HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Pirlo e Xabi Alonso: vietato fare confusione. Inter-Milan e la potenziale nuova mappa dei direttori, Sabatini in testa. Lodi, uno da Toro. Leonardi da applausi. La tessera del tifoso: qualcuno paghi

Alfredo Pedullà è nato a Messina il 15 aprile 1964. Lavora a Sportitalia, giornalista per passione e convinzione. Il più bel premio ricevuto è l'affetto della gente.
17.11.2013 00:00 di Alfredo Pedullà  Twitter:    articolo letto 24749 volte
© foto di Federico De Luca

Xabi Alonso a zero: un bel boccone per tutti. Premessa: si parte da una base di 4,5-5 milioni netti a stagione. Svolgimento: non è più un ragazzino, viaggia verso le 33 primavere, ed è reduce da una grave forma di pubalgia, con tanto di operazione a Monaco di Baviera. Perplessità: se ne dessi cinque a stagione a Xabi per tre anni, non potresti darne cinque a Pirlo che è appena due anni più vecchio? Qui l'autobus si incastra, entra in un vicolo cieco e fatica a trovare la strada libera. Xabi non è Pirlo, un grande centrocampista ma con caratteristiche diverse. Quindi meglio non fare confusione: può darsi che lo spagnolo rinnovi con il Real, oppure che vada da Mou al Chelsea, il resto oggi lo vedo più complicato. Il professor Pirlo ha parlato dopo Italia-Germania, sostenendo cose che vi raccontiamo da settimane: vuole giocare, vuole fiducia, alla Juve resterebbe ma a patto che le condizioni siano queste. E non è detto che lo siano. Soprattutto quelle economiche: sarebbe strano se Pirlo accettasse un anno di rinnovo, quando da qualche altra parte (vi abbiamo detto del Tottenham) gliene offrono tre a cifre robuste e quasi irrinunciabili. E se la Juve perdesse Pirlo? Ci resterebbe male, si fascerebbe la testa, ma poi dovrebbe regolarmente ripartire. Uno come Pirlo non lo trovi, neanche se lo cerchi con il lanternino. Uno come Xabi non è Pirlo. E se devi prenderlo con caratteristiche diverse hai un paio di strade importanti: lo prendi a zero (Fernando, nel mirino di tanti), oppure a tanti soldi (Nainggolan) ma coronando un vecchio progetto accarezzato a lungo. Avremo presto ulteriori sviluppi.

Quello di gennaio viene definito "mercato di riparazione", ma se De Laurentiis annuncia di voler mettere sul piatto un cinquantino di milioni tanto di riparazione non è. Accadrà molto più di qualcosa. Quasi sicuramente in casa Lodi: piace alla Fiorentina, ma per ora vince la timidezza, occhio al Torino new entry decisa delle ultime ore, a caccia da sempre di un uomo d'ordine per la felicità di Ventura. La Lazio? Anche, ma a patto che ci sia meno traffico a centrocampo. A maggior ragione se dovesse essere sacrificato a Hernanes (conviene rischiare di perderlo a giugno, a un anno dalla scadenza) senza la sicurezza del rinnovo? Anzi con la quasi certezza che Hernanes oggi non intende rinnovare? La Lazio ha diverse cose da sbrogliare, per esempio l'equivoco Ledemsa-Biglia: l'uno esclude l'altro. E intanto si è portata molto avanti con il lavoro: sa che probabilmente perderà sia Klose che Floccari, in scadenza a giugno, confermato l'aggancio a Filip Djordjevic (prolifico serbo del Nantes) per la prossima estate, ve ne avevamo parlato oltre un mese fa. Gol assicurati, almeno sulla carta. Come quelli di Pietro Leonardi, amministratore delegato del Parma: la sua Onlus sbarca in Perù, per beneficenza. "Il pallone è per tutti... adotta un piccolo calciatore". A metà dicembre la sua organizzazione andrà nella zona più povera del Perù per adottare una squadra intera. Applausi.

Il gran ballo del Direttore (sportivo) andrà sicuramente in onda su questi schermi da qui alle prossime settimane. Milano da bere? No, Milano (calcistica) da rifondare. Thohir è appena arrivato, ha fatto le foto con Zanetti e Mazzarri, ha chiarito qualsiasi aspetto con Moratti. Molto presto, non obbligatoriamente prestissimo, dovrà anche prendere una decisione sul futuro organigramma: non mi riferisco alle cariche di presidente onorario, vice-presidente, consiglieri di amministrazione eccetera. Ma soprattutto ai capitoli "responsabile dell'area tecnica" e "direttore sportivo". Le posizioni di Marco Branca e Piero Ausilio verranno monitorate: rischia molto più il primo del secondo. E nella lista che hanno consigliato e/o presentato a Thohir spicca il nome di Walter Sabatini. Il re dei talent scout diventato, strada facendo, direttore di successo. Capace di superare le due stagioni orribili in sella alla Roma con la brillante motivazione implicita "ero in compagnia, c'era confusione". Il suo compagno era Franco Baldini, oggi al Tottenham. Ora Sabatini viaggia da solo, in piena autonomia, decide da solo e ci mette la faccia, i risultati li vediamo. Presto dovrà decidere se rinnovare il contratto con la Roma, scadenza imminente, oppure se accettare il corteggiamento di Thohir, un bivio importante. In casa Milan la nuova sede è la fotografia più nitida della rivoluzione in corso: non so se Galliani si darà o meno alla politica, di sicuro è stato il dirigente che ha inciso di più, che ha dato contributi illuminati e illuminanti, a parte qualche passaggio a vuoto nell'ultimo periodo. Barbara Berlusconi ha scelto la squadra, Paolo Maldini compreso. Si tratta di capire come verrà coperto il ruolo di direttore sportivo. E Daniele Pradè, che sembrava un'idea di Galliani, può anche essere una nomination di Barbara. Occhio al passaggio precedente: il rinnovo con la Fiorentina. Se arrivasse subito spazzerebbe le voci, se non arrivasse le alimenterebbe.

La tessera del tifoso è morta, ma è come se non fosse mai nata. Salernitana-Nocerina non ha fatto che certificare una situazione fin troppo chiara. Pensavano di risolvere il problema con un pugno di noccioline. La tessera del tifoso, appunto. Quando poi al primo problema serio da risolvere, derby sentito, se ne sono lavati le mani senza troppi scrupoli. Hai la tessera? Bene, resti a casa. Quello che è successo dopo (le minacce ai giocatori della Nocerina) di sicuro appartiene al museo degli orrori. Ma se mi dicono che con la tessera del tifoso ho la sicurezza di assistere anche agli eventi più a rischio, così deve essere. Ora dovrebbero essere sollevati dall'incarico tutti quelli che avevano spinto simile svolta, con certezze assolute. E ha ragione da vendere l'illuminato Malagò, presidente del Coni, quando dice che la responsabilità è anche e soprattutto della Lega Pro. La stessa Lega Pro governata da 120 anni (troppi? Per i danni procurati siamo lì) da Mario Macalli, il ragioniere. Lo stesso celebrato a lungo anche da giornalisti di presunto spessore nazionale che oggi si scandalizzano se qualcuno dice (sbagliando) che la Lega Pro andrebbe abolita. "Viva Macalli, bravo Macalli, bella idea di Macalli". Mai una critica, mai un'osservazione, mai un'inchiesta sui veri mali dell'ex serie C. Il giornalismo di comodo che distrugge ciò che resta del calcio. Se siamo messi così la colpa è di chi anziché denunciare e scrivere ha chiuso gli occhi per e sempre. Al motto "viva Macalli": siamo ridotti proprio male.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C'è una guerra in corso per il Var? Stecca la Juventus, fermando Piatek. Pare già mercato con Paquetà 21.10 - Anche nella giornata di ieri il Var è stato assente non giustificato nell'espulsione di Milinkovic-Savic, portiere della Spal. Vero è che il campo di applicazione non poteva intervenire nel doppio giallo del numero uno serbo (sarebbe anche utile capire se sarebbe scattata l'ammonizione...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy