VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto

14.04.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 28874 volte
© foto di Federico De Luca

Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta.

Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan è dei cinesi e, dice qualcuno, peggio di ora non potrà andare.

Questo non lo sappiamo, di sicuro mister Li ha faticato a mettere assieme i 750 milioni necessari, complici forse le nuove leggi cinesi, e questa ormai è storia.

Ora si tratta di capire cosa succederà in futuro, che Milan sarà e che sarà del Milan, perché le risorse necessarie per il closing (circa 300 milioni) il broker cinese le ha trovate solo grazie al fondo Elliott Management che ha anticipato i denari. Il fondo, però, i denari li rivuole indietro entro il mese di ottobre del 2018 con gli interessi dell’undici per cento. Insomma, sulla carta oggi il Milan è di mister Li, ma c’è sopra un’ipoteca non da poco.

I piani, poi, non sono chiarissimi. Di sicuro mister Li in questo anno e mezzo dovrà far diventare il Milan nuovamente appetibile sul mercato cercando come prima cosa di risanare i bilanci della società rossonera che ogni anno perde attorno ai 70 milioni. Obbligatorio sarà anche un piano di rilancio sportivo a medio termine con lo sfruttamento del brand a livello mondiale, ma soprattutto si cercherà la quotazione in borsa per attrarre risorse esterne. In questo momento il Milan non sarebbe in regola con le norme borsistiche, ma le nuove leggi cinesi probabilmente consentiranno l’esportazione di valuta per le ristrutturazioni e il rilancio del Milan e allora mister Li potrà forse far scendere in campo i potenziali soci che si erano defilati. Vedremo.

La cosa certa è che trattasi di una acquisizione che ha per scopo ultimo una grande operazione finanziaria, sul tipo di quella messa in atto da Thohir con l’Inter, con un problema in più grosso come una casa: il Milan è stato valutato troppo. Rivenderlo non sarà facilissimo.

Da oggi in poi scopriremo quanto sarà abile mister Li nel mondo della finanza applicata al calcio (i risultati sportivi servono anche al rilancio economico) con una considerazione finale da tenere sempre presente: se entro il mese di ottobre dell’anno prossimo il broker cinese non estinguerà il debito (circa 350 milioni), il fondo Elliott diventerà proprietario del Milan e lo potrà rivendere a 400 milioni per rientrare, mentre Li perderebbe tutto l’investimento fatto.

Un marchingegno di scatole più che mai cinesi che speriamo funzioni. Certo, meglio sarebbe stato un acquirente diretto come Suning, tanto per capirci, ma diverse società sportive nel mondo comunque funzionano bene anche quando dietro ci sono fondi di investimento.

In attesa, i manager italiani di mister Li dovranno essere bravi a gestire da subito il rilancio sportivo. E’ chiaro che Donnarumma diventa il primo nodo da risolvere. Oggi il rinnovo a qualsiasi condizione è imprescindibile perché, al di là del valore tecnico del ragazzo, in un’ottica futura il giocatore potrebbe costituire una risorsa economica straordinaria e, all’occorrenza, finire sul mercato anche a 150 milioni di euro.

Secondo punto è l’allenatore. Montella ha lavorato bene, capiremo presto se Fassone vede nell’ex aeroplanino il tecnico giusto per il rilancio. Il gruppo è con lui e questo è un bel vantaggio. Le previsioni di rafforzamento immediato parlano di almeno 100 milioni da mettere sul mercato perché raggiungere la Champions League l’anno prossimo è quasi obbligatorio per attrarre risorse. In sostanza, investi per sperare di recuperare.

Rimanendo in tema allenatore, vale la pena guardare anche in casa Inter. Dopo i tanti nomi girati (da Conte a Mou), Zhang ha capito che è complicato prendere un allenatore sotto contratto. Ecco allora un forte interesse su Blanc, ex Psg, ma soprattutto ex giocatore dell’Inter. La pista è aperta con Pioli in stand by.

Passando alla Juventus, il rinnovo di Dybala fino al 2022 è un segnale fondamentale. Il ragazzo passerà da due milioni a cinque da subito, poi fino a quasi otto con i bonus. Insomma, stipendio da Higuain. Cosa vuol dire? La Juventus è entrata nell’elite dei grandi club d’Europa. Fino all’anno scorso era impossibile pagare certi stipendi, Pogba è andato via anche per questo, oggi invece con l’aumento del fatturato i bianconeri non solo possono permettersi grandi acquisti, ma anche grandi stipendi. Fino a qualche mese fa Dybala era visto come una pepita d’oro, un giocatore da vendere a Real o Barca (lo hanno chiesto) per una cifra enorme da reinvestire. Con il rinnovo a quelle cifre, invece, l’argentino è destinato a diventare una bandiera della Juventus nell’ottica di una società che è arrivata al livello delle grandi d’Europa e vuole restarci. Questo progetto ha convinto anche Allegri che dopo il Barca discuterà del prolungamento del suo contratto. Scade nel 2018, ha chiesto un triennale. Anche il suo stipendio (oggi cinque milioni) dovrà essere adeguato al livello dei top allenatori europei e comunque a livello dei giocatori più importanti, Dybala compreso.

Proprio le scarse risorse, invece, sono il problema della Fiorentina. Come sappiamo e abbiamo scritto da tempo (anche se qualcuno l’ha riscoperto in questi giorni) i viola hanno offerto il rinnovo a Bernardeschi. Un quinquennale a 2,2 milioni più bonus che dovrebbe arrivare a 2,5 e oltre. Per la Fiorentina tanta roba, ma c’è chi al giocatore ha offerto da subito quattro milioni a salire. Il vento è contrario, l’idea è quella di non rinnovare. Se Berna dovesse decidere di restare ancora un anno sarebbe un grande gesto d’amore per il viola, ma Conte ha pronta un’offerta per la Fiorentina da cinquanta milioni con quattro milioni per il giocatore. La Juve corteggia da mesi l’entourage di Berna, Inter e Bayern sono pronti. L’offerta viola al giocatore è partita oltre un mese fa, il silenzio di Berna non è un bel segnale.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.