VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Napoli, tra De Laurentiis e Benitez difetto di comunicazione sul mercato. L'inspiegabile acquisto di Michu e la necessità di spendere a gennaio. Lavezzi, segnale di rinnovo per Benitez...o no?

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
30.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 20883 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il campionato procede a strappi e l'Europa regala una qualificazione senza troppe emozioni. La storia racconta di una stagione che ristagna nella melma della mediocrità nella quale il Napoli emerge suo malgrado, per la competitività di un gruppo che meriterebbe qualcosa in più del terzo posto in serie A e di un girone di Europa League finito tra gelo e sbadigli. Già rassegnati ad una stagione da primi tra quelli che non possono permettersi lo scudetto? E' una sensazione fastidiosa ancorchè presente, con le grandi vittorie alternate a pareggi e sconfitte la cui ratio sfugge a tutti. Finanche a Benitez, apparso infuriato a Praga così come mai lo si era visto nelle sue altre esperienze da coach. Il Napoli sembrerebbe un caso da studiare all'Università, la cui soluzione non è stata trovata nemmeno dal maestro castigliano che da un anno e mezzo a questa parte ripete: "bisogna migliorare intensità e concentrazione". Ma quanto tempo occorre? Se dopo 500 giorni di lavoro intenso e maniacale, don Rafè non ha risolto ancora il problema, allora il caso è talmente grave che necessita di un'operazione di trapianto, lì dove gli errori si perpetuano. Per dirla in termini di calcio, bisogna comprare rinforzi. Ma non una cosuccia così, bensì quei nomi costosi e blasonati che il club non si è potuto (o voluto?) permettere dopo l'esclusione della Champions. Chissà, forse ci sarà stato un difetto di comunicazione tra Benitez e De Laurentiis: il primo immaginava che dalla casse del Napoli potessero uscire ogni anno un centinaio di milioni di euro per il mercato, il secondo pensava che Benitez sapesse ridurre il gap con Juve e Roma anche un mercatuccio poco dispendioso come quello di questa estate. E' difficile sapere chi ha ha spiegato o capito male, ma lo sapremo presto. Ben prima della fine del campionato, quando arriverà il punto di non ritorno sulla firma che il presidente chiederà a don Rafè di apporre al contratto per altri due anni. Oggi come oggi, le probabilità di permanenza nel Napoli si affievoliscono sempre di più e di recente si sono arenate sull'infortunio di Michu. Un acquisto inspiegabile, soprattutto per De Laurentiis, e non di certo a causa delle qualità di un attaccante che fino a due stagioni fa aveva segnato a ripetizione. Inspiegabile perché era risaputo che l'ex Swansea era reduce da una stagione funestata da due infortuni e bisognoso di un lavoro accurato, lungo, per tornare in una condizione dignitosa. Perché lui e non un altro attaccante, da scegliere tra quelli che non avevano partecipato al Mondiale e pronto a fare la differenza nel doppio, decisivo match contro l'Athletic Bilbao? E' un mistero, anche costoso, sul quale si sono levate diverse riflessioni tra le parti che ora avranno il dovere di accantonare i personalismi e impegnarsi affinchè nella rosa del Napoli arrivi a gennaio ciò che non è stato possibile prendere ad agosto. Se non si fosse capito, ora serve uno sforzo. Un esborso economico sostanzioso, perché si può, alla luce del risparmio estivo; perché si deve ad una tifoseria spiazzata dai risultati stagionali. Nessuno sa se si può essere felici oppure se sta andando tutto male, in quel gioco del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto che da sempre è sinonimo di qualcosa che di certo non va benissimo. Bisogna investire, ma neanche tanto per l'istinto di provare ad inseguire Juventus e Roma in testa alla classifica. Bisogna farlo per la necessità di potenziare sempre di più l'organico di una squadra salita al 24esimo posto nel ranking Uefa, quarta squadra italiana dopo Milan, Juventus e Inter, che deve blindare il terzo posto per poi giocarsi i prossimi preliminari di Champions con una consapevolezza e un organico tali da essere certi che non si fallirebbe per la seconda volta di fila. Il mercato di gennaio come cartina di tornasole per il futuro del Napoli, come sistema per convincere Benitez a firmare il rinnovo del contratto. Dai nomi che arriveranno sapremo cosa ne sarà del coach. E se De Laurentiis riportasse Lavezzi a Napoli, un attaccante devastante, ma anarchico nelle indicazioni sul rispetto rigoroso di un modulo, sarebbe il segnale del prolungamento di don Rafè oppure no?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.