VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Pimpanti e vincenti con la Roma, grigi e scialbi con le medio piccole: qual è il vero Napoli? Solo la continuità dei risultati potrà permettere di superare il complesso di superiorità che limita i sogni

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
02.11.2014 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18547 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Adesso saremo costretti a macerarci per altri giorni ancora nell'inquietante dubbio: ma il Napoli è quello pimpante e vincente che ha demolito la Roma, oppure quello che dei secondi tempi grigi e sciapi contro l'Inter, l'Atalanta ed a Berna con lo Young Boys? Lo scopriremo presto, ma intanto è piacevole rimirarsi allo specchio di una prestazione da reputare perfetta. Cattivi e convinti, ben allenati eppur spreconi, quasi quasi anche rispettosi delle clamorose debolezze mostrate da una Roma che al San Paolo avrebbe potuto prenderne altri sette dopo la scoppola firmata Bayern. E' la storia a confermare che la squadra di Benitez si trasforma contro le big, avendone vinte 8 e pareggiate 3 tutte le volte che i tacchetti sono stati incrociati con chi in apparenza avrebbe dovuto essere meglio degli azzurri. Questione di stimoli che troppe volte, così come evidenziato anche da Benitez, sono venuti meno al Napoli al cospetto delle formazioni di rango medio-basso. E' come se Hamsik e compagni fossero colpiti da un "complesso di superiorità" che li porta ad impegnarsi al minimo nelle sfide apparentemente alla loro portata, quasi alla stregua di pratiche da sbrigare con il minimo impegno e l'errata convinzione che la diversa posizione in classifica determini il risultato apriori. Questo è il momento giusto per sapere, capire, se il Napoli avrà fatto tesoro dei suoi errori ed esaltare al massimo le caratteristiche di una squadra competitiva già nella passata stagione. Competitiva e convinta che in gara secca nessuno può sentirsi convinto di farla franca. Nemmeno la Roma e la Juventus, cioè quelle che tutti hanno sempre dato come le uniche padrone di questo campionato. E' possibile allargare la "famiglia del tricolore" ad un terzo o addirittura ad altri componenti? Dopo 10 giornate di campionato è complicato, oltre che rischioso, esprimere certezze che possono variare all'improvviso soprattutto quest'anno. Il campionato è apertissimo con le prime 10 squadre che possono recitare ogni ruolo ed avere tutte le stesse ambizioni, dallo scudetto all'ultimo dei posti utili per l'accesso in Europa League. Sempre che la Juve capolista abbia altre giornate-no e quelle che inseguono dimostrino di essere abili ad approfittarne. Continuità: questa dovrà essere la parola-chiave per il Napoli che pare essersi scrollato di dosso quell'appannamento nel desiderio, un sentimento provocato dalla prematura eliminazione in Champions League. Tutto è ancora possibile e peccato per certi errori che hanno sottratto punti importantissimi in chiave scudetto. Sì, quel tricolore per il quale anche De Laurentiis si era impegnato con i tifosi durante il ritiro estivo. Oggi è prematuro parlarne nuovamente, soprattutto all'indomani di un successo chiaro, inequivocabile, nel corso di una partita in cui tutto è andato per il verso giusto. La prova del nove arriverà quando al Napoli si ripresenteranno circostanze nelle quali sarà utile sfruttare ogni minima opportunità per andare a rete, perché magari l'avversario dimostrerà di essere più reattivo e combattivo della Roma spompata vista al San Paolo. Oppure quando sarà necessario modificare in corsa l'assetto tattico della squadra, per adeguarsi e scardinare le mosse adottate da chi scende in campo con il solo obiettivo di non farti giocare. In Italia funziona così, non sempre vince chi gioca meglio. Pimpanti e vincenti come con la Roma oppure indecifrabili come contro le piccole? Al campo di gioco l'ardua sentenza...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.