VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Montella ha deciso. Resta a Firenze. Milan in difficoltà. Miha lo vuole Corvino. Parma: Ghirardi rischia l'arresto

Enzo Bucchioni, giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
06.03.2015 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36850 volte
© foto di Federico De Luca

Lo scenario descritto una settimana fa si sta puntualmente verificando. L'intervento dell'Uefa che sta monitorando i conti in rosso dell'Inter costringerà la società nerazzurra ad adottare una strategia che le consenta comunque di allestire una squadra competitiva, ma soltanto dopo essere rientrata dalle perdite. Morale? Prima vendere, poi comprare rimanendo nei giusti parametri economici. Una situazione non facile per Ausilio & C., ma le soluzioni ci sono. Il primo giocatore della lista in partenza, nonostante le smentite di rito, è naturalmente Icardi, il gioiello più prezioso. Il rinnovo del contratto a cifre alte, ma senza i diritti di immagine, è proprio in questa ottica. Si blinda Icardi, ma solo per la cessione.
Quanto l'Inter potrà ricavare si saprà soltanto a giugno, molto dipenderà dal rendimento del giocatore, ma il rapporto età-gol segnati-margini di miglioramento è molto alto e si profila una vera e propria asta. L'Inter venderà anche Handanovic (scade nel 2016) che ha un ottimo mercato, di recente si è messa sulle sue tracce anche il Barcellona e il brasiliano Hernanes che non rientra nei piani tattici di Mancini. Fatte queste operazioni il mercato sarà necessariamente low cost. Tra l'altro c'è da riscattare Shaqiri (quindici milioni) dal Bayern. Ausilio impossibilità a prendere giocatori di costo elevato, sta lavorando duro su giovani stranieri e italiani in ascesa, e giocatori in scadenza.

Il primo colpo è il difensore Kehrer dello Schalke 04, 19 anni, una autentica promessa del calcio tedesco. Per l'attacco il francese Gignac in scadenza con il Marsiglia è nel mirino da tempo.

Ma le difficoltà economiche stanno stravolgendo ancora una volta il calcio italiano. I conti sono in profondo rosso e il caso Parma rischia di non rimanere isolato. A proposito, la magistratura ha aperto un'inchiesta per bancarotta fraudolenta e la situazione potrebbe prendere degli sviluppi drammatici per l'ex presidente Ghirardi. E' forte l'ipotesi che il magistrato possa decidere per l'arresto se sarà accertato che parte dei 200 milioni di buco sono stati stornati per attività diverse dal calcio. Nel mirino anche l'ex direttore generale Pietro Leonardi che proprio ieri si è dimesso da tutti gli incarichi.

Oggi la Lega dovrebbe deliberare l'istituzione di un fondo di salvezza per permettere il pagamento delle spese urgenti e scongiurare il fallimento a campionato in corso, fallimento che sembra inevitabile nel futuro.

Anche il Milan è in difficoltà nel varare i programmi.

Montella, il tecnico che più di tutti piaceva e non da oggi a Berlusconi, ha deciso di rimanere alla Fiorentina. Nel dicembre scorso ha avuto un lungo colloquio con il Patron Andrea Della Valle con il quale sono stati chiariti definitivamente tutti i problemi nati alla fine dello scorso campionato e fatto un piano per il futuro con l'obiettivo di vincere qualcosa.

La campagna di rafforzamento di gennaio è stata concordata con l'allenatore e il segnale è chiaro: proseguiranno assieme. Tra l'altro Montella aveva già fatto sapere anche al Napoli di non avere alcuna intenzione di trasferirsi sotto il Vesuvio.

Il giovane allenatore ha le idee chiare, la Fiorentina ha una proprietà solida e motivata come in poche altre piazze, con un paio di ritocchi importanti (un difensore e un centrocampista) può fare un salto ulteriore.

E il Milan? Le sta provando di tutte. Klopp è un altro sogno, ma il tedesco costa molto (4 milioni) e ci sono altre squadre sopra, compreso lo stesso Napoli. Galliani ha chiamato anche Ancelotti per avere un consiglio e per buttargli lì una provocazione: torna tu per darci un mano. Anche l'idea Lippi è sempre in piedi e se i cinesi dovessero entrare in società con qualche quota, le possibilità di convincere il tecnico viareggino potrebbero salire.

Situazione complicata e anche qui una sola certezza: risparmiare. Saranno liberati tutti i contratti in scadenza e molti dei prestiti rischiano di essere restituiti al mittente compreso Cerci all'Atletico visto il costo molto alto. In quel caso tornerebbe Torres, il prestito era reciproco. Comunque largo ai giovani italiani, taglio degli stipendi alti e un tecnico esperto alla guida: questo l'imput.

Altra squadra alla ricerca di un allenatore è il Napoli. Benitez se ne andrà al 99,9 per cento. E' di ieri una voce da Madrid che lo vorrebbe al posto di Ancelotti, ma il Real non è l'unica squadra interessata al tecnico spagnolo. Per la sostituzione, dopo il no di Montella e le difficoltà per arrivare a Klopp, restano Spalletti e Mihajlovic. Su quest'ultimo però c'è il pressing di Corvino che lo vorrebbe portare al Bologna se promosso in A come spera, per affidargli la ricostruzione e un progetto ambizioso che punta all'Europa League.

Anche la Roma è alla finestra. Il rapporto con Garcia non e' quello di qualche mese fa. A Sabatini non dispiace Mazzarri (lo voleva anche due anni fa), ma si segue anche la pista Ancelotti che ha sempre detto di voler chiudere a Roma per poi puntare alla Nazionale. Molto dipenderà dai risultati della Roma ma soprattutto del Real.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.