VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Pioli lavora. Ecco perché ci ha messo una settimana a farlo

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
10.11.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 20373 volte
© foto di Federico De Luca

Pioli ha iniziato a lavorare. E' passato da strafavorito ad accantonato, fino a diventare allenatore dell'Inter nel giro di una settimana. Una delle settimane più strane vissute (di sicuro dai tifosi nerazzurri) e anche da noi che abbiamo seguito (più o meno da vicino) la vicenda allenatore Inter.

Ma il fatto che sia strana non è detto che sia per forza sbagliata. A mio modesto parere (sempre che interessi) Pioli è la scelta migliore. E come me l'hanno pensata in tanti, durante questi ultimi sette giorni. In tanti che hanno espresso dubbi più o meno legittimi su Marcelino e Zola, gli altri candidati alla panchina nerazzurra. La penso invece diversamente sul discorso "casting", come ormai è stato comunemente definito.

Di sicuro la nuova proprietà nerazzurra deve capire bene come funzionano i meccanismi del calcio europeo, e soprattutto di quello italiano. Quindi l'errore più grande sta a monte, anche se un po' di tempo per assimilare i processi si può sempre dare ai nuovi.

Ma l'errore, eventualmente, sarebbe stato quello di non aver fatto questi famosi casting prima. E magari non mediaticamente. Ma non di averli fatti. Che De Boer infatti fosse in discussione credo che nessuno avesse dubbi. E nessuno avrebbe avuto da ridire se (con discrezione) la proprietà e la dirigenza nerazzurra avessero fatto questi famosi colloqui.

Nessuna proprietà al mondo lascia carta bianca per la scelta del proprio allenatore, in nessuno sport. Ogni proprietà si confronta con il proprio management, in qualsiasi azienda. Nelle multinazionali, come ora è l'Inter, è più difficoltoso comunicare: distanze, linguaggi, culture. Anche competenze. Questo dovrà servire di "lezione", si dovrà tenere conto del precedente per evitare di commettere di nuovo (eventualmente) lo stesso errore. Ma - potete scommetterci - ci saranno ancora i colloqui. Magari non saranno alla luce del sole. Magari saranno fatti a Nanchino, o a Londra. Ma ci saranno sempre.

L'interview è una "moda" straniera, più americana che cinese. Ho letto in questi giorni un interessantissimo commento sulla Gazzetta dello Sport del direttore del Master FIFA Bocconi. Spiegava che nel mondo sportivo americano addirittura nel mondo dell'NFL i club erano obbligati a fare i colloqui di lavoro anche a coach di colore o delle minoranze per dimostrare pubblicamente che non esistono preclusioni nei confronti di nessuno e che potenzialmente il posto è aperto a tutti.

Questo singolare stile di scegliere il proprio manager è sicuramente lontano dal nostro modo di intendere la scelta dell'allenatore. Ed è molto più vicino alla scelta di un dirigente di un'azienda qualsiasi. Ma è l'effetto della globalizzazione. E allora, così come Suning dovrà capire meglio come funziona il calcio europeo e nello specifico quello italiano anche nel dettaglio con le sue dinamiche e ritualità e allo stesso tempo probabilmente toccherà anche a noi abituarci a questo tipo di cambiamenti. Inter cinese, il Milan vedremo come si comporterà dopo il closing con Sino Europe e che tipo di meccanismi si innescheranno tra i dirigenti italiani e i nuovi proprietari. La Roma americana già ha impostato alcune "regole" o idee che hanno fatto discutere (la famosa app di "casa Pallotta" per "sollevare" il ds da alcune incombenze). Impareremo a conoscere Mike Piazza a Reggio Emilia che ha progetti molto ambiziosi e una visione dello sport molto star&stripes, così come Tacopina o Saputo a Bologna e Venezia. In attesa di sapere se veramente anche il Palermo cambierà proprietà o meno... Insomma dovremmo prepararci ad accogliere stili e comportamenti diversi dai nostri, in cambio di una competitività da mantenere a livello internazionale. Visto che anche le grandi famiglie che finora avevano reso grandi le milanesi hanno capito che per mantenere alto il livello non era possibile continuare da soli...

Pioli è arrivato, i dirigenti italiani (Ausilio, Gardini e Zanetti) hanno avuto la pazienza di condividere le loro considerazioni (che avevano portato a quella scelta) con la "parte" cinese. Non la considero (personalmente) una vittoria di una parte sull'altra: piuttosto la vittoria della ragionevolezza. Non aver perso la pazienza (o l'obiettivo comune) è stata la chiave per arrivare alla soluzione migliore. Con in mezzo anche i consigli (interessati o meno) di Kia Joorabchian alla proprietà Suning, a confondere le acque e a creare una voce in più, sicuramente ascoltata.

Alla fine l'Inter ha trovato la soluzione. Ora la parola va al campo, che come al solito è il giudice supremo. Secondo il quale alla fine si deciderà chi veramente ha vinto e chi potrà sorridere veramente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.