HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Pjanic come Iuliano e Orsato come Ceccarini. Douglas Costa, il miglior acquisto della scorsa estate. I campioni fanno la differenza

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
29.04.2018 14:37 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 54506 volte
Pjanic come Iuliano e Orsato come Ceccarini. Douglas Costa, il miglior acquisto della scorsa estate. I campioni fanno la differenza

Inter-Juventus è durato circa un quarto d'ora. Un inizio imballato, un errore di Barzagli che poteva dare modo a Icardi di azzannare la preda come uno squalo, stavolta troppo tenero e non cattivo, nonostante gli ottimi trascorsi contro i bianconeri. Poi è arrivato il gol di Douglas Costa, con un Handanovic immobile e probabilmente colpevole, poi il rosso a Matias Vecino per un intervento che, con il Var, è da sconsiderati, per usare un eufemismo. La Juventus rimane a più uno dal Napoli, virtualmente e se dovesse vincere a Firenze, in realtà sono quattro lunghezze.

Poi c'è una seconda questione, molto più grave. Detto che Orsato non ha avuto problemi a dispensare cartellini sin dal primo intervento - di Cuadrado - bisogna segnalare un evidente uso monco del Var, da cambiare al più presto. Pjanic appena prima della mezz'ora ha sgambettato Rafinha, in ritardo. Giallo ineccepibile, per l'arbitro non è nemmeno fallo. A parte la topica - perché era chiaro che fosse da fischiare - non c'è stata la possibilità di utilizzare la tecnologia come per Vecino (dove il rosso era più che giusto). Due pesi e due misure che non dipendono dall'arbitro, bensì dall'uso che se ne può fare. Si sarebbero evitate polemiche - che ci saranno - e lo spettacolo ne avrebbe giovato. E nel secondo tempo c'è anche un errore più grave, enormemente: ancora lo stesso Pjanic compie un intervento in ritardo, con la gamba sul costato dell'avversario. Sarebbe impossibile non dare giallo, Orsato è a due metri, non può non aver visto. Da attendersi una lunghissima squalifica perché, nei giorni dei vent'anni di Ceccarini, è possibile che questo intervento venga rivisto come quello di Iuliano su Ronaldo.

Di chi è il merito di questo Scudetto, eventuale, però? Nessun giocatore acquistato in stagione ha avuto l'impatto, devastante, di Douglas Costa, furetto impazzito - ma dai piedi brasiliani - che scardina le difese con la propria velocità, salvo poi demandare alla tecnica quando serve. 45 milioni di euro, più un discreto numero all'anno: sono soldi che non tutte le squadre possono permettersi, soprattutto in un'annata dove non hai venduto Pogba o simili, rinforzandoti ulteriormente per la Champions League. Però è il segno dei tempi, per vincere occorrono i campioni, costruendoli in casa - come può e sta facendo il Napoli - rischi sempre di rimanere un attimo indietro. Perché se è vero che Koulibaly oramai è a livelli straordinari (giocasse in Premier costerebbe come van Dijk, forse di più) ma ci sono voluti anni per arrivarci, soprattutto in termini di continuità. Alla fine è stato HIguain a cambiare tutto quanto, a trasformarsi da Re Mida e far diventare oro il colpo di testa al novantesimo. I campioni fanno la differenza.

Per concludere, a cambiare tutto, è stato il cambio Icardi-Santon. Con zero palloni toccati, il difensore nerazzurro ha cambiato tutto, facendosi sfilare da Cuadrado sul 2-2 e da Higuain, che cerca di trattenere, sul 3-2. Quasi da masochismo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve Campione nel deserto d'Italia. Spalletti, cosa combini? Derby milanese per Mulattieri. Follia a Perugia. Seconde squadre? Sì ma senza promozioni 14.05 - Ha vinto la Juventus. Qual è la novità? In Italia c'è il deserto e dobbiamo solo ringraziare il Napoli se, a Torino, hanno festeggiato a maggio e non a marzo. Ormai è diventato un problema di mese. Sinceramente una roba triste. La storia dice che, in Italia, lo scudetto va alla Juventus...

EditorialeDI: Marco Conterio

Emre Can e il mercato dei colpi di scena della Juventus. Milan, altra rivoluzione in vista e occhio ai tanti cambi in panchina in Serie A. Seconde squadre: a chi servono? 13.05 - Emre Can sarà un giocatore della Juventus. Che ha deciso, per la prima volta, di optare per una clausola rescissoria nel contratto di un giocatore, pur di farlo sbarcare a Torino. Quello dei Campioni d'Italia, al quarto meritato poker consecutivo e al settimo Scudetto di fila, è certo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, ora Allegri è più vicino a rimanere. Conte al Napoli difficile. Talisca e Coric per la Roma 12.05 - La tentazione Arsenal c’è sempre, l’idea di rilanciare un club ambizioso come quello inglese non è tramontata in maniera definitiva, ma la novità ora è che Allegri potrebbe restare in bianconero almeno un altro anno. E questa è la conferma che nel mercato gli scenari cambiano in fretta....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy