VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Occhio al Milan: i "goniometri" del Diavolo nascondono l'operazione Conte! E Inzaghi... Inter, ecco che fine farà Icardi. Il destino delle panchine di Napoli e Firenze

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
10.02.2015 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 48145 volte
© foto di Federico De Luca

Non posso mentirvi. Sul meridiano di Greenwich sono le ore 20.30, quella maledetta di mia sorella c'ha rogne e ha appena chiesto al sottoscritto di passare a prendere il nipote a judo. Ora, dico io, ma il piccino non può tornare a casa da solo rischiando di suo? No, deve andare a prenderlo lo zio. Fatto sta che rientrerò appena in tempo per televotare il mio prediletto Valerio Scanu in modo che possa restare là, nell'isola dei cocchi e delle zinne rifatte della Caniggia. Tutto ciò inciderà parecchio sulla qualità del qui presente editoriale. So che capirete. Forza Valerio, facce sognà. E abbasso il judo. Che poi, avete mai sentito dire a un maggiorenne "vado a judo?". No, il judo è una rottura di balle per soli pisquanelli costretti da madri fetenti che poi, appena raggiunta l'età della consapevolezza, si danno ad altro tipo di attività. Mamma: "Allora Ugo ti rinnovo l'iscrizione al corso di judo che ti piace tanto?". Figlio: "No mamma, non ho tempo, devo andare a spacciare in piazzetta". Mamma: "Almeno metti il golf che fa freschino". A volte capita che il piccolo a questo punto picchi la madre.
E vabbè, iniziamo e sia quel che sia.
Ferrero va a Sanremo. Canterà "Vita Spericolata" di Vasco. A Malesani invece neanche lo straccio di un "Ballo del Mattone", un "Cicale Cicale" o un "Vaffanculo" di Masini. Ditemi voi dove siamo finiti. Del resto lui, l'Alberto, ci aveva avvisati per tempo: "Il mondo è diventato una giungla. CaSSo!". Aveva ragione da vendere.
Mi sembrava giusto partire da qui per farvi capire che il nostro è chiaramente un Paese che sta andando a ramengo, un Paese dove improvvisamente son tornati di moda goniometri e squadre che ormai non si usano più neppure alle medie. O forse sì, ma non è questo il punto. Il punto è che nelle ultime 48 ore son successe talmente tante cose che si fa fatica a dare un ordine al tutto, si rischia il "minestrone", la confusione totale, il cazzeggio fine a se stesso. Diciamo la verità: nel mondo là fuori son diventati tutti talmente grotteschi che provare a essere più "cazzari" degli originali è impresa assai ardua. Ovviamente ci proveremo da par nostro.
E quindi tocca parlare della faccenda "prospettiva", del fuorigioco-non-fuorigioco di Tevez, del botta e risposta Milan-Juve a suon di comunicati che davvero ci riporta ai tempi delle scuole, quando le discussioni terminavano con perle di saggezza come "specchio riflesso faccia da cesso" o "non mi hai fatto niente faccia di serpente" fino a "chi lo dice sa di esserlo". Sparavi in sequenza due o tre di queste massime e qualunque diatriba finiva lì. Da adulti è più difficile, preferisci argomentare con frasi tipo "caro geometra, stia attento a come ci attacca, Lei che è in Lega da una vita e quindi dovrebbe rendersi conto che è responsabilità sua e non nostra se certe regole sono in vigore!". Tutta una serie di orpelli ortografici che il famoso "chi lo dice sa di esserlo" avrebbe sintetizzato alla grande senza dar grossa possibilità di replica. Ma siamo adulti e dottoroni e quindi tocca sfancularsi cercando di mantenere una certa etica, provocando sì, ma senza trascendere. Pensate se al tweet di Galliani la Juve avesse risposto con "non mi hai fatto niente faccia di serpente", la Signora avrebbe vinto su tutta la linea. E invece no, è partito il comunicatone. Ma vabbè, è chiaro che non possiamo pretendere più di tanto, purtroppo si diventa grandi e le belle usanze vanno a farsi benedire.
In ogni caso i media hanno già sentenziato: Galliani ha toppato. Tra l'altro l'Adriano è soggetto troppo intelligente e scafato per non essersi accorto di averla fatta fuori dal vaso. La polemica delle parallele e delle immagini che prima non c'erano e poi sono comparse è parsa ai più come un bieco tentativo dell'ad di distogliere l'attenzione dai guai di campo dei rossoneri. E' un po' lo stesso stratagemma che utilizzano quelli che su Facebook mettono l'immagine profilo del gattino e ti dicono "lo faccio perché i gattini mi piacciono tanto tanto tanto…" ma poi scopri che il micio è la scusa per non mostrare volti picassiani. Parliamoci chiaro: se sei figa o ti senti tale, colcazzo metti la foto del gattino; se sei forte o ti senti tale, colcazzo ti attacchi alle linee parallele del campo.
La questione ha fatto arrabbiare i bianconeri ma anche gli stessi tifosi del Milan, stufi di osservare una squadra che sembra essere formata da ragazzi che si son trovati per la prima volta nel parcheggio dello stadio e che si accordano alla bisogna come accade in certi campetti di periferia. "Oh, tu fai il terzino? Io preferisco stare all'ala. Abbiamo tre portieri ma ci manca il centrocampista, vabbè lo faccio io. Oh, poi tutti in birreria che sono al decimo timbro e c'ho l'omaggio. E tu, Alex, alla fine ricordati di lasciare i 5 euro per il campo che la scusa che hai solo 500 euro interi non regge più".
Tutto il sauté di minchiate ci porta a puntare il ditone contro Pippo, l'allenatore poco allenante. Ed è vero: Inzaghi ha parecchie responsabilità se Muntari con la fascia da capitano al braccio crede di essere Rijkaard, ma certo non merita di essere trattato come l'unico responsabile del dissesto in rossonero. Gli iscritti al corso "come scaricare Inzaghi" non si contano più, soprattutto tra gli addetti ai lavori, segno che al di là delle dichiarazioni di circostanza al Milan si lavora già per – tutto d'un fiato – "sostituire il sostituto del sostituto di Allegri che a sua volta ha sostituito colui che potrebbe sostituire Inzaghi, ovvero Conte".
Il domandone è sempre lo stesso: ci sono possibilità che l'attuale Ct finisca a soccorrere il Diavolo a pezzi? La risposta è sì, le possibilità ci sono e aumentano di giorno in giorno; non tanto per la faccenda "stage della Nazionale non concessi", quanto perché Antonio si è reso conto sulla sua pelle che a fare il Ct accade una cosa clamorosa: ci si rompe le balle. Il resto sta a Pippo: continuare a dire "ho visto un buon Milan", cambiare capitano e formazione una volta alla settimana, attendere placido che arrivi giugno e qualcuno gli comunichi l'esonero, oppure provare a modificare atteggiamento secondo il detto "a fare troppo i buoni la si prende sempre inderposto?". Pippo impari da chi gli ha lasciato la panchina: con un po' di cattiveria in più, un filo di strafottenza e qualche punto fermo in campo, i punti arriveranno. Serviranno a salvare il posto di lavoro? Probabilmente no, ma meglio che passare quattro mesi a sentire i maligni che cantano dietro alle spalle "Pippo Pippo non lo sa…".
Dalle parti di Appiano, intanto, Mancini ha preso tre belle boccate di ossigeno. Merito di un mercato che almeno apparentemente ha portato giocatori funzionali all'idea di calcio del tecnico. Brozovic nonostante il ciuffo alla Mirko dei BeeHive sembra essere un giocatore del genere "poche chiacchiere e tanti fatti", Shaqiri senza aver meravigliato ha l'atteggiamento di chi non disdegna i galloni del leader. In una squadra che non vince tre partite di fila dal Mesozoico e difetta terribilmente di continuità, non basta certo il 3-0 sul Palermo per dire che il peggio è passato, ma l'idea è che con un altro paio di innesti sensati a giugno la squadra possa trovare la classica "quadratura" (il primo – insisto - sarà Allan a meno che non arrivino offerte clamorose dall'estero).
Ci sarà anche Icardi nell'Inter del futuro? Difficile dirlo ora, la certezza è che squadra e giocatore hanno tutto l'interesse di arrivare al rinnovo del contratto con ingaggio più che raddoppiato, il tutto in attesa di capire se a giugno qualcuno avanzerà la classica "offertona che non si può rifiutare" (non meno di 25 milioni).
Per concludere inauguriamo la rubrica "dicono", ovvero notizie non verificate che però paiono tanto credibili.
- "Dicono" che Benitez abbia già deciso di lasciare Napoli a fine stagione e che la società lo sappia ma non sia particolarmente spaventata. Il sostituto dovrebbe essere il corteggiatissimo Montella, tecnico ideale per lanciare la sfida-scudetto alla Juve nella prossima stagione.
- "Dicono" che a Firenze qualcuno si auguri che Mazzarri dica no al Giappone.
- "Dicono" che in Giappone anche i noti Fratelli Derrick siano della stessa idea per non finire a fare i difensori centrali nel 3-5-2.
- "Dicono" che i 107mila euro spesi dalla federazione per acquistare il libro di Tavecchio "Ti racconto il calcio" abbiano fatto arrabbiare più di qualcuno a Palazzo. "Dicono" che il presidente potrebbe anche decidere di tornare sui suoi passi.
- "Dicono" che al Liceo Grassi di Saronno qualcuno stia cominciando a intonare lo slogan "Biasin cacasotto" per aver annunciato nel recente passato che avrebbe tenuto una lectio magistralis in aula magna sul tema "cazzivari" e non aver ancora mantenuto la promessa.
-"Dicono" che la squadra di Fantacalcio "Subaru ma non troppo" di Dario Ruggeri abbia le stesse probabilità di vincere il campionato che ha la figlia di Caniggia di passare il test d'ammissione alla Normale di Pisa.
- "Dicono" che l'inventore del gruppo Facebook "La stessa foto di Toto Cutugno ogni giorno" sia un genio assoluto.
Saluti e baci. Mio nipote è in strada da 40minuti ad aspettarmi. Forse. Se qualcuno lo ha importunato vedremo se il corso di judo è servito a qualcosa, viceversa ci faremo restituire i soldi. Eccheccazzo. (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.