HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere della Serie A 2018/19?
  Cristiano Ronaldo
  Gonzalo Higuain
  Mauro Icardi
  Ciro Immobile
  Edin Dzeko
  Dries Mertens
  Paulo Dybala
  Gregoire Defrel
  Arkadiusz Milik
  Duvan Zapata
  Krzysztof Piatek
  Mario Mandzukic
  Leonardo Pavoletti
  Altro

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli, troppi campanelli d'allarme. Milan, fidati di Rino. Non ci meritiamo Ronaldo in Italia. Gasp, un "Sarto" su misura. Mancini e le convocazioni con la benda. 22 ottobre: Gravina-Sibilia, unitevi per la vittoria

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
03.09.2018 11:40 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34284 volte
© foto di Federico De Luca

Due settimane fa lunedì scorso mi hanno scritto, dopo l'editoriale, diversi tifosi del Napoli. "Ma come vinciamo con Lazio e Milan e non scrivi nulla? Ma come parli del Milan e non del Napoli?" Vi confesso che quando scrivo, provo a leggere le partite, e non a giudicare il risultato. In Italia abbiamo la brutta abitudine di mettere 7 ad un calciatore che segna ma non vede la palla per 89 minuti e sappiamo solo magnificare una squadra perché ha vinto o dannarne un'altra perché ha perso. Non c'è cosa più sbagliata: perché, allora, bisognerebbe cambiare opinione una volta a settimana. L'Inter era in crisi, sette giorni fa, il Milan faceva ridere i polli e il Napoli era l'unica anti Juventus. Facciamo un'altra premessa: le prime tre giornate di campionato, a mio avviso, non fanno testo. Dopo la sosta iniziano ad emergere i primi valori e prima di metà ottobre non si può giudicare nulla. Proviamo a farlo adesso, consapevoli che ogni giudizio è affrettato e senza senso. Il Napoli è andato sotto a Roma con la Lazio, di due gol con il Milan e ha perso 3-0 con la Sampdoria. Passi per le due reazioni che hanno dimostrato carattere e personalità, ma questo Napoli non può essere osannato. Per questo motivo, nelle settimane precedenti, non ho scritto nulla del Napoli; perché si salvavano solo risultato e reazione. In difesa Ancelotti concede troppo e l'attacco non è più quello di due anni fa o dello scorso anno. Non è, certamente, un Napoli da buttare ma confermiamo le sensazioni di fine mercato. Così questa squadra non può essere considerata l'anti Juventus.
Al contrario avevano, invece, già portato i fiori sulla tomba di Gattuso. Rino, grattati. Crisi Milan! La prima non l'ha giocata, la seconda vinceva 0-2 a Napoli e poi ha perso per difetto di personalità e alla terza ha vinto in extremis con la Roma. Sicuramente non è ancora un Milan brillante, sicuramente non è una squadra da primo posto ma può essere, senza problemi, una delle 4 partecipanti alla prossima Champions League. Di fatto è l'obiettivo stagionale. Gattuso non gode di ottima stampa. Su di lui regna troppo pessimismo ma è ignoranza perché si giudicano sempre persone e professionisti che non si conoscono. Gattuso riesce a tirare fuori dai suoi calciatori sempre il 110%. Sta facendo esperienza in una grande squadra ma anche il tanto osannato Conte, dopo Bari, doveva fare esperienza alla Juve. Con la differenza che quella squadra era già piena di campioni. Qui, invece, vanno formati e accompagnati. Il Milan gioca bene, poi quel deficiente dalla panchina toglie Bonaventura e mette Cutrone, con un cambio vince la partita e nessuno sottolinea quanto abbia inciso l'allenatore. Se avesse sbagliato il cambio, in prima pagina ci sarebbe stata la foto di Conte con Casa Milan alle spalle. La differenza tra il primo Conte e il Gattuso di oggi è solo la società. Conte arrivò in una Juventus fortificata dagli schiaffi dell'anno prima, Gattuso si è ritrovato a salvare una barca fatta affondare da Montella e tutta un'estate ha gestito una marea di guai nel cambio dirigenziale. Faceva la squadra con Mirabelli e da sotto l'ombrellone gli hanno detto che avrebbero cambiato tutti i suoi interlocutori. Conte, in questa situazione, avrebbe già chiesto soldi per andare via.
Siamo un Paese che non merita nulla. Lo dico davvero. L'Italia non merita Ronaldo. Siamo talmente bravi, professori, allenatori, direttori e Presidenti che addirittura discutiamo Cristiano Ronaldo. Il fatto di non aver fatto ancora gol, con la Juventus, sembra una macchia sul portoghese come se uno così debba dimostrare qualcosa a qualcuno. Ci meritiamo che i campioni stiano lontani dalla serie A. Torniamo alle prime righe di questo editoriale. Se Ronaldo avesse segnato di piatto destro, all'esordio, da due metri staremmo parlando del Fenomeno che lancia la Juventus a punteggio pieno. Non ha fatto ancora gol, qualcuno addirittura lo mette in discussione. Discutiamo il più grande del mondo che con il Real Madrid ha vinto tutto, come premi di squadra e personali, e la Uefa ha dovuto cambiare premi per non annoiarci con questo CR7 che fa meno notizia da quando è alla Juventus. Non scherziamo. Alla ripresa del campionato, quando inizierà a fare i suoi gol, gli stessi che oggi lo criticano scriveranno che è il vero affare degli ultimi 122 anni. Equilibrio zero, giudizi affrettati e chiediamo scusa a Ronaldo se lo abbiamo fatto diventare una pippa in tre settimane.
Anche qui, parlando di Atalanta, non vogliamo fare il funerale senza avere il morto ma una cosa possiamo dirla: Gasperini prima di dire come fare il mestiere a Sartori avrebbe fatto meglio a pensare al suo orticello. Fossi nel DS, oggi andrei nello spogliatoio e chiederei a Gasp conto delle formazioni che ha schierato, della preparazione che ha fatto e della precoce eliminazione in Europa League. Attenti: a maggior ragione dopo l'eliminazione europea, la Dea farà un ottimo campionato, perché Gasperini avrà l'intera settimana per lavorare. Mica poco. Ma, per questa falsa partenza, sarebbe da ricordare a Gasperini che prima di infangare il suo Direttore sarebbe opportuno pensare al proprio lavoro e al rispetto dei ruoli.
Non ci interessa la Nazionale quando resta fuori dal Mondiale, figuratevi se nell'editoriale parliamo oggi di questa Italia che non serve a nulla. Una sola veloce considerazione. Mancini le convocazioni, per caso, le ha fatte con i bussolotti? Va bene che sono convocazioni-test ma, una volta, dovevi dimostrare il tuo valore prima di andare a Coverciano. Oggi c'è la moda di chiamare tutti subito e si perde anche il valore della convocazione. Nulla contro i ragazzi convocati dal Mancio ma poi non lamentiamoci di scarsa appartenenza all'azzurro. Arrivare in Nazionale deve essere la chiusura di un cerchio e un punto di arrivo. Adesso, per colpa dei vari C.T., sta diventando un assurdo punto di partenza.
Una piccola riflessione sulla politica del calcio. Il 22 ottobre, forse, finalmente avremo un Presidente Federale. Questa volta ci affidiamo a Gravina e Sibilia per dare un Presidente al nostro calcio. Bastava poco, la volta scorsa. Un accordo C e D e avremmo evitato seconde (seconda) squadre, mercato chiuso al 17 agosto e Leghe che decidono di cambiare format in piena autonomia. Tommasi ha confermato, in sede di elezioni, che comando più io a casa con mia moglie che lui nel sistema. Non prende mezza decisione e sale sempre su cavalli zoppi. La svolta può essere una sola... E la strada è quella giusta: alleanza Gravina-Sibilia e via con la governance. Altre soluzioni non esistono. Si devono mettere d'accordo sui ruoli e poi ci siamo. La coppia sarebbe perfetta. Gravina e Sibilia sono gli unici che stanno provando a salvare il nostro calcio e non cambiano idea ogni due minuti. Fanno le riforme, cambiano le regole, ma in sintonia e soprattutto rispettando i paletti imposti dalla FIGC. Insieme possono fare un gran lavoro. La C, con Gravina, ha cambiato marcia. Sibilia, dopo qualche mese di apprendistato in LND, sta cambiando volto alla Lega. Contratti pluriennali, base di ingaggio più alta e ottima gestione delle big fallite e finite in D. Entrambi hanno ottimi collaboratori e se le squadre di Gravina e Sibilia si metteranno allo stesso tavolo usciremo dalla crisi. Il 22 ottobre c'è solo una strada: quella della sinergia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta 11.09 - Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”)....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola, Sacchi ha fatto la storia, tu i soldi in Italia e vivi nel Principato. Rischio concreto di un campionato a senso unico. Sentenza B tra oggi e domani: una macchia eterna in un sistema che salva solo Gravina e Sibilia 10.09 - Volevo ringraziare pubblicamente Mino Raiola. Non sapevo proprio cosa scrivere questo lunedì, in assenza di notizie, campionato e mercato. Ho ragionato per giorni ma cose originali e sensate non me ne venivano in mente. Poi leggo le dichiarazioni di Mino e lo ringrazio perché anche...

EditorialeDI: Marco Conterio

Dallo Stadium a CR7, da First Team alla U23. I motivi per cui Totti ha consegnato il titolo alla Juventus. Il Manchester City e Guardiola intanto stravolgono il modo di raccontare il calcio 09.09 - In principio è stata la Juventus, con il docu-film prodotto da Netflix, First Team. Archetipo del dietro le quinte di quel che c'è nel lavoro d'ogni giorno che avviene a telecamere spente. I giocatori che si confidano, le discussioni nell'alveo dello spogliatoio. E' stata una primogenitura...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy