VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Napoli. ADL cerca di recuperare. Thohir, il giallo-thriller dei 60 milioni. Bacca, tocca agli Hammers salvare il mercato del Milan. Juventus, Pogba allo United nell'indifferenza generale

30.07.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 29593 volte

Higuain non doveva rispondere ad Aurelio De Laurentiis e doveva star lontano dal tentativo di mettere contro il suo ex presidente una città che comunque lui ha mollato secca. Non toccava a lui, proprio da Torino, con tutti i simboli della Juventus alle proprie spalle. Le parole dell'argentino hanno poi dato modo allo stesso presidente del Napoli non tanto di rispondere a lui, ma di tornare a parlare alla città. Crediamo a questo punto che sia opportuno risparmiare le fatiche. Sia da parte del grande attaccante che da parte del grande presidente. Napoli è stata clamorosamente ed ineluttabilmente delusa da entrambi. Napoli non meritava questa vicenda ed è giusto che non perdoni nessuno e non si faccia ipnotizzare da nessuno. Li abbiamo visti gli occhi sgranati dei napoletani, abbiamo percepito il tremore nella voce. Ma sì, insomma è andato vero? Certo che è andato e se n'è andato nell'unico modo possibile, in silenzio e quasi di nascosto. Perchè è stata fatta ai napoletani una cosa troppo grossa, troppo forte. Non c'era altro modo di congegnarla e altro modo di viverla. La città oggi si sente tradita da Higuain ed è stanca del proprio presidente. Non vogliamo essere crudi o saccenti, ma solo raccontare. Quella fra Higuain e De Laurentiis è una lite a due, non coinvolge e non divide i napoletani. Napoli ha preso atto, ha sofferto e ha chiuso gli occhi. Adesso non vuole sentire più niente e più nessuno.

Quando sono state diffuse nel pomeriggio di ieri le dichiarazioni di Thohir, pensavamo di avere capito male. Avevamo capito che nessuno può permettersi di andare dall'Inter e di prendere il suo bomber, il suo capitano. L'Inter si fa valere, l'Inter tiene duro, ha una nuova proprietà dirigista ed intransigente. Ce l'avevano raccontata così e l'avevamo capita così. Poi, ieri, il presidente Thohir. Beh, se superano i 60 milioni...Il numero uno dell'Inter è stato più diretto e meno coreografico del suo collega del Napoli, ma potrebbe essere stato frainteso. Nel corso della serata sono aumentate le voci di permanenza di Icardi all'Inter con relativo rinnovo. Poi cammin facendo, capiremo e verificheremo se, quando i soldi sono tanti, anche i valori, i principi, i toni forti si mettono comodi e si adeguano. Fino ad oggi, Wanda mette la faccia, Icardi non parla e non gioca, le due società si mandano messaggi. Se è una questione di principio o se una questione di iban fra Inter e Napoli o fra Icardi e Inter, le prossime ore e i prossimi giorni ce lo diranno.

Nell'Agosto del 2014 era Balotelli a tenere in scacco il mercato rossonero. Nell'Agosto del 2015 la stessa cosa è accaduta in simbiosi con il diradarsi delle interviste e delle apparizioni mediatiche di Mister Bee. Quest'anno siamo a Carlos Bacca, un ragazzo criminalizzato dai tifosi per alcune sue dichiarazioni ma che, comunque, è venuto al Milan, ha segnato 20 gol in partite ufficiali in una squadra che produceva pochi assist e adesso è al centro di una vicenda di mercato che vede la Società rossonera interessata all'operazione più o meno come lui. Il presidente Berlusconi non ha mai amato il suo gioco, e a dirla tutta nemmeno Mihajlovic, ma Bacca segna, eccome se segna. Tanto e da chirurgo. Se parte lui arrivano 3 giocatori, sembra abbia detto il numero uno del Milan nell'incontro con i tifosi ad Arcore. Il punto è proprio questo. Riepiloghiamo. Bacca non può andare all'Atletico Madrid perchè i colchoneros hanno una priorità (Diego Costa) e una alternativa (Gameiro) che non contemplano il colombiano; non al PSG perchè il Club francese ha scelto di puntare o su Lacazette o su Jesè e di non sconvolgere il settore degli extracomunitari; non al Siviglia perchè ha soffiato Luciano Vietto al Barcellona; non al Barcellona perchè il titolare della Seleccion di Pekerman non vuole appisolarsi mentre Suarez, Messi e Neymar mostrano miracoli; non al Napoli perchè Icardi eccetera eccetera, potremmo andare avanti all'infinito. Siamo sempre lì. Al West Ham. Da quando sono al corrente che il PSG non andrà su Bacca, gli Hammers hanno ripreso a sperare.

La Juventus è riuscita ad oscurare la partenza di Pogba. Colpo da maestri. A Torino hanno capito che il calciomercato è una questione di scelte di tempo, quando ce lo si può permettere economicamente. Se la prima mossa del mercato bianconero fosse stata la cessione del francese allo United, il messaggio alla propria gente si sarebbe tradotto in uno sconforto tale che il popolo bianconero non si sarebbe più ripreso. Invece aver fatto arrivare prima Dani Alves, Pjanic, Benatia, Pjaca e Higuain, ha fatto passare nelle brevi le notizie sul trasferimento di Pogba. Ma dov'è Paul, potrebbe dire qualche tifoso bianconero distratto il giorno del Raduno? Ah non c'è? Va bene dai, forza Pipita. A proposito, ma se Pjaca avesse saputo che sarebbe arrivato Higuain, avrebbe aspettato Bacca o sarebbe andato a farsi oscurare da Higuain? Questo non se lo chiede il tifoto juventino sotto il sole del Raduno bianconero. Questo ce lo chiediamo e lo chiediamo noi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.