VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Pogba, ecco l'offerta di Mourinho. Juve pensa a Kanté, sconto per A.Gomes. Montella altro mister sbagliato: vuole Paredes, Fernando e Mati. Milan, la vendita slitta?

01.07.2016 13.55 di Enzo Bucchioni   articolo letto 114822 volte
Pogba, ecco l'offerta di Mourinho. Juve pensa a Kanté, sconto per A.Gomes. Montella altro mister sbagliato: vuole Paredes, Fernando e Mati. Milan, la vendita slitta?

Gira che ti rigiro, il discorso cade attorno ai soliti noti. Pogba che fa? Saperlo. Quando hai un procuratore che di nome fa Raiola può succedere di tutto e di più in ogni momento. La Juve lo vuole tenere e questo da Elkann in giù l'hanno detto tutti. Ma Pogba vuole restare? Già, saperlo.

Ricordiamo che guadagna 4,5 milioni di euro e chi lo vuole sta pensando di offrirgli almeno il doppio. E se è vero che i soldi nella vita non sono tutto, è anche possibile che Pogba decida di restare a Torino.

Intanto dopo il Real e i fuochi d'artificio dei giornali spagnoli che per una settimana hanno parlato di un'offerta superiore ai 120 milioni (!) , ecco il vento inglese. Della Brexit Mourinho se ne frega, lui gli Europei (inteso come calciatori) li vuole e un francese come Pogba sarebbe l'uomo giusto per il centrocampo del suo Manchester. Un ritorno a casa. Da Londra fanno sapere che la prossima settimana la società inglese farà una proposta ufficiale alla Juventus, proposta già anticipata in questi giorni direttamente ai dirigenti torinesi. Volli, fortissimamente volli. E allora pagare. Quanto? I soliti 120 milioni del Real o giù di lì.

E se dietro questa asta che sta per scatenarsi ci fosse Raiola? Nessuna meraviglia. Per la chiusura della vicenda non resta che aspettare la fine degli Europei. Dopo il dieci luglio il mercato coinvolgerà anche i giocatori più importanti, non solo Pogba, ma anche Lewandwsky (vuole il Real) e non solo.

Un altro nome che gira è quello di Kantè, centrocampista centrale del fenomeno Leicester. E' stato offerto alla Juve, ha una clausola da 25 milioni che, però, i bianconeri non sono disposti a pagare. Arriva lo sconto? La Juve aspetta, ma la pista è buona e dopo Pjanic un altro centrocampista servirebbe di sicuro in attesa del recupero di Marchisio. Più fredda, invece, la pista che porta ad Andrè Gomes. Il portoghese è una delle delusioni dell'Europe, non ha mai incantato. La Juve lo vorrebbe a 35-40 milioni, il Valencia insiste sui sessanta di due mesi fa. E' dura. Più vicino, invece, l'arrivo di Benatia con il quale la Juve ha un rapporto che va avanti da mesi fino a convincere il giocatore a ridursi l'ingaggio. Si tratta ora di chiudere con il Bayern il prestito con riscatto per l'anno prossimo.

Rimanendo su Raiola e le sue bombe di mercato, alla fine Ibra è andato dove tutti (tranne qualcuno) pensavano, vale a dire e guarda caso, al Manchester United. Vorrei vedere le facce di tutti quelli che hanno abboccato alle parole di Raiola che un giorno lo dava al Milan, un altro all'Inter, poi alla Roma o al Napoli. Ma anche alla Juve. Raiola il massimo l'ha raggiunto ieri quando alla Rai ha detto "Ibra non ha ancora deciso" più o meno nel momento in cui lo svedese annunciava l'accordo con Mou. Almeno avessero il pudore di mettersi d'accordo. Morale: questa è l'ennesima conferma che nessuna società italiana può permettersi ingaggi superiori ai quattro-cinque milioni e quando un giocatore ha come procuratore Raiola il mercato è sempre uno show. Inevitabile, quindi, tenere calda la pista Pogba.

In attesa, il Milan ha scelto l'allenatore. Almeno quello, direte voi. Non per gufare, ma attorno e per Montella ho più di un dubbio. L'allenatore è un potenziale talento, ma forse ha pensato troppo presto di essere un fenomeno della panchina. Umiltà zero. Allena da poco, vittorie nessuna: è pronto per questo Milan? A Firenze ha fatto bene, ma perso tutte le sfide importanti dalla finale di coppa Italia con il Napoli, alle due semifinali di Europa League e coppa Italia con Siviglia e Juventus. Addirittura buttate via. Un altro Prandelli, bravino ma perdente. Questo no, ha quasi vent'anni di meno e tempo a disposizione, ma con la Samp ci ha capito poco o nulla. In una società in pieno caos come il Milan, senza protezioni e scudi, uno spogliatoio non facile, con Berlusconi che di sicuro è convinto di essere un allenatore più bravo di lui, Montella avrà le difficoltà di Mihajlovic, Inzaghi e compagnia. C'è da scommetterci. Intanto Montella prende il premio-Ibra. Ha detto che ha sempre sognato il Milan, come la Roma, il Catania, la Fiorentina la Samp....

Ora vedremo se con Montella e i cinesi al Milan cambierà qualcosa. A proposito, la firma del preliminare di vendita dovrebbe esserci la prossima settimana, ma c'è anche chi parla di un rinvio in autunno per tutti i dettagli. Un altro slittamento? Forse no, ma questo spiegherebbe anche l'accelerata su Lapadula e l'ingaggio di Montella per la panchina. Galliani è sempre al potere. Ma i cinesi non volevano un allenatore di statura internazionale? Intanto si prendano l'Aeroplanino che, fra l'altro, ha chiesto un Milan con un centrocampo tutto nuovo. Vuole giocatori tecnici, in particolare il suo pupillo Mati della Fiorentina, gli piace Fernando che aveva alla Samp. Nella lista c'è pure Paredes della Roma e non gli dispiacerebbe riavere Ljaijc. Kucka andrà al Toro, non sappiamo cosa succederà della lentezza di Montolivo e dei venti milioni spesi per Bertolacci. Unico adatto ci sembra Bonaventura.

Problemi grossi anche per il Napoli. Quello che avevamo scritto tempo addietro è successo. Higuain non rinnoverà, ma Adl lo sapeva da mesi. Nessuno ha pagato i 94 milioni di clausola (scadeva ieri). E adesso? Se Adl vuol fare il duro e portare Higuain a scadenza nel 2018 rischia di perdere qualche decina di milioni e di avere per due anni un giocatore scarico e demotivato. Se lo può permettere? Assolutamente no. Meglio lavorare sott'acqua, in accordo con il suo procuratore-fratello, per cercare una soluzione buona per tutti. Non è difficile mettere una contro l'altra Chelsea, Manchester e Psg e scatenare un'asta. Se sono bravi, una sessantina di milioni e forse più, potrebbe arrivare. C'è una terza strada, dimostrare a Higuain che s'è sbagliato e fare un grande Napoli. Perché no? Su Herrera ieri c'è stata un'accelerata, il Napoli ha alzato l'offerta di tre milioni (23) e forse ci siamo. Torna in ballo l'accoppiata Kalinic-Vecino. Tempo fa Adl ha chiesto Vecino direttamente a Diego Della Valle, scherzando ha parlato di assegno in bianco. Kalinic piace sempre molto. Cinquanta milioni per due? La Fiorentina non ci sente, ma il pressing è sempre alto. I viola fino a quando resisteranno?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.