HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Milan punta su Pioli: la scelta vi convince?
  Si, è l'allenatore giusto
  No, era meglio confermare Giampaolo
  No, serviva un altro allenatore

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli, primi contatti con Mertens per il rinnovo. Situazione Pogba da monitorare. Monchi merita fiducia, Pastore ha tutto per diventare una grande mezzala ma serve tempo. Rabiot può diventare un’idea concreta per il Milan a gennaio

08.09.2018 07:35 di Niccolò Ceccarini  Twitter:    articolo letto 18539 volte

Il Napoli è al lavoro per pianificare il futuro. Giuntoli non si ferma un attimo ed è molto attivo sul fronte rinnovi. Vi ho parlato di quelli di Koulibaly e Zielinski, un’altra priorità è Mertens, che ha il contratto in scadenza nel giugno 2020. Il belga rimane un giocatore importantissimo è il Napoli vorrebbe prolungare il matrimonio con Dries magari cercando di eliminare la clausola rescissoria di 28 milioni di euro. Insomma lavori in corso. Il mercato è finito da pochissimo ma già si guarda a gennaio. Dall’Inghilterra continuano a rilanciare l’idea di un clamoroso ritorno di Pogba a Torino. Che l’avventura di Paul allo United non sia stata delle migliori è sotto gli occhi di tutti. Il centrocampista francese non ha mai raggiunto i livelli in bianconero, però da qui a parlare di un possibile trasferimento la strada da fare non manca. Però è una situazione da monitorare. A proposito di Juventus, c’è da sottolineare la scelta coerente di Marchisio. Dopo 25 anni in bianconero ha scelto di ripartire dall’estero, dallo Zenit San Pietroburgo, dove potrà togliersi altre soddisfazioni. In italia qualche tentativo c’è stato ma Marchisio per ragioni di cuore non avrebbe mai preso in considerazione altre ipotesi. Trovo eccessive le critiche a Monchi per gli acquisti fatti in estate. Kluivert, Coric, Zaniolo e N’Zonzi sono state tutte operazioni giuste. Non dimentichiamo che la Roma aveva praticamente preso Malcom. Casomai le mie perplessità sono su Olsen e Pastore, ma non per le qualità dei giocatori. Il Flaco non si discute, basti pensare al gol magnifico segnato all’Atalanta, il problema è di natura tattica, perché un fantasista come lui fa fatica a stare nei tre di centrocampo o là davanti. E se Di Francesco continua a puntare sul 3-4-3 o 4-3-3 diventa dura. Sono convinto che Pastore possa diventare una grande mezzala, ma ci vuole tempo. Quanto a Olsen è chiaro che il paragone con Alisson è ingeneroso. Il nostro campionato è difficile e probabilmente serviranno un paio di mesi per capire se la Roma ha preso il portiere giusto oppure no. Poi c’è il capitolo Shick. Di Francesco sta provando a farlo coesistere con Dzeko ma penso che lo slovacco sia un centravanti e abbia bisogno di partire in questa posizione per esprimere il meglio di sé. Ma ora tocca anche a lui dimostrare il suo valore. Quando inizierà la Champions ci sia turnover con Dzeko e quella per lui sarà la vera prova del nove. Infine il Milan. La sessione estiva si è conclusa con l’arrivo di Bakayoko a centrocampo, ma probabilmente serve ancora qualcosa per coltivare le ambizioni Champions. E allora ecco che per gennaio una grande occasione potrebbe essere rappresentata da Rabiot, che ha il contratto in scadenza nel giugno 2019. Se in questi mesi non dovesse raggiungere un accordo per rinnovare con il Paris Saint Germain allora potrebbe anche partire. Leonardo lo conosce molto bene e sarebbe davvero un ottimo investimento. Occhio però anche alla Juventus, che sui parametri zero è sempre molto attenta. L’affare Emre Can è l’esempio più lampante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Genoa-Milan, un sabato di passione. Ultima chiamata per Giampaolo ma l’eventuale sostituto resta un rebus. Ai rossoneri serve un leader alla Ribery. Inter, contro la Juventus  ancora fiducia a Lautaro, Ramsey la chiave tattica di Sarri 05.10 - C’è una partita che vale una stagione o quasi. Dopo 6 giornate di campionato Genoa-Milan è uno spartiacque per Andreazzoli e Giampaolo. Ed è incredibile soprattutto la situazione del Milan Il rendimento dei rossoneri è inspiegabile, 2 vittorie e 4 sconfitte, le ultime 3 consecutive,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, sfida totale alla Juve. Torna Lukaku con Politano, Ronaldo con Higuain e Ramsey. Sarri-Conte dall’Arezzo allo scudetto. Milan, confusione totale: Elliott deve vendere nonostante le smentite. Insigne, ecco cosa è successo con Ancelotti 04.10 - Sarri e Conte, due allenatori che dodici anni fa non riuscirono a salvare l’Arezzo dalla retrocessione in serie C, domenica si ritrovano a ragionare di scudetto. E’ un’altra bella storia o favola, fate voi, confezionata dal Dio del Pallone. Quell’anno si divisero il lavoro su una...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La lezione di Barcellona, (antipasto prima della Juve) e il rammarico del Napoli: le prestazioni non valgono allo stesso modo 03.10 - Solo la Juve fa risultato pieno con una prestazione convincente in questa due giorni di Champions, ma la prestazione dell’Inter a Barcellona deve essere valutata al di là del risultato. Perché è vero che nel finale è calato il ritmo, e che nel secondo tempo i blaugrana hanno registrato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510