VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Pallone d'Oro: quest'anno il terzo incomodo c'è. Roma, ora è chiaro a tutti: Garcia è il tuo problema. I dieci migliori acquisti dell'estate 2015

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
29.11.2015 15.51 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 66528 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Cristiano Ronaldo, Messi, Messi, Messi, Messi, Cristiano Ronaldo, Cristiano Ronaldo. Che noia il Pallone d'Oro negli ultimi anni. L'accordo tra France Football e la FIFA, e la conseguente proletarizzazione della giuria, ha appiattito i giudizi. Li ha resi più semplici: vincono i giocatori più forti e famosi, a prescindere da quanto accaduto nell'ultimo anno solare. E allora spazio sempre e solo ai due extraterrestri del calcio attuale: il numero 10 del Barcellona e CR7, in barba al Triplete conquistato dall'Inter del 2010, al dominio incontrastato delle Furie Rosse per quattro anni e al Mondiale stravinto dalla Germania nel 2014.
Così francamente non si può andare avanti. Urge rimettere al primo posto il merito, prima i risultati e poi il talento. L'argomento è di interesse perché a Dicembre, mese di giudizi, la discussione sul Pallone d'Oro tornerà d'attualità.
Chi lo vincerà nel 2015? Secondo i criteri degli ultimi anni non ci sono grossi dubbi: Messi. Eppure, mai come quest'anno premiare la Pulce argentina sarebbe uno scandalo. Perché negli ultimi mesi il vero protagonista del Barça è stato un altro attaccante: Neymar. Che il brasiliano fosse un fenomeno assoluto era ben noto a tutti ben prima del suo sbarco in Catalogna, ma la sua crescita nel 2015 è stata spaventosa. Non più un inarrivabile giocoliere, ma un attaccante decisivo. Finalmente maturo per incidere nelle gare che contano.
A confermarlo le statistiche: sempre a segno dai quarti in avanti nella Champions alzata al cielo a Berlino, mentre Messi ha realizzato solo due reti dopo la fase a gironi. In questa stagione, anche a causa dell'infortunio capitato all'argentino, ha segnato quasi il doppio dei gol della Pulce. E' ormai all'altezza dei due extraterrestri del calcio moderno e inoltre - aspetto da non sottovalutare - è popolare quasi quanto loro. Non è Neuer, Xavi o Sneijder, per intenderci.
Quest'anno, insomma, nella lunga corsa al Pallone d'Oro 2015 il terzo incomodo è credibile come mai nel passato recente e premiarlo sarebbe importante per ridare lustro a un premio che sta perdendo consensi e credibilità.

Dal calcio degli alieni e quello fin troppo terrestre che si gioca in Italia ecco la Roma. L'argomento non è troppo slegato a quello precedente perché proprio a Barcellona i giallorossi hanno incassato una sconfitta umiliante, francamente evitabile.
Nessuno, nemmeno il più ottimista tifoso della Roma, pensava a un risultato positivo al Camp Nou, ma rendere la partita degli azulgrana poco più di un allenamento, e incassare sei reti, è apparso a tutti eccessivo. Anche perché Bayer Leverkusen e BATE Borisov sullo stesso terreno di gioco nelle settimane precedenti hanno fatto figure ben più decorose.
Più inquietante della partita c'è stato solo l'atteggiamento di Rudi Garcia nel post-partita. "Non è successo nulla, ci può stare", la sintesi del suo pensiero. Incurante del blasone della Roma e delle ambizioni di una proprietà che negli ultimi anni ha investito tantissimo e ora vuole raccogliere trofei. Non figuracce.
Minimizzare l'accaduto potrebbe costare caro al manager francese che adesso, giustamente, è sul banco degli imputati. La sua Roma è limitata, ha i limiti di un allenatore che senza la Juve dovrebbe dominare il campionato di Serie A vista la rosa a disposizione e invece arranca. La Roma è prevedibile, vince spesso in Italia perché il gap tecnico con l'80% delle squadre di Serie A è clamoroso, ma appena trova avversari alla sua altezza - come in Europa - si scioglie come neve al sole.
La sfida col BATE Borisov sarà la classica ultima spiaggia, ma a prescindere dall'esito di quella partita la dirigenza dovrebbe riflettere profondamente sull'operato del francese. Mai come in questo caso cambiare sarebbe la scelta giusta, non vincere lo Scudetto in un campionato senza la Juventus al vertice è un suicidio che la società può ancora evitare muovendosi per tempo.

Con un terzo di Serie A in archivio dare dei giudizi sulla bontà degli acquisti estivi è possibile. Napoli e Inter le società che si sono mosse meglio, ma la Fiorentina è il club che ha fatto fin qui l'acquisto più determinante: Nikola Kalinic. Butto giù la mia lista, un elenco che subirà delle modifiche col passare delle giornate e sarà definitivo solo dopo la 38esima giornata. Aspetto la vostra, i motivi per cui la mia vi piace o non vi piace. In attesa dei vostri giudizi buon Napoli-Inter a tutti.

1) Kalinic
2) Pepe Reina
3) João Miranda
4) Murillo
5) Allan
6) Salah
7) Bacca
8) Dybala
9) Baselli
10) Felipe Melo

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire 30.04 - Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A? Gli investimenti...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.