VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto

14.04.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 29028 volte
© foto di Federico De Luca

Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta.

Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan è dei cinesi e, dice qualcuno, peggio di ora non potrà andare.

Questo non lo sappiamo, di sicuro mister Li ha faticato a mettere assieme i 750 milioni necessari, complici forse le nuove leggi cinesi, e questa ormai è storia.

Ora si tratta di capire cosa succederà in futuro, che Milan sarà e che sarà del Milan, perché le risorse necessarie per il closing (circa 300 milioni) il broker cinese le ha trovate solo grazie al fondo Elliott Management che ha anticipato i denari. Il fondo, però, i denari li rivuole indietro entro il mese di ottobre del 2018 con gli interessi dell’undici per cento. Insomma, sulla carta oggi il Milan è di mister Li, ma c’è sopra un’ipoteca non da poco.

I piani, poi, non sono chiarissimi. Di sicuro mister Li in questo anno e mezzo dovrà far diventare il Milan nuovamente appetibile sul mercato cercando come prima cosa di risanare i bilanci della società rossonera che ogni anno perde attorno ai 70 milioni. Obbligatorio sarà anche un piano di rilancio sportivo a medio termine con lo sfruttamento del brand a livello mondiale, ma soprattutto si cercherà la quotazione in borsa per attrarre risorse esterne. In questo momento il Milan non sarebbe in regola con le norme borsistiche, ma le nuove leggi cinesi probabilmente consentiranno l’esportazione di valuta per le ristrutturazioni e il rilancio del Milan e allora mister Li potrà forse far scendere in campo i potenziali soci che si erano defilati. Vedremo.

La cosa certa è che trattasi di una acquisizione che ha per scopo ultimo una grande operazione finanziaria, sul tipo di quella messa in atto da Thohir con l’Inter, con un problema in più grosso come una casa: il Milan è stato valutato troppo. Rivenderlo non sarà facilissimo.

Da oggi in poi scopriremo quanto sarà abile mister Li nel mondo della finanza applicata al calcio (i risultati sportivi servono anche al rilancio economico) con una considerazione finale da tenere sempre presente: se entro il mese di ottobre dell’anno prossimo il broker cinese non estinguerà il debito (circa 350 milioni), il fondo Elliott diventerà proprietario del Milan e lo potrà rivendere a 400 milioni per rientrare, mentre Li perderebbe tutto l’investimento fatto.

Un marchingegno di scatole più che mai cinesi che speriamo funzioni. Certo, meglio sarebbe stato un acquirente diretto come Suning, tanto per capirci, ma diverse società sportive nel mondo comunque funzionano bene anche quando dietro ci sono fondi di investimento.

In attesa, i manager italiani di mister Li dovranno essere bravi a gestire da subito il rilancio sportivo. E’ chiaro che Donnarumma diventa il primo nodo da risolvere. Oggi il rinnovo a qualsiasi condizione è imprescindibile perché, al di là del valore tecnico del ragazzo, in un’ottica futura il giocatore potrebbe costituire una risorsa economica straordinaria e, all’occorrenza, finire sul mercato anche a 150 milioni di euro.

Secondo punto è l’allenatore. Montella ha lavorato bene, capiremo presto se Fassone vede nell’ex aeroplanino il tecnico giusto per il rilancio. Il gruppo è con lui e questo è un bel vantaggio. Le previsioni di rafforzamento immediato parlano di almeno 100 milioni da mettere sul mercato perché raggiungere la Champions League l’anno prossimo è quasi obbligatorio per attrarre risorse. In sostanza, investi per sperare di recuperare.

Rimanendo in tema allenatore, vale la pena guardare anche in casa Inter. Dopo i tanti nomi girati (da Conte a Mou), Zhang ha capito che è complicato prendere un allenatore sotto contratto. Ecco allora un forte interesse su Blanc, ex Psg, ma soprattutto ex giocatore dell’Inter. La pista è aperta con Pioli in stand by.

Passando alla Juventus, il rinnovo di Dybala fino al 2022 è un segnale fondamentale. Il ragazzo passerà da due milioni a cinque da subito, poi fino a quasi otto con i bonus. Insomma, stipendio da Higuain. Cosa vuol dire? La Juventus è entrata nell’elite dei grandi club d’Europa. Fino all’anno scorso era impossibile pagare certi stipendi, Pogba è andato via anche per questo, oggi invece con l’aumento del fatturato i bianconeri non solo possono permettersi grandi acquisti, ma anche grandi stipendi. Fino a qualche mese fa Dybala era visto come una pepita d’oro, un giocatore da vendere a Real o Barca (lo hanno chiesto) per una cifra enorme da reinvestire. Con il rinnovo a quelle cifre, invece, l’argentino è destinato a diventare una bandiera della Juventus nell’ottica di una società che è arrivata al livello delle grandi d’Europa e vuole restarci. Questo progetto ha convinto anche Allegri che dopo il Barca discuterà del prolungamento del suo contratto. Scade nel 2018, ha chiesto un triennale. Anche il suo stipendio (oggi cinque milioni) dovrà essere adeguato al livello dei top allenatori europei e comunque a livello dei giocatori più importanti, Dybala compreso.

Proprio le scarse risorse, invece, sono il problema della Fiorentina. Come sappiamo e abbiamo scritto da tempo (anche se qualcuno l’ha riscoperto in questi giorni) i viola hanno offerto il rinnovo a Bernardeschi. Un quinquennale a 2,2 milioni più bonus che dovrebbe arrivare a 2,5 e oltre. Per la Fiorentina tanta roba, ma c’è chi al giocatore ha offerto da subito quattro milioni a salire. Il vento è contrario, l’idea è quella di non rinnovare. Se Berna dovesse decidere di restare ancora un anno sarebbe un grande gesto d’amore per il viola, ma Conte ha pronta un’offerta per la Fiorentina da cinquanta milioni con quattro milioni per il giocatore. La Juve corteggia da mesi l’entourage di Berna, Inter e Bayern sono pronti. L’offerta viola al giocatore è partita oltre un mese fa, il silenzio di Berna non è un bel segnale.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.