HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà il Mondiale?
  Germania
  Brasile
  Spagna
  Argentina
  Portogallo
  Francia
  Belgio
  Inghilterra
  Altro

Editoriale

Napoli, che spavento. Ma il sogno è lontano. Milan, 2021 volte "Grazie Rino". Da Cagliari a Verona, da Sassuolo a Bologna... quando i DS mettono in crisi i Mister

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.04.2018 10:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 21873 volte

Erano, ormai, pronte trombette e sciarpe bianconere per iniziare la festa scudetto della Juventus. A consegnarlo, virtualmente, ai bianconeri era paradossalmente l'alleato del mercato del Napoli: il Chievo Verona che non poteva permettersi regali di primavera. Che spavento per Sarri. Sarebbe stata la beffa della stagione. Abbandonare definitivamente il sogno scudetto, in casa, con il Chievo. Ha pareggiato a due minuti dalla fine e ha vinto nel recupero. Il Napoli ha festeggiato come se avesse vinto il titolo. Sicuramente non l'ha vinto, anzi, la distanza dalla Juventus resta quasi incolmabile ma almeno il sogno è ancora nel cassetto e non nella pattumiera. Lì è finito, invece, il Chievo Verona che con la società che si ritrova e il consolidamento della categoria non meriterebbe una posizione così pericolosa. Il Presidente Campedelli ci mette anima, sudore e soldi. Quando, però, sbagli la scelta degli uomini in società ne paghi le conseguenze sul campo. Il Napoli, difficilmente, vincerà lo scudetto ma paradossalmente da una vittoria che doveva essere considerata scontata con il Chievo Verona può trarre una nuova spinta per il finale perché galvanizzato da un successo che, ormai, sembrava perso. Il successo di ieri, comunque, certifica due/tre cose fondamentali. I fischi del San Paolo, sullo 0-1, rivelano che i tifosi ci credono sempre meno al grande obiettivo. Secondo: Insigne è in netto calo. Terzo: Milik deve giocare, semplicemente, perché è quello che ha più benzina lì davanti. Il Napoli non è morto, ci mancherebbe, ma fa una fatica pazzesca. Dimostrazione che per questi grandi traguardi non è ancora pronto al 100%. Anche Allegri i punti li ha persi ma quasi tutti nel girone di andata, quando c'è ancora tempo e margine per recuperare. I campionati, dalla A alla D, si vincono ad aprile. Adesso. A Torino lo sanno bene. A Napoli sono arrivati con il fiatone. Domenica c'è il Milan a San Siro. Una trappola pericolosa che potrebbe anche essere sanguinosa.
Gattuso festeggia il rinnovo con la sua squadra del cuore fino al 2021 ed è il premio alla meritocrazia per lui e tutto il suo staff. Non è stato il solito "raccomandato" dalla carriera da calciatore. Ha fatto il giro del mondo, della C e della B italiana. Quando il Milan ha chiamato ha accettato, con oneri e onori, la Primavera rossonera malandata dalla cura Nava. Sicuramente, nella sua vita, Gattuso potrà dire che nessuno mai gli ha regalato qualcosa. Da calciatore e da allenatore. Aggiungerei anche da imprenditore. Ha accettato uno stipendio da allenatore di bassa serie B, pur di tornare a Milanello. Adesso è tornato su stipendi da serie A ma, prima, ha dovuto rivalutare il parco calciatori del Milan e il mercato di Mirabelli. La grande collaborazione Mister-Direttore ha aiutato il Milan a risollevarsi anche se adesso la squadra sembra pagare il grande sforzo fatto negli ultimi 3-4 mesi. Il rinnovo è stato meritatissimo. Ora, per Gattuso, inizia il compito più difficile. Programmare la prossima stagione. Questa squadra non ha bisogno di una rivoluzione, già fatta la scorsa estate, ma necessita di puntelli fondamentali. Un esterno a sinistra, perché Rodriguez sembra il cugino di quello visto in Germania, serve un terzino destro che faccia coppia con Conti (Calabria da rivedere), una mezzala fisica e sicuramente una prima punta con sette P maiuscole. Un Belotti o un Immobile. Insomma, un italiano al centro dell'attacco. Da rivedere anche la posizione di Suso. Sia tattica che contrattuale. Se vuole giocare da Suso ben venga, altrimenti meglio cambiare aria.
Intanto, in serie A, la corsa più bella è diventata quella per la salvezza. Tutti in pista. Tutti a rischio. Il Benevento saluterà, ben presto, la serie A. Con onore da quando è arrivato De Zerbi ma pur sempre rimane una comparsa nella élite del calcio italiano. Squadra sbagliata in estate, come sbagliata fu la conferma di Baroni su una panchina di serie A. E' il primo anno che, però, le società pagano più per gli errori dei direttori che per quelli degli allenatori. Unica eccezione, Verona, sponda Hellas dove il concorso di colpe Fusco-Pecchia è 50-50. A Fusco va dato almeno il premio dignità. Dimissioni dopo Benevento. Pecchia resta in sella, vince con il Cagliari e spera nel miracolo salvezza. Fusco l'ha difeso anche quando sbagliava la strada per andare in bagno, lui è rimasto per conto suo senza seguire l'unico difensore sul quale poter contare. Pecchia porterà lentamente il Verona in B. Lentamente ma la strada è quella. Fusco ha sbagliato due cose: a prendere Pecchia e a confermare Pecchia. Gli errori sul mercato li commettono tutti. A rischiare di retrocedere sono quei Presidenti che hanno cannato, completamente, il Direttore. Il Chievo, un esempio. Maran, da anni, è sulla cresta dell'onda. Lo voleva la Fiorentina ma a Verona, giustamente, se lo sono tenuti stretto. E' arrivato Romairone e ha deprezzato anche il valore di Maran. Non tanto per gli errori commessi sul mercato ma per la non gestione della squadra. Il Direttore, ai tempi del 2018, non deve essere bravo a fare la collezione delle figurine. Chi viene e chi parte. Deve essere bravo nella gestione del quotidiano. Stesso errore a Cagliari. Passare da Capozucca a Rossi è come passare il sabato a cena con la Canalis e poi la domenica vai a pranzo con Iva Zanicchi. Rossi è un ottimo professionista ma non è un Direttore Sportivo. Ottimo osservatore. Il DS fa un altro mestiere. Esonerare Rastelli è stato un errore clamoroso. Abbiamo avuto la controprova di quanto vi abbiamo sempre scritto. Rastelli ha riportato in A il Cagliari e ha realizzato il record di punti in A. Non meritava l'esonero e, oggi, se venisse richiamato sarebbe l'unica strada percorribile. Le colpe non sono di Lopez ma questa squadra la può salvare solo chi la conosce bene. A Bologna è finito il ciclo Bigon. Ma quando è cominciato? Donadoni è un ottimo allenatore ma con Bigon sembra diventato Oronzo Canà. Tranquilli, via da Bologna Bigon troverà un'altra serie A. Tempo zero. Miracoli della fede. Andiamo in pace. A Sassuolo l'annata, ormai, è andata ma Carnevali deve pensare al sostituto e provvedere al dopo Angelozzi. Prendere Bucchi e costruirgli la squadra al contrario è stato un suicidio. Anche qui abbiamo avuto le prove post. Troppi calciatori con contratti lunghi, gente con la pancia piena e gli intoccabili di Squinzi che devono giocare anche se camminano con mezza gamba. Questa stagione servirà come esperienza soprattutto ai Presidenti. Le scommesse si possono fare, certo, ma in campo e non dietro la scrivania...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma, fatta per Kluivert, il Napoli pensa a Praet se va via Hamsik. Juventus e Inter pronte all’assalto su Chiesa 09.06 - La rivoluzione di Monchi è già cominciata. Spazio alla linea verde, un progetto iniziato già l’anno scorso con l’arrivo di due grandissimi prospetti come Ünder e Schick. Il ds giallorosso, dopo aver piazzato anche il colpo Cristante, ora è pronto a chiudere per Justin Kluivert, talento...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa 08.06 - Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy