VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio...

16.11.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 15061 volte
© foto di Federico De Luca

Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano.
Delle dimissioni che non sono arrivate (né da parte sua, né da parte di Ventura, esonerato) tutti hanno detto la propria e la maggior parte delle opinioni è simile. Era una questione di opportunità e di coscienza: hanno preso il sopravvento invece i personalismi e probabilmente anche i contrasti individuali. Ora però bisogna capire. Capire bene che direzione prenderà il calcio. E stavolta, per il grado di attenzione che c'è nei confronti della Nazionale a causa di questo clamoroso fallimento, non si può sbagliare. Non ci sarà spazio per i compromessi. Servono persone giuste, servono idee giuste, serve la volontà di portarle a termine. Serve gente di calcio, campioni, che possa rinnovare dalle fondamenta un sistema che non funziona da anni. Negli ultimi due Mondiali l'Italia è uscita ai gironi collezionando solo brutte figure. A questo mondiale non c'è andata. Non è una situazione sostenibile. E allora sotto con le idee da portare avanti, con riforme profonde. Che devono abbracciare la funzione dei centri federali, le regole per la composizione delle rose (utilizzare delle limitazioni? O degli incentivi?), ridurre il numero delle squadre in A (anche se negli altri paesi solo in Germania hanno 18 squadre nella prima divisione)? Cercare di capire cosa succederà con l'annosa questione delle seconde squadre, con la questione degli stadi, con gli investimenti sui vivai. Capire bene cosa è successo al talento, quello di cui l'Italia era pieno, pienissimo. Quello che ci ha regalato delle Nazionali straordinarie: è possibile che ora ce ne sia così poco? E perché?
Queste sono solo alcune delle domande a cui dobbiamo rispondere. Non noi nello specifico: ma chi ha intenzione di rinnovare il calcio in Italia.
Poi magari capire anche perché in Italia è così difficile cambiare e si è così legati alle formule politiche (vedi l'elezione del presidente Figc che è condizionata soprattutto dal presidente del LND, oggi Sibilia) piuttosto che dai contenuti. Ecco: svincolare anche la politica dal calcio e cercare di guardare di più al campo.
Poi sarà il turno di Ancelotti, o chi per lui. Magari Ancelotti! Di sicuro contatti ce ne sono stati, di sicuro lui ci pensa. Magari insieme a lui ci sarà anche Maldini. Ma che siano i simboli di un cambiamento vero. Di un Italia rivolta al futuro. E non una mano di vernice...
In attesa di capire bene cosa succederà all'Italia e di non pretendere cambiamenti tanto per cambiare ma perché abbiano veramente senso tuffiamoci sul campionato e sul mercato. Anzi sulle ripercussioni del mercato. Perché, anche se forse sarò ripetitivo, non ci saranno grandi movimenti. Chi è in testa ora alla classifica è contento. Il Milan ha già fatto sapere che rimarrà così. In fondo c'è poco movimento. Forse ci saranno colpi in prospettiva o piccoli aggiustamenti. Allora facciamo una considerazione, allora rispetto a quello che sta succedendo in campo. Abbiamo analizzato le rose e la classifica rispetto alla spesa. Ora attraverso uno studio del CIES facciamo un paragone della classifica della A rispetto al valore attuale calcolato dal centro di ricerca svizzero.
La squadra europea che vale di più è il Manchester City (1196 milioni di euro il valore complessivo, con De Bruyne come giocatore più costoso). La prima italiana (e decima in Europa) è la Juventus con un valore di 743 milioni di euro (con Dybala alfiere a 166 milioni). Subito dopo, distanziata veramente di poco c'è il Napoli a 721 milioni di valore. Poi la Roma (595), il Milan (457) e l'Inter (445). Sesta la Lazio (309), Torino prima di Fiorentina e Atalanta, quindi la Samp. Attenzione che in questo conto ci sono solo i giocatori di proprietà e non quelli in prestito, ma i risultati come è evidente in linea di massima aiutano a far lievitare il prezzo degli interpreti. Il Napoli ha speso molto meno della Juve per costruire la squadra, ma il suo valore è simile. E questo grazie al gioco, ai risultati e alla programmazione. Di sicuro il Milan, dovesse continuare così, potrebbe veder calare il proprio valore e magari l'Inter potrebbe crescere. Ed è qui che si gioca il posto in Champions League con una Lazio che è bella staccata per valori ma assolutamente no (anzi!) per i risultati sul campo. E attenzione perché le sorprese ci sono sempre...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...

EditorialeDI: Mauro Suma

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter 02.12 - Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi,...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Napoli-Juve, ecco perché sarà scudetto. Sarri deve solo vincere. Allegri punta al pari. Dybala falso nueve. Higuain è stato a Lourdes? L’Inter molla Chiesa. Montella, un fallimento. Gattuso oltre i cinesi 01.12 - Qualcuno racconta ancora che stasera non c’è in palio lo scudetto. Balle. Dal risultato di questa sfida dipenderà moltissimo del futuro di tutta la stagione. Lo sa Sarri, lo sa Allegri, lo sanno benissimo i protagonisti. Ma lo sa anche lo scudetto, travestito da Destino. E se c’è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.