VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Moggi e Calciopoli, dopo la Cassazione: sentenza chiara, ma ancora dubbi sulle indagini. Lo scudetto del 2006 va revocato. E i dirigenti in attività?

11.09.2015 08.21 di Enzo Bucchioni   articolo letto 49492 volte
Moggi e Calciopoli, dopo la Cassazione: sentenza chiara, ma ancora dubbi sulle indagini. Lo scudetto del 2006 va revocato. E i dirigenti in attività?

Sono passati nove anni e pochi mesi dalle prime pubblicazioni choc delle intercettazioni e dalle prime sentenze della giustizia sportiva e siamo ancora qui a parlare di Calciopoli, una ferita del calcio italiano che probabilmente non si chiuderà mai.

Le motivazioni della corte di Cassazione rese pubbliche soltanto da 48 ore ci impongono un'altra puntata di una vicenda che dovrebbe essersi chiusa con quest'ultima e definitiva sentenza e sicuramente lo sarà dal punto di vista processuale. Non ci sono più dubbi, Moggi è colpevole, era il capo di una associazione a delinquere per falsare i campionati. Per il resto Moggi ricorrerà alla corte europea di Strasburgo, ma questi sono affari suoi.

Tornando alle motivazioni della sentenza ci stupisce il linguaggio, molto più duro nei confronti degli imputati (tutti prescritti) rispetto a quello usato dai giudici precedenti e durissimo nei confronti di Moggi riconosciuto il capo vero e indiscusso di una associazione che controllava il calcio in quegli anni.

Fin qui niente di strano o di nuovo: Luciano Moggi in quel periodo era il boss del calcio italiano. Forse perché aveva dimostrato di essere il più bravo, sicuramente perché è sempre stato scaltro, con il tempo è diventato il numero uno e ogni decisione a qualsiasi livello e non soltanto nell'ambito della società Juventus, doveva essere presa dopo aver sentito lui e probabilmente con il suo assenso. Moggi decideva tutto e condizionava tutto. Le carriere degli allenatori, di molti giocatori e, naturalmente, anche degli arbitri dipendevano anche dall'apprezzamento, dal gradimento e dalla simpatia o meno nei suoi confronti di Luciano Moggi.

Chi seguiva il calcio in quegli anni e nega questo stato delle cose, è in malafede. Moggi era abilissimo, a far favori, a circondarsi di amici, a volte anche a millantare, ma tutti lo veneravano.

Lo strapotere ingiustificato, così lo definisce la Cassazione, esisteva davvero e andare contro il potere è sempre difficile per tutti. Il vento tirava in quella direzione e per molti (arbitri compresi) non era il caso di andare controvento. Anzi, essere con Moggi e per Moggi apriva porte e favoriva carriere. Da qui la sudditanza psicologica di molti, la paura di altri e il condizionamento del tutto in generale.

Non era un calcio corrotto nel vero senso della parola (non sono mai girati soldi, neppure una gara comprata), ma era sicuramente un calcio poco etico e poco libero. Quindi poco o per nulla rispettoso delle regole della deontologia sportiva.

L'inchiesta nata nel 2004 è servita ad aprire pubblicamente uno squarcio su un mondo sportivamente scandaloso, ha liberato il calcio da questo strapotere moggiano per di più accentuato dalla Gea, associazione di procuratori guidata da Alessandro Moggi, che controllava decine e decine di giocatori e allenatori e consciamente o inconsciamente, contribuiva ad aumentare l'influenza di Moggi.

Di sicuro in questa situazione la Juventus nonostante fosse una super squadra, ci ha guadagnato, ma anche molti altri personaggi legati a Moggi per amicizia o per affari, hanno tratto degli indubbi benefici. Un sistema sbagliato, inaccettabile.

Detto e riconosciuto questo, c'è anche da sottolineare però come Calciopoli sia stata un'inchiesta parziale, ingiusta e falsata. E proprio questo, negli anni, ha lasciato aperta la discussione, ha acceso gli animi, ha diviso il Paese calcistico tra colpevolisti e innocentisti, tra moggiani e antimoggiani, fino a sostenere il limite dei limiti: Calciopoli non è mai esistita.

Questo non è vero. Il sistema sbagliato guidato da Moggi c'era, ma non era il solo.

E proprio da qui deve ripartire un'analisi serena che noi abbiamo sempre cercato di fare, anche nei giorni immediatamente successivi a quei momenti di fuoco quando c'erano (metaforicamente) le ghigliottine in piazza.

Chi vi parla non è mai stato moggiano, nei libri nero e rosso di Calciopoli non trovate il mio nome. Questo non vuol dire non conoscere Moggi o non dargli del tu, come facevano tutti all'epoca.

Non essere moggiano per me era solo criticare e contestare le situazioni e i fatti, andare per conto mio nella professione, senza padroni e senza padrini, come ho sempre fatto. Scrivere senza stare attenti a non irritare il Capo del calcio o chi comanda in genere, non è mai stato un mio problema. E nessuno mi ha mai detto niente.

Però ho avuto subito forti dubbi su questa inchiesta. E chi conosceva Moggi, o Mazzini e le sue esagerazioni, chi sapeva come funzionava il calcio di allora, non poteva non averne. Anche per questo, anche per cercare di andare oltre, ho letto migliaia di carte e poi ho accettato di scrivere in un libro la versione di Moggi. Le critiche non mi sono mancate, ma ho sempre avuto in mente il maestro Enzo Biagi quando scrisse il libro con e su Buscetta. Facendo le dovute ed enormi proporzioni fra gli ambiti e fra i personaggi, Moggi non ha proprio vuotato il sacco, ma quel libro è servito a far riflettere anche chi aveva preso tutto per oro colato, le inchieste prima e le sentenze poi.

Le indagini, è bene dirlo, sono partite da un nemico di Moggi che ha indirizzato il lavoro delle forze dell'Ordine. E' apparso subito chiaro, per chi conosceva nei dettagli le dinamiche del calcio di allora, che dalle intercettazioni rese note mancavano dei personaggi molto influenti, delle squadre molto importanti, delle situazioni mai chiarite nel passato che forse meritavano più attenzione.

Mi sarei aspettato una indagine serissima, profonda, a tutto tondo in grado di ripulire veramente il calcio da comportamenti anomali e purtroppo accettati da tutti e invece si è fatto questo enorme lavoro solo per colpire Moggi e alcuni uomini (ma non tutti) del suo impero.

Dico questo perché se Moggi aveva un grande potere, il più grande, non era il solo. In quegli anni c'erano degli altri poteri, forse più piccoli, che comunque influenzavano pro loro il sistema calcio e il Palazzo del calcio, poteri mediatici, poteri politici e sportivi. Quei sistemi e quei personaggi, invece, sono stati dimenticato, non indagati, non intercettati o (alcuni) appena sfiorati dalla vicenda.

L'inchiesta è nata male, non ha fatto né giustizia totale, né pulizia totale. Leggendo le carte ho trovato di tutto. Risultati sbagliati. Situazioni falsate. Partite fatte vincere alla Juventus secondo l'accusa, in realtà perse. Persone scambiate, giocatori in campo in realtà squalificati. Situazioni inverosimili. Ma anche indagini parziali come quella che ha inguaiato Della Valle per un pranzo con il designatore Bergamo dove i carabinieri con attrezzature sofisticate, nascosti nei cespugli, hanno dimenticato di mettere le cimici sotto i tavoli per registrare le conversazioni. Strano no?

Insomma, indagini fatte su tesi precostituite, e questo non è giusto in nome e per conto della verità-vera.

Questo è il rammarico, alcuni dei personaggi che si comportavano in maniera molto simile a Moggi ( forse lo imitavano) sono ancora nel calcio e nel sottobosco del calcio di oggi. Molti commenteranno che intanto Moggi non c'è più e qualcosa è stato comunque fatto per cambiare. Su questo non c'è dubbio, ma perché non il resto?

E' su questo che gli juventini che hanno pagato più di tutti, ma anche altri, si sono sempre interrogati senza avere risposta.

Sappiamo poi che qualcosa è venuto fuori tardivamente, che anche l'Inter e le telefonate di un onest'uomo come Facchetti (ma anche altre società) sono finite nel mirino.

Una recente sentenza (quindi da accettare come quelle su Moggi) racconta che anche il compianto presidente dell'Inter faceva lobbing con gli arbitri. Forse, come ha sempre sostenuto Moratti, era un modo per difendersi o cercare di neutralizzare lo strapotere moggiano, di sicuro Facchetti le telefonate le faceva anche per quello, ma pure se così fosse non ci sono giustificazioni dal punto di vista legale e morale.

"Se quello ruba, rubo anch'io" non può funzionare in un paese civile. Caso mai denuncio chi ruba e porto le prove.

Anche per questo, mentre cala il sipario sulle sentenze, resta un altro rammarico: lo scudetto del 2006. E' stato assegnato all'Inter dall'interista Guido Rossi, ma non può funzionare così. Anche molti interisti su questo non sono d'accordo, invece abbiamo chiesto a Moratti, più volte, perché ritenesse quello scudetto valido a tutti gli effetti e lui ha sempre rabbiosamente sottolineato "è un risarcimento per tutto quello che mi hanno fatto". Il più grande dei miei scudetti.

Sarà anche vero, ma ora le sentenze dimostrano anche altre piccole verità e quella casella dovrebbe rimanere vuota per onestà sportiva.

Il 2006, scudetto non assegnato, anno nero per il tutto il calcio e non solo per una parte del calcio.

Pensierino della sera: a proposito, ma come può Lotito, uno dei condannati per Calciopoli, essere allegramente in Consiglio Federale? Domanda inutile...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire 30.04 - Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A? Gli investimenti...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.