HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..."

21.10.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 7848 volte

No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff nelle mani dell'Alberto da Cesenatico veniva definito, dall'allora presidente rossonero, come una stoffa cui il "sarto" tecnico Zaccheroni non riusciva ad essere adatto. Ma, nel pre-partita del grigio eppure non vergognoso Milan-Aek Atene 0-0 di giovedì sera, Vincenzo Montella non si è presentato parlando di ago e filo. Ha tenuto alta per alcuni minuti la metafora dei carrelli di vestiti, dei modelli di giacca, di cravatta e ha ammesso che gli è stato messo a disposizione un buon guardaroba. Si è riservato la possibilità di fare gli abbinamenti giusti, dal momento che le sfumature erano diverse, ammettendo in questo qualche ritardo. Ecco lo stylist Montella, che non sembra peraltro adatto al paragone con un sarto. E' più sottile Montella rispetto a Zaccheroni, che era più pacioccone, più mastino buono, più incassatore. Non è facile il lavoro di Montella, così come non lo è stato per Fassone e Mirabelli in estate. Prima le bandiere, poi il pubblico, poi il mercato in entrata, quindi quello in uscita. Tutto pancia a terra. Tempi rispettati e grande entusiasmo. Poi queste ultime settimane, questi giorni, in cui sembra impossibile di vivere momento che sembravano scongiurati da un grande mercato. C'è del ritardo? Certo che c'è. Ci sono dei problemi? Certo che ci sono. Ma Montella deve sentirsi molto stimolato dal risolvere tutto. Per lui è una partita a tressette niente male con la propria carriera. Milano negli ultimi anni ha indirizzato non ai vertici la carriera di diversi allenatori: Seedorf, Inzaghi, Brocchi e per certi versi Mihajlovic in casa Milan; Stramaccioni, Mazzarri, De Boer, Pioli in casa Inter. Non è come una volta, come quando i grandi (Sacchi, Capello, Ancelotti, Mourinho, Mancini, lo stesso Allegri) andavano a migliorare dopo Milan e Inter...Non avendo ancora vinto Champions o Scudetti, Montella, che si trova nel mezzo, rischia di trovarsi più vicino al secondo paniere piuttosto che al primo. E allora deve dare tutto, adesso. Non è stato facile per nessuno passare da consuetudini tanto diverse da una proprietà all'altra, lo si scorge anche sui volti di alcuni giocatori durante le inquadrature sulle panchine a gioco fermo o durante l'intervallo. Riparta da lì Montella, con l'apertura mentale che non gli manca affatto, e faccia una bella addizione: lo spirito e l'identità del Milan dell'anno scorso, che mancano, più la qualità e i valori del Milan di quest'anno, che ci sono ma sono rimasti sotto asticella nelle ultime partite. Se Montella riuscirà a sentirsi decisivo e non perseguitato e se gli sguardi torneranno da gruppo senza periferie, allora identità, gioco, gol ed entusiasmo torneranno a scorrere. Non bisogna mai dare nulla per scontato, minuto per minuto, nella vita di una squadra e se l'entusiasmo estivo ha reso tutti un po' più leggeri e sereni, il tempo per rimediare non è moltissimo ma c'è. Eccome se c'è.

Il sequel di Wall Street aveva come sommario: "Il denaro non dorme mai". Vero, anche in "Too big to fail, il crollo dei giganti" , lo si percepiva. Il calcio è diverso. E in qualche caso, anche eclatante, gli effetti del calciomercato, che si paga comunque con il denaro, fanno fatica a vedersi. Prima di alzarsi di buon umore, dormicchiano a occhi semichiusi, si stiracchiano, danno la sensazione che non sia giornata. E invece poi cambia tutto e da un certo momento della mattinata in poi si riparte di gran carriera. E' stato esattamente il caso di Edin Dzeko, un disastro il primo anno. Lento, involuto, scarico. Tanto che Spalletti, intervenuto al capezzale della Roma al posto di Garcia, lo usa con il contagocce preferendo El Shaarawy e Salah larghi e Perotti in mezzo. Poi però il certaldese non lo perde di vista, perchè gli effetti del mercato non si addormentino definitivamente sono necessarie anche di queste "fortune", e Dzeko rifiorisce. Un fiore oggi e un fiore domani ed ecco che a Londra la quercia domina un grande stadio. Dopo i mormorii con l'Atletico, la consacrazione di Stamford Bridede. E Dzeko è tornato l'airone che era a Wolfsburg. Doveva partire nell'estate 2016, idem la scorsa e invece sta riportando su la Roma. Lui è Immobile fra un mese se la vedranno nel derby.

No, non è riuscita e non è nemmeno piaciuta la voglia di facce di c...di Maurizio Sarri a Manchester. Lo splendido allenatore toscano se ne è uscito con una battuta infelice, poco rispettosa della lingua italiana e dello stile Champions, con, probabilmente, un vernacolo che agli impettiti funzionari del "Respect" europeo non deve essere per nulla piaciuta. Poi, nel primo tempo del City, si è visto che nemmeno il campo ha premiato. E nemmeno il secondo, perchè il Napoli ha fatto beneissimo ma non giocando da faccia di...Non da squadra che si toglie la soddisfazione di palleggiare, ma da squadra che rialza la testa dopo aver sofferto e si impegna per giocare a calcio. Deve stare molto attento Sarri perchè le facce di..., in senso di cattiveria sportiva e di cinismo da risultato, adesso gli stanno viaggiando verso casa sua. La esorcizzi il prima possibile quella frase e non la ripeta più, perchè certe facce non bisogna invocarle. Bisogna riconoscerle. E se le ritroverà di fronte, ciniche e toste, al calcio d'inizio di Napoli-Inter. Sarri paga pegno una seconda volta? Dipende da lui e dalla sua squadra, ma anche dall'avversario.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy