HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..."

21.10.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 7868 volte

No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff nelle mani dell'Alberto da Cesenatico veniva definito, dall'allora presidente rossonero, come una stoffa cui il "sarto" tecnico Zaccheroni non riusciva ad essere adatto. Ma, nel pre-partita del grigio eppure non vergognoso Milan-Aek Atene 0-0 di giovedì sera, Vincenzo Montella non si è presentato parlando di ago e filo. Ha tenuto alta per alcuni minuti la metafora dei carrelli di vestiti, dei modelli di giacca, di cravatta e ha ammesso che gli è stato messo a disposizione un buon guardaroba. Si è riservato la possibilità di fare gli abbinamenti giusti, dal momento che le sfumature erano diverse, ammettendo in questo qualche ritardo. Ecco lo stylist Montella, che non sembra peraltro adatto al paragone con un sarto. E' più sottile Montella rispetto a Zaccheroni, che era più pacioccone, più mastino buono, più incassatore. Non è facile il lavoro di Montella, così come non lo è stato per Fassone e Mirabelli in estate. Prima le bandiere, poi il pubblico, poi il mercato in entrata, quindi quello in uscita. Tutto pancia a terra. Tempi rispettati e grande entusiasmo. Poi queste ultime settimane, questi giorni, in cui sembra impossibile di vivere momento che sembravano scongiurati da un grande mercato. C'è del ritardo? Certo che c'è. Ci sono dei problemi? Certo che ci sono. Ma Montella deve sentirsi molto stimolato dal risolvere tutto. Per lui è una partita a tressette niente male con la propria carriera. Milano negli ultimi anni ha indirizzato non ai vertici la carriera di diversi allenatori: Seedorf, Inzaghi, Brocchi e per certi versi Mihajlovic in casa Milan; Stramaccioni, Mazzarri, De Boer, Pioli in casa Inter. Non è come una volta, come quando i grandi (Sacchi, Capello, Ancelotti, Mourinho, Mancini, lo stesso Allegri) andavano a migliorare dopo Milan e Inter...Non avendo ancora vinto Champions o Scudetti, Montella, che si trova nel mezzo, rischia di trovarsi più vicino al secondo paniere piuttosto che al primo. E allora deve dare tutto, adesso. Non è stato facile per nessuno passare da consuetudini tanto diverse da una proprietà all'altra, lo si scorge anche sui volti di alcuni giocatori durante le inquadrature sulle panchine a gioco fermo o durante l'intervallo. Riparta da lì Montella, con l'apertura mentale che non gli manca affatto, e faccia una bella addizione: lo spirito e l'identità del Milan dell'anno scorso, che mancano, più la qualità e i valori del Milan di quest'anno, che ci sono ma sono rimasti sotto asticella nelle ultime partite. Se Montella riuscirà a sentirsi decisivo e non perseguitato e se gli sguardi torneranno da gruppo senza periferie, allora identità, gioco, gol ed entusiasmo torneranno a scorrere. Non bisogna mai dare nulla per scontato, minuto per minuto, nella vita di una squadra e se l'entusiasmo estivo ha reso tutti un po' più leggeri e sereni, il tempo per rimediare non è moltissimo ma c'è. Eccome se c'è.

Il sequel di Wall Street aveva come sommario: "Il denaro non dorme mai". Vero, anche in "Too big to fail, il crollo dei giganti" , lo si percepiva. Il calcio è diverso. E in qualche caso, anche eclatante, gli effetti del calciomercato, che si paga comunque con il denaro, fanno fatica a vedersi. Prima di alzarsi di buon umore, dormicchiano a occhi semichiusi, si stiracchiano, danno la sensazione che non sia giornata. E invece poi cambia tutto e da un certo momento della mattinata in poi si riparte di gran carriera. E' stato esattamente il caso di Edin Dzeko, un disastro il primo anno. Lento, involuto, scarico. Tanto che Spalletti, intervenuto al capezzale della Roma al posto di Garcia, lo usa con il contagocce preferendo El Shaarawy e Salah larghi e Perotti in mezzo. Poi però il certaldese non lo perde di vista, perchè gli effetti del mercato non si addormentino definitivamente sono necessarie anche di queste "fortune", e Dzeko rifiorisce. Un fiore oggi e un fiore domani ed ecco che a Londra la quercia domina un grande stadio. Dopo i mormorii con l'Atletico, la consacrazione di Stamford Bridede. E Dzeko è tornato l'airone che era a Wolfsburg. Doveva partire nell'estate 2016, idem la scorsa e invece sta riportando su la Roma. Lui è Immobile fra un mese se la vedranno nel derby.

No, non è riuscita e non è nemmeno piaciuta la voglia di facce di c...di Maurizio Sarri a Manchester. Lo splendido allenatore toscano se ne è uscito con una battuta infelice, poco rispettosa della lingua italiana e dello stile Champions, con, probabilmente, un vernacolo che agli impettiti funzionari del "Respect" europeo non deve essere per nulla piaciuta. Poi, nel primo tempo del City, si è visto che nemmeno il campo ha premiato. E nemmeno il secondo, perchè il Napoli ha fatto beneissimo ma non giocando da faccia di...Non da squadra che si toglie la soddisfazione di palleggiare, ma da squadra che rialza la testa dopo aver sofferto e si impegna per giocare a calcio. Deve stare molto attento Sarri perchè le facce di..., in senso di cattiveria sportiva e di cinismo da risultato, adesso gli stanno viaggiando verso casa sua. La esorcizzi il prima possibile quella frase e non la ripeta più, perchè certe facce non bisogna invocarle. Bisogna riconoscerle. E se le ritroverà di fronte, ciniche e toste, al calcio d'inizio di Napoli-Inter. Sarri paga pegno una seconda volta? Dipende da lui e dalla sua squadra, ma anche dall'avversario.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy