HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli, troppi campanelli d'allarme. Milan, fidati di Rino. Non ci meritiamo Ronaldo in Italia. Gasp, un "Sarto" su misura. Mancini e le convocazioni con la benda. 22 ottobre: Gravina-Sibilia, unitevi per la vittoria

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
03.09.2018 11:40 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34531 volte
© foto di Federico De Luca

Due settimane fa lunedì scorso mi hanno scritto, dopo l'editoriale, diversi tifosi del Napoli. "Ma come vinciamo con Lazio e Milan e non scrivi nulla? Ma come parli del Milan e non del Napoli?" Vi confesso che quando scrivo, provo a leggere le partite, e non a giudicare il risultato. In Italia abbiamo la brutta abitudine di mettere 7 ad un calciatore che segna ma non vede la palla per 89 minuti e sappiamo solo magnificare una squadra perché ha vinto o dannarne un'altra perché ha perso. Non c'è cosa più sbagliata: perché, allora, bisognerebbe cambiare opinione una volta a settimana. L'Inter era in crisi, sette giorni fa, il Milan faceva ridere i polli e il Napoli era l'unica anti Juventus. Facciamo un'altra premessa: le prime tre giornate di campionato, a mio avviso, non fanno testo. Dopo la sosta iniziano ad emergere i primi valori e prima di metà ottobre non si può giudicare nulla. Proviamo a farlo adesso, consapevoli che ogni giudizio è affrettato e senza senso. Il Napoli è andato sotto a Roma con la Lazio, di due gol con il Milan e ha perso 3-0 con la Sampdoria. Passi per le due reazioni che hanno dimostrato carattere e personalità, ma questo Napoli non può essere osannato. Per questo motivo, nelle settimane precedenti, non ho scritto nulla del Napoli; perché si salvavano solo risultato e reazione. In difesa Ancelotti concede troppo e l'attacco non è più quello di due anni fa o dello scorso anno. Non è, certamente, un Napoli da buttare ma confermiamo le sensazioni di fine mercato. Così questa squadra non può essere considerata l'anti Juventus.
Al contrario avevano, invece, già portato i fiori sulla tomba di Gattuso. Rino, grattati. Crisi Milan! La prima non l'ha giocata, la seconda vinceva 0-2 a Napoli e poi ha perso per difetto di personalità e alla terza ha vinto in extremis con la Roma. Sicuramente non è ancora un Milan brillante, sicuramente non è una squadra da primo posto ma può essere, senza problemi, una delle 4 partecipanti alla prossima Champions League. Di fatto è l'obiettivo stagionale. Gattuso non gode di ottima stampa. Su di lui regna troppo pessimismo ma è ignoranza perché si giudicano sempre persone e professionisti che non si conoscono. Gattuso riesce a tirare fuori dai suoi calciatori sempre il 110%. Sta facendo esperienza in una grande squadra ma anche il tanto osannato Conte, dopo Bari, doveva fare esperienza alla Juve. Con la differenza che quella squadra era già piena di campioni. Qui, invece, vanno formati e accompagnati. Il Milan gioca bene, poi quel deficiente dalla panchina toglie Bonaventura e mette Cutrone, con un cambio vince la partita e nessuno sottolinea quanto abbia inciso l'allenatore. Se avesse sbagliato il cambio, in prima pagina ci sarebbe stata la foto di Conte con Casa Milan alle spalle. La differenza tra il primo Conte e il Gattuso di oggi è solo la società. Conte arrivò in una Juventus fortificata dagli schiaffi dell'anno prima, Gattuso si è ritrovato a salvare una barca fatta affondare da Montella e tutta un'estate ha gestito una marea di guai nel cambio dirigenziale. Faceva la squadra con Mirabelli e da sotto l'ombrellone gli hanno detto che avrebbero cambiato tutti i suoi interlocutori. Conte, in questa situazione, avrebbe già chiesto soldi per andare via.
Siamo un Paese che non merita nulla. Lo dico davvero. L'Italia non merita Ronaldo. Siamo talmente bravi, professori, allenatori, direttori e Presidenti che addirittura discutiamo Cristiano Ronaldo. Il fatto di non aver fatto ancora gol, con la Juventus, sembra una macchia sul portoghese come se uno così debba dimostrare qualcosa a qualcuno. Ci meritiamo che i campioni stiano lontani dalla serie A. Torniamo alle prime righe di questo editoriale. Se Ronaldo avesse segnato di piatto destro, all'esordio, da due metri staremmo parlando del Fenomeno che lancia la Juventus a punteggio pieno. Non ha fatto ancora gol, qualcuno addirittura lo mette in discussione. Discutiamo il più grande del mondo che con il Real Madrid ha vinto tutto, come premi di squadra e personali, e la Uefa ha dovuto cambiare premi per non annoiarci con questo CR7 che fa meno notizia da quando è alla Juventus. Non scherziamo. Alla ripresa del campionato, quando inizierà a fare i suoi gol, gli stessi che oggi lo criticano scriveranno che è il vero affare degli ultimi 122 anni. Equilibrio zero, giudizi affrettati e chiediamo scusa a Ronaldo se lo abbiamo fatto diventare una pippa in tre settimane.
Anche qui, parlando di Atalanta, non vogliamo fare il funerale senza avere il morto ma una cosa possiamo dirla: Gasperini prima di dire come fare il mestiere a Sartori avrebbe fatto meglio a pensare al suo orticello. Fossi nel DS, oggi andrei nello spogliatoio e chiederei a Gasp conto delle formazioni che ha schierato, della preparazione che ha fatto e della precoce eliminazione in Europa League. Attenti: a maggior ragione dopo l'eliminazione europea, la Dea farà un ottimo campionato, perché Gasperini avrà l'intera settimana per lavorare. Mica poco. Ma, per questa falsa partenza, sarebbe da ricordare a Gasperini che prima di infangare il suo Direttore sarebbe opportuno pensare al proprio lavoro e al rispetto dei ruoli.
Non ci interessa la Nazionale quando resta fuori dal Mondiale, figuratevi se nell'editoriale parliamo oggi di questa Italia che non serve a nulla. Una sola veloce considerazione. Mancini le convocazioni, per caso, le ha fatte con i bussolotti? Va bene che sono convocazioni-test ma, una volta, dovevi dimostrare il tuo valore prima di andare a Coverciano. Oggi c'è la moda di chiamare tutti subito e si perde anche il valore della convocazione. Nulla contro i ragazzi convocati dal Mancio ma poi non lamentiamoci di scarsa appartenenza all'azzurro. Arrivare in Nazionale deve essere la chiusura di un cerchio e un punto di arrivo. Adesso, per colpa dei vari C.T., sta diventando un assurdo punto di partenza.
Una piccola riflessione sulla politica del calcio. Il 22 ottobre, forse, finalmente avremo un Presidente Federale. Questa volta ci affidiamo a Gravina e Sibilia per dare un Presidente al nostro calcio. Bastava poco, la volta scorsa. Un accordo C e D e avremmo evitato seconde (seconda) squadre, mercato chiuso al 17 agosto e Leghe che decidono di cambiare format in piena autonomia. Tommasi ha confermato, in sede di elezioni, che comando più io a casa con mia moglie che lui nel sistema. Non prende mezza decisione e sale sempre su cavalli zoppi. La svolta può essere una sola... E la strada è quella giusta: alleanza Gravina-Sibilia e via con la governance. Altre soluzioni non esistono. Si devono mettere d'accordo sui ruoli e poi ci siamo. La coppia sarebbe perfetta. Gravina e Sibilia sono gli unici che stanno provando a salvare il nostro calcio e non cambiano idea ogni due minuti. Fanno le riforme, cambiano le regole, ma in sintonia e soprattutto rispettando i paletti imposti dalla FIGC. Insieme possono fare un gran lavoro. La C, con Gravina, ha cambiato marcia. Sibilia, dopo qualche mese di apprendistato in LND, sta cambiando volto alla Lega. Contratti pluriennali, base di ingaggio più alta e ottima gestione delle big fallite e finite in D. Entrambi hanno ottimi collaboratori e se le squadre di Gravina e Sibilia si metteranno allo stesso tavolo usciremo dalla crisi. Il 22 ottobre c'è solo una strada: quella della sinergia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510