VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Napoli-Juve da brividi. Taglialatela vergogna, istiga alla violenza. Lotito sponsorizza Libera, perché proprio ora? Sarri ha ragione, applausi a Higuain

31.03.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23393 volte
© foto di Federico De Luca

Sulla ’Ndrangheta e l’inchiesta che vede coinvolta la Juventus, sono stato fin troppo facile profeta. I segnali di barbarie provenienti da troppe parti del tifo, ma non solo, erano chiari. Da qualunque parte si stia, è inaccettabile che passi la proprietà transitiva, se alcuni tifosi della Juve sono mafiosi, anche la Juve è mafiosa. Non si può trattare Agnelli come un nuovo Totò Riina solo in nome e per conto della rivalità sportiva. Siate seri se potete.

La giustizia sportiva farà il suo corso, se i dirigenti della Juve hanno violato il codice che vieta rapporti anomali con i club dei tifosi è giusto che paghino duramente. Il resto è fuffa, ma anche calunnia. E definire vergognoso l’atteggiamento dell’onorevole Taglialatela è poco. Il membro della commissione antimafia si è fatto fotografare con la sciarpa del Napoli e la scritta "Juve mer…". Potrebbe essere una goliardata, ma a un onorevole non è consentito dimenticare di far parte delle istituzioni e di una commissione delicatissima: è andato troppo oltre. Ha espresso e confermato pubblicamente concetti pesantissimi contro la Juve che io non ripeto, fanno parte di una cultura del sospetto e della gratuita voglia di diffamazione che non mi appartengono. Oltretutto parole inammissibili quando sei un onorevole della Repubblica, ancora più gravi alla vigilia di due sfide Napoli-Juve ad alta tensione, già cariche di significati sportivi e non solo. Taglialatela si rende conto di quello che ha detto, sa che le sue parole potrebbero diventare fuoco in una polveriera?

Mi meraviglio che in ambito istituzionale nessuno abbia preso posizione in maniera dura e netta, evidentemente i nostri politici non capiscono l’importanza dello sport e la sua incidenza sociale. Aspetto ancora che l’onorevole Rosy Bindi, di solito attenta a tutte le sfumature, chieda la testa di Taglialatela, uno così non può far parte di una commissione delicata che sta facendo luce anche sulla vicenda che ha toccato Juventus, ma non soltanto. Le parole di Taglialatela (se i membri dell’antimafia sono questi…) portano discredito a tutto il lavoro della Bindi e di questo deve esserne conscia per prima lei stessa. Sia chiaro, direi le solite cose se qualche onorevole tifoso della Juve avesse parlato senza logica, diffamando il Napoli o qualsiasi altra società. Non è consentito, le istituzioni non possono essere il bar sport.

Spero solo che i tifosi napoletani nei comportamenti e nelle analisi siano più intelligenti di certi loro presunti rappresentanti e fra domenica e mercoledì mi aspetto due grandi partite e grandi appuntamenti di calcio.

Torna Higuain a Napoli e anche qui spero, anzi ne sono certo, prevarrà la sportività.

Sono d’accordo con Sarri: l’argentino va applaudito. Al Napoli ha dato tutto, il record dei 36 gol resterà nella storia del club e della città. Non è stato lui a mettere la clausola rescissoria e comunque gli anni napoletani sono stati bellissimi e intensi per tutti. La generosità e la superiorità dei napoletani si deve vedere anche in queste situazioni. E poi è anche grazie a Higuain se De Laurentiis è riuscito a comprare altri giocatori importanti per consentire al Napoli di restare ai vertici del calcio italiano e adesso anche europeo. E’ una storia d’amore finita male, ma sempre di storia d’amore trattasi. Non roviniamola. E poi, secondo me, al Napoli non conviene stimolare l’orgoglio di un grande campione.

Tornando alla vicenda Juve-‘Ndrangheta, mi ha fatto riflettere amaramente la decisione di Lotito di mettere sulle maglie della Lazio il marchio della associazione antimafia Libera di don Ciotti. Non voglio pensar male e non voglio scimmiottare Andreotti, ma la tempistica è curiosa. Conoscendo i rapporti Lotito-Juventus potrebbe perfino essere sospetta….Riflettete gente, riflettete.

Passando invece al mercato, si è parlato molto di Verratti che ha voglia di lasciare il Psg. La Juve si è mossa da tempo intrattenendo ottimi rapporti con il procuratore Di Campli, ha perfino comprato a peso d’oro Orsolini dell’Ascoli, anche lui della stessa scuderia. Poi su Verratti si è buttata anche l’Inter, il signor Zhang ha risorse illimitate. Chi la spunterà? Ora che si è mosso anche il Barcellona, va a finire che fra i due litiganti, Verratti va in Spagna. A insistere perché il Barca acquisti il piccolo italiano è in particolare Iniesta che vede in Verratti l’unico in grado di prendere la sua eredità. E con le risorse e l’appeal del Barca è difficile competere….Vedremo.

Paradossalmente per i bianconeri oggi sembra più facile arrivare a Bernardeschi che a Verratti, uno degli altri grandi obiettivi. Buffon è il suo grande sponsor, ma piace moltissimo anche ad Allegri che pensa di utilizzarlo nei tre dietro a Higuain. L’entourage del giocatore non vuole firmare il rinnovo proposto dalla Fiorentina e anche se il contratto scadrà nel 2019, senza rinnovo l’estate prossima, la società viola andrebbe in difficoltà. I due milioni proposti sono tanti per la Fiorentina, ma poco in assoluto per le grandi del pallone. E forse anche per Bernardeschi. Oltre alla Juve lo vogliono fortemente il Chelsea, l’Inter, ma anche Braida ha fatto un sondaggio con Corvino a nome del Barcellona. Tenere a forza per un altro anno il giocatore a Firenze avrebbe poco senso, solo fumo negli occhi, e allora se davvero il ragazzo vuole andar via, tanto vale provare a scatenare un’asta, fare grande cassa e reinvestire il tutto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alex Sandro vale 70 milioni, chissà quanto valeva Cafù. Troppi giovani non fanno vincere niente, così come spendere soldi. Donnarumma è solo un portiere, Spalletti un allenatore. De Laurentiis non può decidere per tutti 25.06 - Il candidato svolga, al netto dell'attuale situazione patrimoniale, le quotazioni di mercato dei seguenti calciatori. Berardi, Bernardeschi, Alex Sandro, Salah, Manolas, Belotti, Pellegri. Niente di più semplice per chi segue un pochino il chiacchiericcio che negli ultimi giorni si...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.