (beh, non proprio sereno, via), caduto dopo la fine dei Mondiali, quando il Real Madrid con orgoglio ribadiva l’appartenenza alla Casa Blanca del miglior giocatore della Coppa del Mondo, facendosi quasi beffe della dipartita di CR7.

Poi: la multa di 30 milioni di Cristiano Ronaldo, che ha fatto saltare il banco della trattativa, arriva da un lungo periodo di negoziati con l’autorità fiscale, a cui parallelamente si era accompagnata quella estenuante tra giocatore e società per la sempre respinta richiesta da parte del portoghese di pagare il saldo; Modric invece ha appena saldato al Fisco spagnolo 1 milione di €, e non è chiaro se la situazione possa peggiorare.

E ancora: quando Cristiano Ronaldo chiese l’aumento - vedendoselo rifiutare fino a quando le intenzioni non si sono trovate fuori tempo massimo - il budget salariale del Real Madrid era totalmente saturo, mentre adesso Modric (che incredibilmente incassa solo il 5° stipendio al Madrid) potrebbe vedere arrivare nella sua direzione una parte di quei 30 milioni, tra salario e tasse legate allo stipendio, lasciati vacanti da Cristiano Ronaldo.

E inoltre: l’addio a Cristiano è avvenuto a Mondiale ancora in corso, con un mese abbondante di mercato davanti, e teoricamente con il tempo di provare a prendere un Mbappé o un Dybala (non importa non sia successo: importa che Florentino vedesse la possibilità di metterci una pezza); per Modric invece manca solo una decina di giorni, in cui riuscire a trovare un sostituto per un giocatore tecnicamente tra i più insostituibili.

Ed ultimo, ma forse più importante: abbiamo assistito il 10 luglio a un evento praticamente unico fino a quel momento nella storia del calcio, ovvero Florentino che abbassa la testa e accetta le condizioni di un giocatore, il più importante peraltro; e questo dopo aver incassato anche l’addio di Zidane. E martedì Florentino ha perfino incassato l’addio di Kovacic - per carità, non paragonabile ai precedenti, ma è significativo che anche Kovacic possa permettersi di fare quello che vuole alle sue condizioni al Real Madrid di Florentino. Peraltro Kovacic che sarebbe stato teoricamente il rimpiazzo di Modric.
Davvero è possibile dunque vedere di nuovo Florentino abbassare la testa, per un giocatore che tutti i madridisti gli stanno chiedendo di tenere senza se e senza ma?!
Facile pensare che il presidente del Madrid si presenti all’incontro con un aumento di stipendio che pareggi il 40% in più che l’Inter è pronta a pagare al croato, e a quel punto chissà che Lukita Modric non termini con un bell’abbraccione filiale per Florentino Perez.

E in questa allucinazione estiva fantastica in cui la Serie A è tornata a comandare con il trattore sulla tangenziale del calcio europeo, è surreale ma vero: Claudio Lotito tiene in mano il destino dell’élite del football mondiale. Perché Pogba al Barcellona non è un’illusione, ma una realtà che va consolidandosi di ora in ora. L’accordo tra giocatore e club è raggiunto, l’offerta del Barcellona non è ancora all’altezza (110 milioni, o 50 milioni più Yerry Mina e André Gomes), ma è migliorabile. A patto però che il Manchester United trovi il sostituto entro le 48 ore mancanti al gong di mercato inglese: e per ora l’unico sostituto a disposizione sembra essere Sergej Milinkovic-Savic.
Tutto dipende da Lotito: e all’imperatore Claudio laziale non deve parer vero di poter avere il potere di vita o di morte sui destini del calcio europeo con un semplice gesto del pollice…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Marotta, il futuro è ancora un rebus. Dybala che momento, ma non paragoniamolo a Messi e  Ronaldo. Ancelotti e il capolavoro con il Liverpool. Icardi in area di rigore è tra i primi 3 attaccanti al mondo. Italia, è l’ora di cominciare a vincere 06.10 - Il futuro di Beppe Marotta resta ancora un rebus. La separazione con la Juventus è troppo fresca per avere certezze su quello che sarà il domani. Di sicuro gli 8 anni di successi sono un biglietto da visita che nessuno ha in Italia. Credo che bisognerà attendere qualche mese prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy