VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Pallone d'Oro: quest'anno il terzo incomodo c'è. Roma, ora è chiaro a tutti: Garcia è il tuo problema. I dieci migliori acquisti dell'estate 2015

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
29.11.2015 15:51 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 66548 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Cristiano Ronaldo, Messi, Messi, Messi, Messi, Cristiano Ronaldo, Cristiano Ronaldo. Che noia il Pallone d'Oro negli ultimi anni. L'accordo tra France Football e la FIFA, e la conseguente proletarizzazione della giuria, ha appiattito i giudizi. Li ha resi più semplici: vincono i giocatori più forti e famosi, a prescindere da quanto accaduto nell'ultimo anno solare. E allora spazio sempre e solo ai due extraterrestri del calcio attuale: il numero 10 del Barcellona e CR7, in barba al Triplete conquistato dall'Inter del 2010, al dominio incontrastato delle Furie Rosse per quattro anni e al Mondiale stravinto dalla Germania nel 2014.
Così francamente non si può andare avanti. Urge rimettere al primo posto il merito, prima i risultati e poi il talento. L'argomento è di interesse perché a Dicembre, mese di giudizi, la discussione sul Pallone d'Oro tornerà d'attualità.
Chi lo vincerà nel 2015? Secondo i criteri degli ultimi anni non ci sono grossi dubbi: Messi. Eppure, mai come quest'anno premiare la Pulce argentina sarebbe uno scandalo. Perché negli ultimi mesi il vero protagonista del Barça è stato un altro attaccante: Neymar. Che il brasiliano fosse un fenomeno assoluto era ben noto a tutti ben prima del suo sbarco in Catalogna, ma la sua crescita nel 2015 è stata spaventosa. Non più un inarrivabile giocoliere, ma un attaccante decisivo. Finalmente maturo per incidere nelle gare che contano.
A confermarlo le statistiche: sempre a segno dai quarti in avanti nella Champions alzata al cielo a Berlino, mentre Messi ha realizzato solo due reti dopo la fase a gironi. In questa stagione, anche a causa dell'infortunio capitato all'argentino, ha segnato quasi il doppio dei gol della Pulce. E' ormai all'altezza dei due extraterrestri del calcio moderno e inoltre - aspetto da non sottovalutare - è popolare quasi quanto loro. Non è Neuer, Xavi o Sneijder, per intenderci.
Quest'anno, insomma, nella lunga corsa al Pallone d'Oro 2015 il terzo incomodo è credibile come mai nel passato recente e premiarlo sarebbe importante per ridare lustro a un premio che sta perdendo consensi e credibilità.

Dal calcio degli alieni e quello fin troppo terrestre che si gioca in Italia ecco la Roma. L'argomento non è troppo slegato a quello precedente perché proprio a Barcellona i giallorossi hanno incassato una sconfitta umiliante, francamente evitabile.
Nessuno, nemmeno il più ottimista tifoso della Roma, pensava a un risultato positivo al Camp Nou, ma rendere la partita degli azulgrana poco più di un allenamento, e incassare sei reti, è apparso a tutti eccessivo. Anche perché Bayer Leverkusen e BATE Borisov sullo stesso terreno di gioco nelle settimane precedenti hanno fatto figure ben più decorose.
Più inquietante della partita c'è stato solo l'atteggiamento di Rudi Garcia nel post-partita. "Non è successo nulla, ci può stare", la sintesi del suo pensiero. Incurante del blasone della Roma e delle ambizioni di una proprietà che negli ultimi anni ha investito tantissimo e ora vuole raccogliere trofei. Non figuracce.
Minimizzare l'accaduto potrebbe costare caro al manager francese che adesso, giustamente, è sul banco degli imputati. La sua Roma è limitata, ha i limiti di un allenatore che senza la Juve dovrebbe dominare il campionato di Serie A vista la rosa a disposizione e invece arranca. La Roma è prevedibile, vince spesso in Italia perché il gap tecnico con l'80% delle squadre di Serie A è clamoroso, ma appena trova avversari alla sua altezza - come in Europa - si scioglie come neve al sole.
La sfida col BATE Borisov sarà la classica ultima spiaggia, ma a prescindere dall'esito di quella partita la dirigenza dovrebbe riflettere profondamente sull'operato del francese. Mai come in questo caso cambiare sarebbe la scelta giusta, non vincere lo Scudetto in un campionato senza la Juventus al vertice è un suicidio che la società può ancora evitare muovendosi per tempo.

Con un terzo di Serie A in archivio dare dei giudizi sulla bontà degli acquisti estivi è possibile. Napoli e Inter le società che si sono mosse meglio, ma la Fiorentina è il club che ha fatto fin qui l'acquisto più determinante: Nikola Kalinic. Butto giù la mia lista, un elenco che subirà delle modifiche col passare delle giornate e sarà definitivo solo dopo la 38esima giornata. Aspetto la vostra, i motivi per cui la mia vi piace o non vi piace. In attesa dei vostri giudizi buon Napoli-Inter a tutti.

1) Kalinic
2) Pepe Reina
3) João Miranda
4) Murillo
5) Allan
6) Salah
7) Bacca
8) Dybala
9) Baselli
10) Felipe Melo


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.